1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Buongiorno,
    ho acquistato la mia 1° e unica casa una decina di anni fa in un comune A. Si tratta di un monolocale che è sempre stato esente ICI a causa della ridotta metratura. Dopo un anno mi sono sposato ed ho trasferito il domicilio in un comune B nella casa di mia moglie. Per 9 anni ho vissuto alcuni giorni alla settimana nel comune A per motivi di lavoro e alcuni giorni nel comune B per motivi affettivi. Dopo 9 anni dal matrimonio trasferisco la residenza nel comune B e resta mia madre ad abitare nella mia 1° casa del comune A.
    Non appena effettuato il cambio di residenza mi arrivano dal comune A 5 anni di ICI retroattiva da pagare, come se avessi evaso qualche tassa. Inoltre mi viene prospettato che la mia 1° casa diventerà 2° casa e soggetta a tassazione IMU.
    Vorrei sapere se sono lecite queste pretese del comune A e se posso fare qualcosa per evitare di pagare delle tasse su una piccola casa nella quale non vivo.
    Grazie mille
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Vai al comune con un certificato di residenza storico anagrafico ed una autocertificazione dove attesti che quella era l'unica abitazione posseduta
     
  3. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie per l'attenzione.
    Il certificato di residenza storico anagrafico dovrà farmelo lo stesso comune A al quale dovrò presentarlo?
    E' giusto che una 1° (e unica) casa, abitata da un familiare, mi venga considerata e tassata all'improvviso come 2° casa?
    Oltretutto, essendo un monolocale, lo stesso comune A aveva dichiarato in una lettera di qualche anno prima che ero esente dall'ICI, perchè i metri quadri non erano sufficienti per una tassazione (c'era una franchigia mi pare di circa 200 € da superare).
    Grazie ancora
     
  4. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Si devi farlo nello stesso comune...la verifica la fanno due uffici diversi. Unico dubbio mi viene per il fatto che se il monolocale è inferiore a 28 mq non risulta possibile la residenza per cui potrebbe essere considerato seconda casa
     
  5. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Sono 35 mq. Comunque grazie molte per l'informazione. Vi aggiornerò sugli sviluppi.
     
  6. Abakab

    Abakab Ospite

    Tra l'altro la vecchia normativa prevedeva l'esenzione ICI per quelle case (anche seconde case) abitate dai familiari. Normativa tolta da Monti :)evil:) e reintrodotta recentemente dal governo Letta
     
  7. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Quale normativa ha vigore adesso?
    Possibile che un comune avanzi delle pretese illecite contando sulla disinformazione della gente?
    Grazie mille
     
  8. Abakab

    Abakab Ospite

    Sono inoltre «assimilate all’abitazione principale le unità immobiliari concesse in uso gratuito ai parenti e affini entro il primo grado e ai fratelli e alle sorelle, che le utilizzino come abitazione principale».

    http://www.pmi.it/impresa/contabilita-e-fisco/news/70113/dl-IMU-nuove-esenzioni-approvate.html
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  9. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie per l'informazione. Mi avevano detto che il comodato non è più considerato. Come si può certificare che l'abitazione è in uso dalla madre?
    Mi avevano invece parlato di usufrutto (non so se è la stessa cosa) e della necessità di produrre un atto notarile.
     
  10. Abakab

    Abakab Ospite

    L'usufrutto è altra cosa, ai fini ICI bastava la residenza che comprovava l'uso della casa:
    l’unità immobiliare concessa dal possessore in uso gratuito a parenti fino al 3° grado che la occupano quale loro abitazione principale, comprovata dalla residenza anagrafica.
    La nuova normativa si per l'esenzione chiedono un contratto d'uso gratuito registrato.
     
    A panetto piace questo elemento.
  11. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Mi hanno detto anche che ogni comune è un caso a sè e che quindi un comune può aver deliberato di non considerare il comodato.
    Possono quindi ignorare la normativa?
    Grazie ancora per la disponibilità.
     
  12. Abakab

    Abakab Ospite

  13. mlolcu

    mlolcu Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie delle preziose informazioni.
    Settimana prossima affronterò questo problema e vi aggiornerò dell'esito.
     
    A Abakab piace questo elemento.
  14. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Sta parlando di usufrutto?
    In caso contrario spiegati meglio perchè questa mi manca
     
  15. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

  16. Abakab

    Abakab Ospite

    L' usufrutto comporta di norma l'utilizzo della casa dell'usufruttuaria come dimora principale pertanto verrà considerata ai fini IMU prima casa.
    Si sino a quando c'era l'ICI ... la nuova normativa dovrebbe prevedere di nuovo l'esenzione ma dando facoltà ai Comuni di fare .. come credono. :shock:
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  17. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Grazie ho compreso, mi ero perso la facoltà dei comuni che già in molti con l'ICI dovano solo uno sgravio parziale.
     
    A Abakab piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina