1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fborchi

    fborchi Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Dopo parecchi anni di professione anche a me tocca tribolare per incassare la mediazione. L'affare e' di notevole valore (trattasi di un piano di recupero di 7000 mc); il preliminare fu sottoscritto nel 2007 ed era condizionato al rilascio del permesso a costruire ora disponibile per il ritiro. La societa acquirente voleva ritrattare al 50% la somma ma ovviamente i venditori (ora gli eredi del de cuius) non accettano e verosimilmente si tratterranno la caparra composta da parecchi zeri. Ho difficolta a vedermi riconoscere la mediazione sia dagli uni che dagli altri e in previsione di una causa ho raccolto 2 dichiarazioni da consulenti (geom dell'acquirente e comm.sta del venditore) presenti come me al preliminare che dichiarano entrambi che l'affare si e' concluso per la mia prestazione. Domande:
    1) basteranno queste dichiarazioni al giudice per provare il mio coivolgimento?
    2) dovro' emettere fattura durante la causa o potro' aspettare il pagamento?
    3) il giudice decide "secondo equita'", questa corridponde sempre agli usi e consuetudini?

    scrivo mentre sono in ferie, ovviamente rovinate da questo evento.... Poteva e doveva essere l'affare per risollevare morale e c.c. ed invece .........fegato amaro!!
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Se nel preliminare hai fatto sottoscrivere che era sino al raggiungimento del PDC e durante il percorso di mediazione sono cambiati gli eventi, non certamente imputabili a causa tua (negligenza, errori di vario tipo, scontri tra clienti che ti coinvolgono), ma qualcuno delle parti ha ccambiato idea o non sono state concluse le operazioni preliminari dell'atto progettuale, allora non mi preoccuperei più di tanto...
    Se poi le parti hanno anche sotto scritto che da parte loro l'affare è stato concluso e non vi sono riserve, allora tanto meglio è un atto importante...
    Per la fattura, non la emetterei sino a al pagamento ed intanto emetterei una pro-forma...
    Per il giudice penso (e questo non si può sapere come la può pensare o cosa desume dalle carte) che decida secondo equità ed in base alle documentazioni ...
     
  3. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Quoto in toto Architetto e aggiungo, se te lo puoi permettere, non transare ma pretendi quanto pattuito dato che in questi tre anni sicuramente ci hai lavorato.
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    1) tutto quello che porterai al giudice, a tuo conforto, agevola anche il suo lavoro;
    2) se emetti la fattura puoi chiedere un decreto ingiuntivo. In mancanza non puoi chiederlo.
    3) no, il giudice, se non ha elementi certi sull'accordo provvigionale pattuito, può decidere autonomamente. Comunque nella maggior parte dei casi consulta gli usi provinciali.
     
    A leonard piace questo elemento.
  5. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    noi abbiamo diritto alla mediazione per la conclusione dell'affare:affermazione:
    in questo caso l'affare non si è concluso, e i venditori si sono trattenuti le somme versate, ma con questo non significa che l'affare è stato concluso!
    Secondo me puoi chiedere solo eventuali danni o penali per mancata vendita, se queste sono previste, ma non la mediazione:affermazione:
     
  6. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Mia opinione seguendo la logica:
    "Se l'affare non si fosse concluso, i venditori restituivano le somme versate dagli acquirenti.
    Ciò stà a significare che l'affare lo ritengono concluso e pertanto già loro devono pagare il mediatore.
    Idem per gli acquirenti che si sono ritirati."
     
  7. fborchi

    fborchi Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    L'affare lo considero concluso in quanto la condizione prevista nel preliminare e' stata superata con la disponibilita' del comune al rilascio del permesso. Emettere la fattura per il decreto ingiuntivo, vista la somma, mi comporterebbe notevole disagio sia per l'IVA che per l'IRPEF quindi dovro' percorrere altra strada.
    Secondo voi al giudice basteranno le dichiarazioni dei professionisti presenti al preliminare o ci vorranno altre prove (che non ho tra l'altro)?
     
  8. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    i clienti hanno rinunciato alla perfezione del compromesso, quindi non vedo nessun affare concluso, devi e puoi cheidere solo danni per mancata vendita ;)

    Che scrivi su un'eventuale fattura? mediazione? ma mediazione di cosa se l'affare non è stato perfezionato?
     
  9. fborchi

    fborchi Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La firma del compromesso con caparra confirmatoria corrisponde ad un vincolo giuridico: l'affare e' da intendersi concluso. Altrimenti perche possiamo riscuotere la mediazione al preliminare se non fosse cosi? Io non riscossi all'epoca perche c'era una condizione che adesso si e' verificata quindi le parti sono obbligate giuridicamente ad adempiere al preliminare.

    Ti metto un paio di link a tal proposito (presi al volo online)

    Mediazione, definizione di affare compiuto e contratto preliminare

    La mediazione immobiliare. Paola Pezzali
     
  10. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    "Per affare compiuto, ai fini del diritto alla provvigione derivante da un contratto di mediazione, deve intendersi un atto da cui è scaturito un vincolo giuridico tra le parti messe in relazione per effetto dell'attività intermediatrice, che consenta loro di agire per l'esecuzione di esso, con la conseguenza che anche la conclusione di un contratto preliminare può essere ritenuto un affare compiuto."

    tu non hai concluso l'affare, infatti non ti hanno pagato perchè il compromesso era condizionato!
    Il contratto poi si è interotto per volontà di una parte, quindi non sì è concluso!

    Dimmi ma sulla fattura cosa scriverai?
     
  11. fborchi

    fborchi Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Antonio mi sa che ti stai confondendo: una volta firmato il preliminare con caparra confirmatoria, lo stesso diventa un vincolo giuridico pertanto l'affare giuridicamente e considerato concluso, punto. Se tra il preliminare o una o entrambe le parti si rendono inadempienti e/o bilateralmente decidono di risolvere il compromesso questo non va ad inficiarei il lavoro svolto da l'agente imm.re. Di questo ne sono certo viste le centinaia di sentenze in merito. Io non ho questo dubbio, non so solo se le prove che ho possono o meno essere sufficenti per il giudice. Una volta che la condizione si verifica e' palese che tutto diventa esecutivo e le obbligazioni sono da onorare ivi compresa la mediazione. Nel caso specifico la tentata ritrattazione dell'acquirente e' stata tentata dopo che il comune si e' reso disponibile al rilascio e non prima quando ancora la condizione sospendeva le obbligazioni.
     
    A Antonio Troise piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina