1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. miluxp

    miluxp Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve, ho stipulato un contratto di compravendita per un immobile del valore di 42000 euro. Ho chiesto
    tramite un agente un mutuo alla banca di 52000 euro per includere tutte le spese. La banca ha accettato il
    muteo dopo perizia. Ora l'agenzia/agente mi chiede un assegno di 10000 per la parte venditrice da fotocopiare e da presentare al notaio in quanto il mutuo deve corrispondere al 100%. E' la prima volta che acquisto un immobile e non ho idea su cosa vado in contro.
    grazie.
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il mutuo può essere anche maggiore, non capisco la richiesta.
     
  3. alessandro dauria

    alessandro dauria Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Credo di aver intuito il problema è di natura differente, dovresti impostare la vendita, con il Notaio, per l'importo di 42.000 e no 52.000 altrimenti si configurano due problemi il primo che il tuo venditore dovrebbe asserire in atto di recepire diecimila euro in più, ecco perchè l'agenzia ti chiede la fotocopia dell'assegno, che credo comunque serva a poco

    perchè se il venditore si rifiuta di firmare un atto dove all'interno esiste una fotocopia di un importo che non riceve e nel suo diritto, inoltre ti sconsiglio di farlo perchè se anche il venditore non coprendesse la gravità della cosa, su un'eventuale accertamento dell'ufficio dell'entrate non risulterebbe il riscontro di quel'assegno mai incassato e incorrereste entrambi in sanzioni,

    quindi impostando la vendita per euro 42.000 ed il mutuo per 52.000 risolvi il problema, ma devi parlare con il notaio, solo alcuni accettando di inserire che x euro sono per l'acquisto ed y per la ristrutturazione o le spese,

    ma nel tuo caso la differenza è esigua per legge si può fare.
     
  4. Caro Alessandro la differenza è esigua in valore assoluto ma in percentuale rappresenta più del 23%, inoltre l'Agenzia delle Entrate incrociando l'atto di vendita con il mutuo rileverà la discrepanza e la prima cosa che pensa sarà che una parte del prezzo è stata pagata in nero, perciò indipendentemente dal notaio è bene che miluxp sia in grado di giustificare dove sono andati i 10.000 euro in più senno in caso di controlli vedo problemi per acquirente ma anche per il venditore.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  5. miluxp

    miluxp Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma è uscita una legge mi pare del 2007 che le spese non si possono includere nel mutuo?
    Forse per questo che la banca vuole che il prezzo di vendita sia pari a 52000 euro e cioè il 100%.
    Poi il venditore deve dichiarare davanti al notaio di aver incassato l'assegno di 10000 euro dico bene?
    Altrimenti potrebbe pretenderlo di incassarlo?
    Grazie.
     
  6. Il venditore non può dichiarare di aver incasso ciò che non ha incassato. E' il notaio che nell'atto dovrà descrivere come viene utilizzato l'importo del mutuo, riportando estremi degli assegni, dei soggetti che li percepiscono e a che titolo.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  7. miluxp

    miluxp Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma con le ultime leggi il mutuo può comprendere anche le seguenti spese?

    - spese agenzia 3000
    - spese intermediario 1500
    - spese notaio mutuo + spese notaio compravendita.
    - spese tasse varie.
    - spese mutuo.

    per un totale di 10000 euro.

    è possibile portare a termine una compravendita e un mutuo a queste condizioni?
    grazie.
     
  8. alessandro dauria

    alessandro dauria Membro Junior

    Agente Immobiliare

    Aggiunto dopo 19 minuti :

    caro collega mi spiace ma non sono d'accorco con te, l'operazione è plausibile in quanto il 20% corrisponde a 10.400 euro, non comprendo perchè parli del 23% !!!!

    quindi miluxp può prentare un assegno da 42.000 intestato al venditore e farsene intestare la restante parte euro 10.000 a se stesso per spese proprie.
     
  9. Il 23% lo intendo come rapporto tra 10.000 e 42.000 e non sui 52.000. Ad ogni modo l'importante è che il notaio sia in grado di "giustificare" nell'atto dove va la somma rimanente altrimenti si configura un acquisto+liquidità che come ben sai porterebbe oltre che ad una verifica da parte dell'Agenzia delle Entrate anche ad una riduzione degli interessi detraibili in proporzione tra il valore di acquisto e l'importo erogato.

    A queste condizioni è possibile portare a termine l'acquisto.
     
  10. miluxp

    miluxp Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi sono informato bene con l'intermediario:

    La banca non può erogare un mutuo al 100% ma solo all'80%, per cui per far si che i 52000 siano l'80% + spese il venditore dovrà accettare di dichiarare davanti al notaio di percepire i 42000 + 10000 dell'assegno (che non è altro una fotocopia dello stesso e che l'assegno vero rimmarrà in mio possesso). Quindi il venditore dovrà pagare tasse per 52000 e non per 42000 mentre io potrò avere il mutuo che con i 10000 pagherò tutte le spese dette prima.
     
  11. alessandro dauria

    alessandro dauria Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Perfetto miluxp proprio come leggi nel mio intervento.
    ciao
     
  12. Se va bene al venditore. Sappi però che se sarete sottoposti ad accertamento l'Agenzia chiederà al venditori che fine ha fatto l'assegno da 10.000. Come si giustifica dal momento che l'assegno per essere incassato lascierà una traccia?
     
  13. miluxp

    miluxp Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Prendendo in considerazione questa ipotesi:
    il mutuo deve essere 80% + spese = 52000
    atto di compravendita 42000
    dal notaio 52000 (42000 + 10000 assegno)

    l'assegno di 10000 deve essere emesso da me?
    In che senso intestato a me stesso per le spese proprie?
    Grazie.
     
  14. alessandro dauria

    alessandro dauria Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Scusami Graziano Cavallini, ma se fai il mediatore creditizio come fai a non aver compreso la spiegazione di miluxp!?!?!??

    è perfetta, non fa una piega ed è perseguibile senza nessuna falla.!
     
  15. Io l'ho capito. Ma rimane il problema che nell'atto si dichiara che il venditore incassa una somma diversa da quella che effettivamente percepisce. Visto che io non capisco mi spieghi perchè quasi tutti i notai si rifiutano di fare un atto di questo tipo? Secondo te sbagliano i tanti a non farlo o i pochi che li fanno? Io rimango convinto che in questo modo si dichiara il falso. Mentre è corretto che il notaio faccia la minuta degli assegni di chi li incassa e a che titolo. Per di più visto che la banca può fare solo l'80% come fa ad erogare 52.000 su una compravendita di 42.000. Quanto ha periziato l'immobile 65.000? A me sembrano le furbate fatte fino al 2007 che poi ci hanno portato dove tutti sappiamo e ne paghiamo ancora le conseguenze.
     
  16. alessandro dauria

    alessandro dauria Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Forse non mi spiego bene, il Notaio stipula il Rogito notarile a 42.000 euro non a 52.000 quindi il venditore incassa i 42 ed è a posto! 52 saranno il mutuo complessivo, di cui 10 sono intestati al mutuatario a fronte delle spese.

    ciao
     
  17. Se fosse così Ok ma miluxp dici testualmente:
    Ieri mi hanno presentato un problema simile 1 fratello compra dall'altro la metà della casa ereditata dal padre per 90.000 euro, però gli servono 50.000 per ristrutturare, la banca delibera l'importo ma come mutuo di acquisto per 140.000 e non come acquisto i ristrutturazione, il notaio si rifiuta di fare l'atto perchè non può giustificare i 50.000 che restando al mutuatario.
     
  18. miluxp

    miluxp Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No, perchè se ho capito bene nei 52000 del mutuo complessivo è compreso l'80% del rogito + le spese, quindi se il rogito rimane a 42000 non potrà essere l'80%. E' una richiesta della banca di avere un rogito a 52000 euro soddisfatto dal sistema detto prima.
     
  19. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Il problema sta proprio nel fatto che la banca eroga l' 80% e presumo sia proprio la banca a chiedere un dichiarato di 52K per non far saltare il mutuo.
    A questo punto il venditore deve dichiarare il falso, il che non è mai piacevole.
     
  20. Invece si tratta del contrario ovvero la banca chiede che l'atto riporti come valore di transazione 52.000 ma poi il venditore ne incassa solo 42.000. I 10.000 che devi utilizzare tu presumo ti vengano erogati con assegno giusto? Domanda: visto che l'assegno è "NON TRASFERIBILE" come giustifichi che sei tu a depositarlo sul conto e non il venditore?
    Se io fossi il venditore mi rifiuterei. E se fossi in te un pò mi in****erei con la banca.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina