1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Gilraen

    Gilraen Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Premetto che dovrei acquistare un locale del quale il venditore ha variato la destinazione d'uso, da commerciale ad abitativo.
    Lui ha presentato un progetto per il permesso a ristrutturare i locali variandone la destinazione d'uso, che però a me non piace e vorrei fare dei cambiamenti.
    Questi cambiamenti riguardano anche muri, in effetti dovrebbero rimanere dei muri che lui ha tolto nel progetto, e anche due finestre in più e una portafinestra al posto di una finestra (era un locale commerciale piano terra, con serrande dappertutto e quindi per le finestre non c'è problema, anche se sul progetto ne mancano due).
    Inoltre visto che c'è un soffitto di 4 metri, vorrei soppalcarlo.
    Se tutto va bene dovremmo andare al compromesso, ma nell'atto vanno inserite tutte le variazioni?
    Chi dovrà, se necessario, presentare queste variazioni e quale potrebbe essere il loro costo?

    Se non si dichiarano nel compromesso e non si presentano queste variazioni, al catasto o a chi... - posso incorrere in sanzioni o altro?:confuso:
    Grazie
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Dipende da cosa vuoi acquistare.
    Se vuoi acquistare già come vorresti i locali in futuro devi presentare una variante al progetto presentato, facendo attenzione a non perdere i requisiti per il cambio di destinazione d'uso, e poi andare al rogito; ma i tempi si allungano e quindi bisogna stabilire se la cosa sta bene al venditore.
    Altra strada è quella di acquistare il fabbricato con il progetto così com'è e poi presentare la variante.
     
  3. Gilraen

    Gilraen Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Praticamente nel prezzo d'acquisto sono compresi i lavori di ristrutturazione.
    Ma così come sono non mi soddisfano.
    Il venditore è ragionevolmente disposto a fare queste variazioni.
    Quindi al rogito ci si andrà quando saranno finiti i lavori.
    Non essendo ancora il proprietario, spetta a lui presentare le variazioni?
    Oppure come dici tu, potrebbe essere meglio se le presento io?

    Quali costi ci sono in questi casi?

     
  4. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    sicuramente meglio così.

    saluti
     
  5. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Fatti scomputare dal prezzo il costo dei lavori e procedi.
     
    A Gilraen piace questo elemento.
  6. Gilraen

    Gilraen Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Lo devo indicare in compromesso?

    E scusate se mi ripeto, presentando io le variazioni quali costi sono previsti?
    Grazie
     
  7. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Si lo devi indicare nel compromesso dato che cambia il prezzo di vendita.
    Per quanto riguarda i costi è diffile rispondere.
    Cambia il costo del tecnico che ti addebiterà la variante e la differenza sulla direzione lavori (chiedi a lui)
    Cambia il costo dei lavori (chiedi all'impresa e agli impiantisti)
    Cambia, di poco, il costo relativo al costo di costruzione da versare al comune.
    Per quanto riguarda sicurezza, attestati, accatastamento e altre cosette rimarranno invariate.
     
  8. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    la variazione d'uso da commerciale ad abitativo è stata concessa a fronte di un progetto, accettato, che rispettava tutte le regolarità urbanistiche volute dal comune.
    Siamo sicuri che il progetto possa essere modificato? e in che misura?
    Attenzione al rapporto spazio/lumonisità, cioè la grandezza di una camera, cucina, dipende dalla grandezza delle finestre.
     
  9. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ho letto che intendi anche soppalcare; stai attenta perchè 4 metri sono pochi...

    generalmente devi lasciare almeno 3 ml. nella zona di vendita (verifica questo dato sul regolamento edilizio) + 0.15/0.20 di soppalco;
    ti restano, bene che vada, 85 cm... sono sufficienti?:occhi_al_cielo:
     
  10. Gilraen

    Gilraen Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non capisco cosa intendi per zona di vendita... diventerà un appartamento.
    Io vivo attualmente con un'altezza pavimento/soffitto di 2,70 mt., che mi sembra normale, aggiungi il piano di soppalco sarà circa 20/30 cm. e arriviamo a 2,90- 3,00 mt.? Mi rimarrebbe circa 1 mt di altezza, per farne una soffitta e stipare ciò che voglio, mi pare abbastanza.
    Se ci facessi un'altra stanza allora sarebbero pochi, ma realizzare un'altro locale sopra mi sa che è praticamente impossibile penso per molti fattori.
    Anche se la tentazione è tanta, si può vivere anche con un soffitto che arriva appena sopra una porta in effetti, ma non mi voglio incasinare più di tanto.
     
  11. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    :confuso:
    pensavo volessi mantenere la destinazione negozio ed utilizzare anche il piano superiore per la vendita...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina