1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ho affittato la palazzina di mia proprietà (5 appartamenti e 2 negozi) ma essendoci un unico contatore per l'acqua, io durante l'anno pago tutte le bollette poi faccio il riparto (a persona) e chiedo a loro il rimborso una volta all'anno. Sono 2 anni che molti inquilini non pagano i loro consumi. Vi chiedo: 1. è corretta la suddivisione dei consumi a persona? (da sempre si è ripartito il costo a persona) 2. è corretto fare pagare la stessa cifra a negozi ed appartamenti? (a mio avviso sì visto che gli appartamenti consumano di più ma per gli usi "diversi" il costo dell'acqua è maggiore per cui le due cose si compensano) 3. devo rivolgermi ad un legale per farmi rimborsare i costi dei consumi d'acqua degli inquilini? Grazie
     
  2. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Non ti ha ancora risposto nessuno, credo che non sia un problema di facile soluzione. La ripartizione dell'acqua a persona, non è certo equa.......difficile da sostenere come motivazione per l'addebito automatico al conduttore....
    Dovresti mettere i contatori per ogni appartamento e negozio.
     
    A Marinauli piace questo elemento.
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    essendo un unico locatore con un unico contatore generale, dovresti per correttezza montare dei contatori parziali in ogni unità abitativa, così non troveranno da ridire i locatari sulla divisione
     
  4. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Mi risulta che molti altri locatori siano nelle mie condizioni. In ogni caso anche se avessi tutti contatori divisionali avrei problemi, mi sono già informata con Hera che gestisce il contatore centrale e comunque dovrei rivolgermi a società di lettura private costosissime (non posso andare io a casa di tutti a fare letture). Conosco tanti altri locatori e ho letto di tanti amministratori di condominio che fanno il riparto, ma alcuni utilizzano i mm degli appartamenti mentre noi abbiamo da sempre suddiviso sulla base delle persone (mi pare più giusto)
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    la lettura può essere fatta da un inquilino, e le spese sono a carico dei locatari, tutte le divisioni vanno bene purchè siano tutti d'accordo
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non è del tutto sbagliato suddividere per persona. Non è il primo condominio dove la ripartizione é fatta a persona. Unica cosa dovresti calcolare in modo diverso i negozi. Non avranno lo stesso consumo non utilizzando lavatrice e lavastoviglie.
     
  7. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    So che in altri condomini operano in questo modo. Certo i negozi hanno un consumo d'acqua minore, ma il prezzo dell'acqua al mc è più alto per l'uso "diverso" pertanto alla fine ho calcolato che le differenze non sono rilevanti. Aggiungo che ci sono problemi a installare contatori individuali, mi ero già informata. Un mio amico che è in una situazione identica alla mia (unico proprietario di unità locate e con un unico contatore di hera) ha risolto in modo interessante: anzichè farsi rimborsare una volta all'anno come faccio io (e non sono mai rimborsata del tutto) si fa anticipare 10 euro al mese a persona per il consumo d'acqua, (scrivendo la clausola nel contratto) facendo il conguaglio una volta all'anno (così diventa lui in credito). Comunque vi chiedevo come fare ora visto che ho dei crediti che non mi vengono rimborsati!!
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Infatti credo sia un pretesto il loro. Non tutti i condomini sono dotati di contatori autonomi e molti di essi dividono per numero di componenti familiari. Ho visto casi invece dove dividono in parti uguali. Hai un regolamento condominiale dove é previsto la suddivisione dell'acqua?
    Se si lo hanno accettato? Se lo hanno accettato prosegui con il recupero diversamente dovrai sentire un avvocato e valutare bene cosa fare.
     
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il vivere civile cosa che a quanto pare é una rarità ma non solo nei condomini ma in generale nel quotidiano.
     
    A Irene1 piace questo elemento.
  10. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie Rosa della risposta. Non ho un regolamento condominiale, non è mai esistito anche perchè non credo che si possa considerare un condominio essendoci un'unica proprietà ed un numero limitato di unità (5 appartamenti e 2 negozi). In ogni caso in tutti i contratti di locazione ho specificato che i consumi privati d'acqua devono essere rimborsati una volta all'anno al locatore. Ed io una volta all'anno descrivo le specifiche del riparto ed allego fotocopia delle bollette che ho anticipatamente pagato.
     
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Aspetto normativo e metodologico

    Esiste una legge, che prevederebbe la installazione di contatori individuali: deve ormai essere stata assimilata alle ben note grida manzoniane. (se ritrovo il punto ve lo posto). Mai vista applicata obbligatoriamente.

    La ripartizione a persona è uno dei tanti meccanismi, tutti approssimativi: non vedo perchè non equa. Anche i contatori divisionali non risolvono totalmente la questione: mai visto che la sommatoria di n1...n sia pari ad N fatturato sul contatore centrale.

    La stessa fatturazione del gestore è spesso convenzionale, almeno con certi gestori: esempio: fabbricato con X abitazioni e Y locali commerciali. Il gestore (in Piemonte) assegna una quota minima-madie per ogni utenza domestica, ed altra per utenze non domestiche, con relative tariffe: può poi capitare che con u.i. sfitte il consumo totale sia inferiore al minimo, e ne vengano a beneficiare tutti, con le tariffe agevolate per i primi scaglioni, anche quelli che avrebbero avuto un consumo superiore al minimo.

    Visto che la ripartizione e la fatturazione sono sempre convenzionali, ritengo più che sufficiente specificare il criterio in sede di stipula di contratto.

    Recupero dei crediti

    Non v'è alcuna differenza tra questi ed altri crediti: normalmente i contratti riportano le condizioni previste dalla 392/78: la risoluzione dl contratto se i debiti per spese per oneri accessori superano le due mensilità.

    facile recuperare? Come ottenere lo sfratto per morosità....
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quindi secondo me sei in regola. Se hanno un disappunto sulla ripartizione avrebbero dovuto chiarirlo ma non non effettuando il pagamento ma ricercando quale ingiustizia secondo loro c'è. D'altra parte oggi non hai alternative. O li convochi ad uno ad uno o non saprei cosa consigliare.
     
  13. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Secondo me alcuni conduttori fanno i furbi sapendo che mi costerebbe di più un legale che lasciare perdere (... e continuare a pagare le loro docce, cosa che mi dà molto fastidio..). Per Bastimento, che ringrazio per le sue osservazioni sempre esaurienti: mi risulta, se non mi sbaglio, che se installassi i contatori individuali e mi rivolgessi a società di lettura, previa intestazione dei consumi d'acqua agli inquilini, in caso di loro morosità le società si rivarrebbero sul proprietario!!!! Quindi non c'è soluzione..
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  14. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Al danno la beffa!
     
  15. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non ti so rispondere.

    Certamente se il problema sono le semplici letture, niente impedisce che sia tu o l'amministratore a fare il giro per la lettura dei contatori .

    Sicuramente i gestori acqua non stiuleranno volentieri singoli contartti di allacciamento, che a consuntivo vi costerebebro molto di più

    Non sono a conoscenza di società che svolgano il servizio di lettura e riscossione dai sottocontatori: certamente si rivarranno sul proprietario.

    Nel loro caso penso sia lecito: ma ricorda che avevano tentato il medesimo approccio persino gestori tipo ENEL, ENI, Comuni per quanto riguarda TARSU e compagnia; ora i primi stipulano contratti tra privati, dove il locatore non assume alcun ruol. Nel caso dei comuni era una manifesta violazione dei regolamenti e della legge. Ma c'è sempre chi ci prova.

    Ultimo esempio, scusandomi per l'OT: la recente legge di stabilità, ha emendato per l'ennesima volta la legge sulla edilizia 380/2001.

    (spero di non aver frainteso e di non sbagliarmi...) --->

    Riguardo alle distanze, c'era una legge giustificata da criteri di igiene, che prescriveva una distanza minima tra pareti finestrate pari a 10 mt.

    Molte sentenze di Cassazione e tribunali hanno condannato Comuni che avevano stabilito nei PRGC deroghe sottintese, a questa norma, nel caso di ristrutturazioni e sopraelevazioni di fabbricati esistenti..

    La nuova formulazione della 380/2001 ha risolto il contenzioso all'italiana....:disappunto:, codificandone la ammissibilità a livello nazionale.

    (Fa il paio con le amnistie e gli indulti, per risolvere il problema dei sovraffollamenti delle carceri, o la depenalizzazione dei falsi in bilancio, .... per alleggerire il carico di lavoro dei tribunali)

    Scusate l' OT
     
  16. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
  17. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie dei vostri commenti. Il mio non è un condominio ed io non ho amministratori. Il problema dell'acqua è sorto ultimamente perchè la cifra per persona è aumentata: 75 euro all'anno (non so se voi pensate che sia elevata). Fino al 2011 i consumi erano molto più bassi, poi Hera mi mandò una lettera per comunicarmi la sostituzione del contatore, probabilmente era difettoso. Dal 2012 la cifra per persona è aumentata: 60 euro per persona nel 2012 e 2013 e 75 euro nel 2014.
     
  18. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    di norma un nucleo familiare d tre persone consuma circa 150 / 180€. annuo, IN UN CONDOMINIO DOVREBBE ESSERE INFERIORE se non ci sono giardini da innaffiare
     
  19. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Potresti dire ai tuoi conduttori, che se fai fare la lettura dell'acqua a una ditta privata ovviamente installando i contatori, il costo subirà un forte aumento.
    L' importo di € 75,00 all'anno, lo trovo così basso che è quasi ridicolo.
     
  20. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Un conto è l'aumento del costo-prezzo, un conto l'aumento dei consumi: ed in passato, con tariffe basse, non erano molto solelciti nelle letture: oggi con tariffe più elevate, le letture cominciano ad essere più tempestive. Ma dipende da zona e gestore: in certi cas sono in arretrato nelle letture , di un anno. Quando finalmente conguagliano viene fuori il picco.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina