1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    La scossa del presidente nazionale della Fiaip: 80.000 immobili venduti all'estero nel 2013

    "Gli italiani vogliono comprare casa ed i soldi ci sono: basta piangersi sempre addosso"

    Basso (Confindustria): occorre rilanciare i consumi per uscire dalla crisi

    Che il mercato immobiliare sia in crisi è ormai un dato di fatto acquisito. Che si cominci a ragionare concretamente sulle possibili soluzioni, è una cosa molto positiva. Una bella “scossa” in tal senso l’ha fornita il presidente nazionale della Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliare professionali), Paolo Righi, alla presentazione dell’osservatorio immobiliare di Avellino e provincia curato dal responsabile Massimo Spagnuolo della Fiaip irpina presieduta da Salvatore Mirabile.

    “Basta parlare di crisi – dice Righi -. Questo è il mercato oggi e quindi dobbiamo essere consapevoli che stiamo giocando l’ultima partita: speriamo di non fare come la Nazionale di calcio. Che facciamo, chiudiamo tutto e andiamo a casa? Non credo sia il caso, quindi occorre organizzarsi. Non è vero che gli italiani non vogliono comprare casa. I soldi ci sono, lo dimostra il
    fatto che, nel 2013, sono stati venduti 80.000 immobili all’estero, acquistati da nostri connazionali. Questo significa che anche le agenzie immobiliari devono cambiare passo e devono internazionalizzarsi.

    Dobbiamo creare tutte le reti necessarie affinché saremo in grado di consentire agli italiani di compare un immobile a Miami o a Napoli, a Parigi o a Roma.

    Non dobbiamo più essere localizzati nei nostri quartieri o nei nostri confini – prosegue il presidente nazionale della Fiaip – dobbiamo essere dei bravi consulenti e seguire il mercato.

    C’è voglia di compare casa, lo ribadisco. Il mercato c’è anche nelle aste immobiliari e nei pre-contenziosi bancari. Inoltre, il patrimonio immobiliare italiano interessa molto agli stranieri. Il

    momento è anche propizio: i tassi sono bassi, il sistema bancario ha una buona liquidità a disposizione e non sa a chi prestare il denaro”.

    Infonde ottimismo, dunque, il presidente Righi. Prima di lui, anche il presidente di Confindustria Campania, Sabino Basso, ha provato a fornire una possibile “ricetta” contro la crisi: “Certo è triste vedere tante saracinesche basse oppure immobili vuoti. Per uscire da questa situazione, occorre rilanciare i consumi, rimettere in moto il moltiplicatore che ci consenta di risalire la china. E dobbiamo incentivare i nostri giovani a non andare via, altrimenti tutto si ferma”. La crisi sta colpendo anche i notai.

    Lo ammette Franco Pastore, presidente del collegio notarile di Avellino. “Qualche anno fa ci eravamo organizzati per rispondere ad un periodo intenso di contrattazioni immobiliari. Oggi abbiamo una Ferrari che viene però utilizzata come una cinquecento”. Ma dalla crisi si può e si deve uscire. Parola della Fiaip nazionale che, su questo tasto, sembra essere molto convinta.

    Alfredo Picariello
    26/06/2014
     
    A gmp piace questo elemento.
  2. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Sempre con tempismo... è un mercato quasi saturo pure quello, chi c'era c'era, gli altri raccolgono briciole. Inoltre non può certo rispondere a una crisi interna...

    Il nostro dovrebbe invece pensare a reti di collaborazioni locali invece di cavalcare l'ovvio... è li che c'è bisogno di efficienza del sistema "agenzie" non è cercando di intercettare un mercato che ha già definite molte collaborazioni che sistemerà le cose, il mercato "estero" c'è sempre stato, oggi lo si nota di più.

    Su questo ha ragione, ma a dire il vero c'è sempre stata... mancano i soldi, non sono quelli che comprano all'estero, se pur una fetta importante, a sostenere un mercato come quello del real estate italiano.

    Che sia da sviluppare è certo, ma da almeno 7 anni ne ho sentito parlare ... oggi molti giochi sono in via di chiusura, ci sarà una curva ripida, un picco di delusione e un riallineamento.[DOUBLEPOST=1403851094,1403851041][/DOUBLEPOST]
    Ecco, questo è ovvio e condivisibile, ma non è un problema che possa risolvere la categoria degli agenti immobiliari, da sola.
     
    A Mil e Carlo Garbuio piace questo messaggio.
  3. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    i soldi ci sono, non sono mai spariti e, in questo caso, non servono dimostrazioni ... manca lo scambio, non la merce

    servono numeri, fatti, non parole e proclami
    nella provincia di Treviso le aggiudicazioni solo al 10%!!!!
    nel resto d'Italia che numeri ci sono?


    l'ottimismo a parole e quindi non supportato da indagini, dati, elementi chiari, concreti, oggettivi e misurabili rischia di diventare illusione ... la storia insegna ...

    affermazioni condivisibili che ma non rappresentano una novità: quanto lo dicono?
    tanti bravi analisti ma nessun medico che sia in grado di indicare una cura
    tutti siamo d'accordo sull'analisi ci serve chi ci indichi la strada, il COME uscire
     
    A Ale., Damiameda e Mil piace questo elemento.
  4. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    E' la solita storia, per coprire la crisi, in questi ultimi anni si è fatta molta politica sull'italiano che dovrebbe cercarsi il lavoro fuori dall'Italia, vendere le aziende italiane dello Stato ai privati,( guarda caso esteri), ecc.ecc.
    Cominci Righi a cercarsi il lavoro all'estero!
     
    A gmp piace questo elemento.
  5. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    strano mi risultava fossero 42.000...ma magari mi sbaglio ;)
     
    A gmp e Ponz piace questo messaggio.
  6. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ti ci metti pure te a guardare il capello :risata:
    e dai, Andrea, non sappiamo neanche di che estero stiamo parlando :D
    tu intenderai Europa ;) lui intenderà il mondo ;)
    hai visto quanto presto si sta a far tornare i conti :fico:
    basta restare imprecisi sempre e ... infondiamo ottimismo :festa:
    balliamo sul ponte della nave senza accorgerci del cubetto di ghiaccio (Iceberg=Montagna di ghiaccio) che abbiamo davanti :birra:
     
    A immozangara, Tobia e gmp piace questo elemento.
  7. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Righi: «Mattone, ultima occasione»


    [​IMG]

    AVELLINO. 28 giugno 2014 - Mutui su del 18% in tutta Italia ed in Campania, l’anno nero è superato ed il presidente della Federazione sferza gli agenti immobiliari: «C’è tanta voglia di casa, dobbiamo trarre il massimo dai primi sei mesi dell’anno». di Claudio Niola

    AVELLINO. 28 giugno 2014 - Sferza la platea degli agenti immobiliari irpini, il presidente nazionale della Fiaip, Paolo Righi, e lo fa diffondendo i numeri della crisi e quelli della “ripresina” di questo primo semestre del 2014, dove il peggio sembra essere finalmente passato. Ma non basta perché il canovaccio da seguire non è certamente quello attuale fatto ancora di troppe imposte e di incertezze sulla tassazione.

    La linea adottata da Righi ad Avellino è quella solita, dinamica e costruttiva della Federazione Italiana Agenti Immobiliari: «Abbiamo l’ultima occasione per ripartire - dice Righi alla platea - e ci stiamo giocando una partita che non possiamo perdere.

    I segnali positivi ci sono e vanno interpretati. Si registra, infatti, un aumento delle erogazioni da parte delle banche intorno al 18% (come dagli ultimi dati emersi anche per la Campania ndr) ed un leggero aumento numero delle compravendite.

    Significa che se le banche concedono qualcosa in più il mercato potrebbe riprendere, bisogna ripartire e per farlo bisogna rivedere la parte della fiscalità immobiliare che negli ultimi tre Governi ha portato ad una tassazione complessiva da 10 a 32 miliardi.

    Il mercato c’è, la voglia di casa c’è ma è cambiato il modo». Parole pesanti ma di speranza giunte al termine della presentazione dell’Osservatorio Immobiliare 2013, l’anno nero per l’intero settore che ha naturalmente colpito anche Avellino e provincia così come tutte le altre città della Campania.

    In tal senso è stato chiaro il messaggio lanciato da Massimo Spagnuolo, responsabile dell’Osservatorio Fiaip presente al seminario: «Lo scorso anno il mercato immobiliare ha presentato un’offerta alta ma con una domanda ancora debole. Nel 2013 il mercato è ancora in calo anche se siamo alla fine del tunnel riscontrando una volontà delle persone di investire negli immobili ma per ripartire c’è bisogno che ognuno di noi, a partire dalle istituzioni, svolga il proprio ruolo a supporto di questo settore».

    E delle misure da mettere in campo parla il presidente provinciale Fiaip, Salvatore Mirabile, che sottolinea gli aspetti decisivi per la nuova ascesa: la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico garantendo stabilità normativa e riqualificazione, l’eliminazione delle tasse sulla prima casa, l’edilizia agevolata, l’accesso al credito e ulteriori interventi sulla cedolare secca. Un grido comune arrivato anche dalle altre associazioni del comparto e dell’indotto che hanno partecipato all’incontro in Irpinia e che non hanno lesinato richieste di interventi da parte delle istituzioni.

    «Il mito che il “Mattone” potesse rimanere un rifugio è stato sfatato - asserisce Sabino Basso, presidente regionale di Confindustria - intorno all’immobiliare si è generata una forma di terrorismo che causa paura in coloro che decidono di investire.

    Gli immobili non occupati, non venduti, sono parecchi ma se non puntiamo sullo sviluppo, unica vera soluzione per la ripresa, offrendo a giovani ed imprese l’opportunità sul territorio, in Provincia, questo settore sarà destinato a morire perché, con questa fuga di cervelli, tra 15 anni il 65% della popolazione irpina sarà pensionata». Ad “ascoltare” il polso all’immobiliare, tuttavia, ci ha pensato Corrado Mamotti, direttore commerciale di Nexus, e per fortuna si tratta di notizie positive che testimoniano con i numeri la sperata e tenue ripartenza: «Il mercato è finalmente ripartito.

    L’inversione di tendenza che si sta registrando in questo primo trimestre del 2014 con il +10% era già presente alla fine dello scorso anno dove, nonostante i segnali negativi che si sono registrati, si poteva evidenziare un piccolo cambio di rotta. Le banche, infatti, hanno nuovamente interesse verso il prodotto mutui grazie ad alcuni segnali che hanno segnato il cambiamento: discesa dei tassi di interesse del prodotto mutuo, normalizzazione del mercato della liquidità una “temperatura del sistema” che si è abbassata.

    Grazie a questa ripresa, finalmente lo strumento di credito torna funzionale per l’intermediazione immobiliare». Presente al convegno anche l’Ance con il presidente provinciale, Giuseppe Scognamillo: «Per risollevarci - spiega - dobbiamo puntare su qualcosa di nuovo che è sostanzialmente il riuso del vecchio. Un riuso che sta per rigenerazione urbana sostenibile, come ha sottolineato anche l’ordine degli Architetti, rendere efficiente il patrimonio che attualmente non lo è.

    Nella rimessa sul mercato di questi beni c’è il futuro del nostro lavoro ma non basta. C’è bisogno di una classificazione energetica ed una politica di accesso al credito seria». «Se il mercato edilizio non si riprende non c’è futuro non solo per la nostra Provincia ma per l’intero Paese - afferma invece Antonio Famiglietti della Cgil - speriamo che ci siano altri momenti di confronto che riescano a trovare tra tutti i soggetti che operano nel settore una sinergia un impegno diverso per rilanciare il settore».

    «Ci dobbiamo abituare che questo è il mercato. Dal 2007 ad oggi sono stati distrutti 60 anni di mercato immobiliare ed edile - dichiara infine Silvio Sarno, presidente nazionale Atecap - è cambiata la logica del mercato. Tutto il lavoro che è stato fatto in queste tre generazioni sembra essersi dissolto in questo nuovo mercato».
     
  8. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    se metti la fonte si capisce l'obiettività.
     
  9. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    che intendi? e' una conferma o un invito? io metto sempre il link sul titolo. :)
     
  10. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    era un invito di chi non aveva visto il link :D

    uscendo un attimo dal topic prenderei il programmatore del sito e lo strozzerei sia per joomla (che io odio) che per la generazione degli url ..../joomla/component/content/article/39-mercato-iobiliare/2019-righi-lmattone-ultima-occasioner.html ma sono gente scelta da dirigenti fiaip di sicuro :)

    Capisco anche perchè cercando con google intere frasi di quel testo quel sito sia invisibile (in fiaip ci sono esperti ceh rendono invisibile qualsiasi cosa ai motori di ricerca, il vecchio cercacasa era un case study per imparare come non indicizzare un sito)

    ;)

    Comunque ho capito la fonte, la cricca righiana della campania.... mi pareva troppo ... troppo.
     
    Ultima modifica: 28 Giugno 2014
    A sylvestro piace questo elemento.
  11. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Leggendo i due articoli non ho capito bene:
    siamo all'uscita del tunnel o rischiamo di fare la fine della nazionale?
     
  12. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Temo che la linea "dinamica e costruttiva" si possa ridurre ad un pensiero:

    Più ottimismo --> più tessere associative --> più tranquillità economica in federazione..

    La crisi ha colpito anche in alto.
     
    A Antonello e dormiente piace questo messaggio.
  13. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Sono articoli marchetta.

    Sarebbe come se io facessi un articolo su Pistoia Casa e lo intitolassi "il mercato pistoiese è rinato!" inserendo nel testo "Pistoia Casa da una sferzata al mercato immobiliare..."
     
    A Antonello e Tobia piace questo messaggio.
  14. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Oppure le previsioni meteo stranamente sempre ottimistiche previste nei weekend di vacanza..
     
  15. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    BOLLETTINO IMMOBILIARE MATTEO CORSINI IL MATTONE NON DORME MAI PRONTI A RIPARTIRE

    Roma 30 Giugno 2014
    Corsera.it

    Roma mercato immobiliare pronti a ripartire.

    Secondo Matteo Corsini il mercato immobiliare in Italia e' pronto a ripartire."Tutti gli indicatori volgono al bello.Sebbene gli ultimi mesi siano stati difficili le vendite riprendono a ritmo sostenuto e gli investitori cominciano a fare capolino.IL mercato immobiliare e' sempre vivo in Italia la sua brusca correzione al ribasso ha fatto soltanto del bene al settore.Con i prezzi piu' bassi le vendite fioccano e siamo tutti felici che le negoziazioni ormai siano all'ordine del giorno.I mercati duri durissimi come quello che abbiamo affrontato in questi ultimi mesi sono per i veri professionisti quelli che non si arrendono difronte a niente e a nessuna cosa.Difficile dire chi e' sopravissuto chi continua ad operare con successo,sicuramente il mercato e' diventato piu' selettivo e soltanto le migliori offerte incontrano l'interesse degli investitori.Il trading e' ancora difficile da individuare,il margine sulle operazioni e' quasi scomparso,ma basta credere e qualcosa di buono esce sempre dal cilindro dei migliori professionisti del settore."

    [​IMG]
    "Con un mercato in decelerazione come quello che abbiamo vissuto e' necessario concentrarsi su poche operazioni le migliori quelle di qualita'.Il mattone in Italia non tradira' mai ed e' giusto che la crisi abbia spazzato via tutti coloro che non hanno esperienza un feed back da spendere.Non ci sono azioni del Nasdaq obbligazioni che possano rendere alla lunga come il, mattone.Oggi il mercato offre molte occasioni per tutti e credo che le cose miglioreranno nei prossimi mesi.Chi ha acquistato ne corso di questi ultimi sei mesi fara' salti di gioia a settembre.Questo mercato nasconde il buono nel cattivo le opportunita' tra i mattoni che non funzionano.Le crisi sono come rivoluzioni,utili a fare piazza pulita degli operatori inesperti,quelli improvvisati,ma sopratutto della speculazione virtuale.ll mattone buono si distingue da quello cattivo perche' produce utili e' ben posizionato interessa alla clientela internazionale disposta a tutto pur di abitare in una bella casa o acquistare un bel palazz:shock:ggi disponiamo di mezzi potentissimi i portali immobiliari che sono ormai dei veri e propri borsini del mercato immobiliare.E' possibile vendere la propria abitazione in poche ore pochi giorni,la cosa importante e' azzeccare il prezzo giusto.Il real estate del futuro e' la piu' grande borsa del mondo almeno in Italia dove il mercato azionario e' visto con diffidenza.Lo scambio diventa piu' veloce,le informazioni circolano piu' velocemente e basta saper cogliere la migliore opportunita' per fare un buon affare.Credo che questa crisi abbia cambiato il mondo del real estate italiano che sia una maggiore professionalita' tra gli operatori, ma sopratutto che gli investimenti devono essere produttivi di redditi,altrimenti il mattone diventa carta straccia proprio come un'azione di Wall street. Viviamo e lavoriamo nel migliore e piu' grande mercato del mondo il real esatte market e la fortuna vuole che nulla mai potra' distruggere il mattone come forma di investimento. Le forti turbolenze a cui abbiamo assistito sono semplicemente la conseguenza di una forte espansione speculativa che credo stia per tornare,perche' non c'e' niente di meglio al mondo che fare ricchezza, produrre benessere,sopratutto dare il giro alla moneta.Noi siamo la giostra su cui gira l'economia italiana noi siamo il carburante del sistema economico del paese,perche' senza mattoni non esiste economia finanza non esiste futuro per i nostri figli.L'impegno e' maggiore,il livello di preparazione piu' professionale,i sistemi di contrattazione sempre piu' sofisticati.

    E' il mercato del futuro quello che ho sempre sognato quello che gira ad ogni ora del giorno e della notte,perche' "il denaro non dorme mai". Vendere oggi la vostra casa il vostro palazzo la villa il centro commerciale e' negoziabile a qualsiasi ora del giorno e della notte.I mercati immobiliari non chiudono mai e siamo oggi nel tempio dell'investimento produttivo.Il real estate italiano piu' di Wall street meglio di Wall street e' lo spirito di una nazione che vuole risalire la china che vuole sprigionare le energie.e dunque dobbiamo crederci piu' e meglio degli altri,dimostrare che l'Italia e' una squadra vincente fatta di tanta brava gente soldati invincibili.Noi operatori del settore dobbiamo crederci piu' degli altri,dimostrare che la macchina arrugginita del real esatte si muove ancora che e' ancora viva che nessuno anche volendo puo' spazzarci via.

    E allora mi rivolgo agli operatori che oggi sono in crisi,come noi esattamente come me,e gli dico a gran voce,non ti arrendere,guarda in alto,vai a dormrie presto,svegliati all'alba e comincia a batterti per portare a casa la piu' grande sfida in cui siamo impegnati in questi ultimi mesi,la rinascita del nostro mercato dell'immobiliare.In questo senso credo che gli operatori debbano unirsi trovare forza l'uno con l'altro e lo spirito di colleganza e di solidarieta' e' il principio fondamentale di questo nuovo prossimo futuro.Insieme vinceremo la crisi insieme saremo piu' grandi e potremo dimostrare che nessuna crisi e' in grado di sfinirci.

    Se vuoi lavorare con noi se credi nel progetto se credi nel mattone e non vuoi arrenderti chiamami 335******* ti accoglieremo nella nostra grande casa uniti come cemento armato indistruttibili.

    La crisi e' una finzione un momento speculativo ma adesso e' ora di cimentarsi nelle negoziazioni risolvere le vendite arrivare alla meta,tu puoi farlo da solo o insieme a noi.Vieni a lavorare da Abramovich real estate entra a far parte di una squadra vincente. Se vuoi battere la crisi dormi in ufficio eviterai il traffico per arrivare alla tua postazione.Se vuoi battere la crisi alleati con i migliori di te.Ah e la mattina doccia fredda corrobora il corpo e la mente.

    Se sei un guerriero invincibile chiamami lavoreremo insieme. I miei migliori saluti ai veterani di questo mestiere Roberto Berdini colpito da infarto a Nello Vinaccia che da settimane sta al policlinico gemelli.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 30 Giugno 2014
  16. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    No ...non ci credo che sia pubblicato:shock:
     
    A Tobia piace questo elemento.
  17. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    In che senso?
     
  18. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Pubblicare quanto scrive....poteva mettre anche i carboni ardenti e dire che gli asini volano[DOUBLEPOST=1404123752,1404123624][/DOUBLEPOST]
    :shock:
     
    A Antonello, Tobia, Ale. e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  19. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ecco, appunto ... bella partenza ... ognuno dica la propria :triste:


    :festa::festa::festa::festa::festa::festa::festa:
     
  20. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino


    ;) é nel suo ... "stile" :D
    [DOUBLEPOST=1404124410,1404124346][/DOUBLEPOST]


    Finchè vige la libertà di pensiero non puoi impedirgli di dire quello che vuole :D
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina