1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Massi69

    Massi69 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera,

    Sto per effettuare il rogito per l'acquisto di un appartamento, in via di ultimazione e avrei bisogno di un consiglio.
    Ho scoperto che la piantina che e' stata appena accatastata, differisce dall'appartamento reale.
    L'appartamento e' costituito da due piani. La finestra del bagno del piano piu' basso, non e' riportata sulla piantina, mentre la porta d'entrata del piano alto si trova spostata in avanti di circa un metro, rispetto alla planimetria e riduce di circa un metro quadro la grandezza dell'appartamento.
    Il costruttore mi dice che questo non comporta alcun problema e che, in futuro, potrei far effettuare la variazione catastale.
    Mi sembra di aver capito che il costo non sarebbe esiguo e mi chiedo se sia il caso di irrigidire la mia posizione e richiedere una variazione, oppure lasciare le cose comme stanno.
    Mi chiedo, inoltre, se queste differenze potrebbero creare dei problemi con il la verifica dell'appartamento per l'ottenimento del mutuo.
    Grazie in anticipo a chiunque mi possa aiutare a capire la situazione.

    Max
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Fai sistemare il progetto al comune e la planimetria al catasto per come è stato realmente realizzato, perchè al momento del sopralluogo del tecnico nominato dalla banca per il rilascio del mutuo può farti problemi e poi al rogito si deve dichiarare la conformità catastale delle planimetrie quindi decidi di conseguenza.
     
    A Massi69 e Much More piace questo messaggio.
  3. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Come prima cosa, puoi verificare se nella documentazione presentata in comune risulta com'è in realta, se così non fosse, prima del rogito, anzi ancor alla sottoscrizione dell'accettazione compromesso, pretenderei che siano sistemate le situazioni, sia comunali che catastali; non accetterei nulla che sia difforme allo stato finale dei lavori presentato in comune e con difformità catastali.
    Non dimenticherei che a questo sia da richiedere l'agibilità degli ambienti o dell'intera palazzina.
    Spero esserti stato d'aiuto.
     
    A Massi69 e enrica agnelli piace questo messaggio.
  4. Massi69

    Massi69 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille per la risposta.
    Scusami se approfitto nuovamente della disponibilita', ma visto che dal costruttore minimizzano sull'importanza delle differenze, vorrei sapere se mi sai dire se esiste una normativa che li obblighi a provvedere alla normalizzazione, senza che io rischi l'annullamento della vendita.
    Grazie in anticipo.

    Max
     
  5. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Per la correzione di quanto in progetto depositato al comune se non già fatto è il D.P.R. 380/01, per la correzione catastale prima del rogito è disciplinato dall'art 19 comma 14 legge 122/2010 che integra l'art. 29 legge 52/85, ti aggiungo di farti dare dal costruttore anche il certificato di agibilità cosi come previsto dall'art. 24 D.P.R. 380/01, se non c'è l'ha esortalo a farlo, il tutto prima di intraprendere qualsiasi accordo.
     
    A enrica agnelli piace questo elemento.
  6. enrica agnelli

    enrica agnelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Sottoscrivo quello che ti hanno detto salves e architetto...ricorda al costruttore che i tempi sono cambiati e adesso deve essere tutto rigorosamente in ordine altrimenti ti bloccano l'acquisto gia' dal perito della banca che ti deve dare il mutuo!
    Mi raccomando fai tutto prima della sottoscrizione dell'accettazione del compromesso!!
    Se a livello comunale e' tutto in regola,cosa che non credo affatto, deve fare solo una modifica catastale che non e' onerosissima!!
     
  7. Massi69

    Massi69 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta,

    In realta', il compromesso e' gia' stato fatto qualche mese fa, allegando una piantina del tutto provvisoria, naturalmente non registrata al catasto.
    Il costruttore mi dice che le modifiche sono di dettaglio e che a me non cambia nulla, che il perito della banca per il mutuo, sicuramente non avra' nulla da eccepire e che, se proprio voglio, posso richiedere una semplice modifica ad un geometra. Ho scoperto successivamente che l'eventuale pratica sarebbe alquanto onerosa e non mi sembra giusto dover pagare altri soldi per un errore, o una scelta fatta da loro.
    Oramai ho venduto il mio appartamento e non potrei tornare indietro nel caso in cui mi dicessero che non si vogliono assumere la responsabilita' ed i costi della modifica...
    Speriamo bene.

    Grazie ancora a tutti.
     
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La legge che devi invocare è la 78 del 2010 che obbliga a rogitare con la planimetria catastale conforme allo stato di fatto, pena l'annullamento dell'atto.

    Non esiste proprio che debba pagare tu, in seguito, per una variazione fatta in corso d'opera e non ininfluente, dal momento che si tratta di una finestra che non dovrebbe esserci e invece c'è...

    Mi sembra assurdo e tu, a costo di andare in affitto e far pagare le spese al costruttore, devi rifiutarti di acquistare un immobile nuovo difforme !!!!:disappunto:

    Silvana
     
    A Much More e enrica agnelli piace questo messaggio.
  9. Massi69

    Massi69 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per il consiglio,

    Provero' a far sentire le mie ragioni.
    La mia preoccupazione e' che si irrigidiscano e mi creino problemi.
    Speriamo bene...
    Vi terro' informati.

    Massimiliano
     
  10. AngeloC

    AngeloC Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Non mi preoccuperei di eventuali irrigidimenti da parte del venditore (sarebbe solo un bluff!): come giustamente hanno detto già gli altri, è il costruttore ad essere in torto, per cui rischierebbe (in caso non volesse intervenire a sanare tutto prima del rogito) di dover restituire il doppio della caparra. Per la piantina provvisoria, in fase di rogito, deve essere prodotta quella ufficiale del Catasto.
    Mi raccomando, che il Notaio sia di tua fiducia, e non nominato dal venditore!!!
     
    A enrica agnelli piace questo elemento.
  11. enrica agnelli

    enrica agnelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Confermo e sottoscrivo!!!!!!
     
  12. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Altro che nessun problema!
    Questo tipo mi pare poco affidabile, perchè non fai vedere dal vivo da un tecnico TUO la situazione?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina