1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Gianfranco C

    Gianfranco C Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno ,
    L'asse familiare è di una madre(vedova) e due figli. Nella sucessione alla morte del padre nonchè marito, la casa di famiglia è rimasta totalmente alla madre. L'immobile stà per essere venduto, ma ad un prezzo decisamente inferiore al valore, per motivi di urgenza.
    Ci sono motivi di impugnazione, o cmq uno dei figli può chiedere di avere un acconto sull'eredità legittima ( acconto pari ad un 10%/15% del prezzo di realizzo) firmando le opportune carte che ne attestino il tutto a tutela dell'altro figlio?
    Grazie
     
  2. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    non è chiaro come sia possibile che l'immobile sia passato in toto alla vedova e non ai figli; immagino ci siano stati altri beni oggetto di successione.
    se è così, la vedova ha piena proprietà dell'immobile ed è capace di intendere e di volere, non vedo cosa possano avere a pretendere i figli.
     
  3. Gianfranco C

    Gianfranco C Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    SI mi scusi , la casa è rimasta come suddivisione dell'asse ereditario.
    Non parlavo di pretese ma di una situazione che ha qualche lato oscuro ( si dovrebbe addire per vedere gli e/c bancari)... ma non si voleva "appesantire" il clima.
    La paura e che dopo la vendita i soldi siano utilizzati impropiamente ( ma ovviamente legittimamaente ora)...... dandone somme a un figlio " scapestrato"....
    E non si vuole addire per la verifica della capacità di intendere e volere..... troppo lunga e controversia la materia...
    E quindi capire se sulla somma si poteva in qualche modo addire "controllo"...
    E come secondo quesito se era fattibile richiedere un anticipo sulla futura legittima....

    Ma forse mi ha già risposto..... nulla e fattibile se non al momento della dipartita.
     
  4. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    La madre può fare ciò che vuole, vendere, non vendere come anche decidere di donare una somma in denaro a uno dei figli.
    Con le conseguenze di dover calcolare che poi un giorno occorre tenerne conto.

    Certo il figlio non può pretenderla la donazione di denaro.
     
    A eldic, Rosa1968 e Gianfranco C piace questo elemento.
  5. Gianfranco C

    Gianfranco C Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina