1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. maronz

    maronz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho acquistato una bi-familiare nel2007 a Veggiano dopo il terribile alluvione scopro che le bocche di lupo sono state fatte in plastica (non in cemento) tagliate in alto(probabilmente sbagliate nelle misure)e senza scarichi esterni, ma solo con un tubo da 10 nel terreno che come conseguenza anche dopo l'alluvione con la falda piena di acqua portava acqua dalle bocche di lupo all'interrato...Al ho chiesto un parere per sincerami della stabilità della casa post.-alluvione ad un ingegnere ed ho scoperto di non avere i calcoli, il collaudo statico e nemmeno idisegni delle plate!!!
    Cosa devo fare ?Ps esiste una normativa anche sulle bocche di lupo grazie di CUORE !!!
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Trattandosi di un vizio di costruzione di questo ne risponde l'impresa esecutrice.
     
    A maronz piace questo elemento.
  3. studio diemme

    studio diemme Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Per quanto riguarda i progetti strutturali e collaudo devi chiedere al tuo tecnico che vada, su delega scritta e firmata da te in qualità di proprietario, a richiederne copia presso il Comune di Veggiano.
    La bocca di lupo in plastica, presumibilmente in PVC o vetroresina, è possibile installarle e ne esistono anche di carrabili. Lo scarico delle acque può essere fatto per percolazione, quindi creando uno strato drenante, ma si possono riscontrare i problemi che hai avuto, accentuati soprattutto dalla calamità che ha colpito la nostra zona. La migliore soluzione resta sempre quella di collegarla alla linea delle acque bianche (piovane).
     
  4. tommaso gori

    tommaso gori Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Condordo con quanto sopra.
    Consiglierei anche di andare a controlloare la pratica strutturale al Genio Civile.
     
    A maronz piace questo elemento.
  5. studio diemme

    studio diemme Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Da noi non necessita il deposito al Genio Civile se non per determinati casi, basta la consegna presso l'ufficio tecnico comunale che ha la delega al ritiro e certificazione mediante apposizione di un timbro creato apposta per le pratiche strutturali e collaudi statici.
     
  6. maronz

    maronz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il mio problema è un pò delicato dovuto anche allo stress della situazione...
    I problemi sono due le bocche di lupo e l' obbligatorietà dei disegni, dei calcoli strutturali e del collaudo statico.
    Ho cercato l' aiuto di un Ing. edile il quale mi ha suggerito di fare le bocche di lupo in cemento e di verificare la stabilità della casa post-alluvione, per fare questo anche lui afferma di avere bisogno delle carte che io non ho anche da verifiche presso il comune che mi ha risposto che in sede di abitabilità il geometra responsabile ha presentato una autocertificazione in cui si dice "le opere strutturali non rientrano nell'Art65 del D.P.R. 380/2001 come modificato dal D.Lgs 301/02"
    Trattandosi di bi-familiare con interrato di circa 300mq Totali delle due porzioni, il geometra ha dichiarato il falso?

    Grazie ancora a tutti
    Saluti
     
  7. tommaso gori

    tommaso gori Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Io chiederei all'Impresa Costruttrice che, se l'immobile è del 2007 o poco precedente DEVE aver eseguito i calcoli statici con deposito al genio o in comune e deve aver presentato una pratica tecnica all'ufficio tecnico comunale.
     
  8. studio diemme

    studio diemme Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Se il fabbricato è di nuova costruzione concordo pienamente con quanto scritto da Tommaso Gori, DEVONO ASSOLUTAMENTE esserci sia il progetto dei cementi armati che il collaudo. Mi pare strano che un Comune come Veggiano si sia fatto scappare una particolarità del genere, ma può capitare.
    Conviene sicuramente sentire l'impresa costruttrice e a mio avviso anche il professionista che a suo tempo ha seguito l'intero iter burocratico nonché la direzione lavori.
    Prima però ti consiglio di fare una richiesta scritta al comune per l'accesso agli atti e pretendi che ti rispondano se si trovano o no queste pratiche, così hai un punto fermo da cui partire per sentire le altre parti.
     
    A maronz piace questo elemento.
  9. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    se l'immobile è post 1971 chi ha costruito in assenza di deposito del progetto strutturale è soggetto a sanzioni molto pesanti.

    oltretutto, in assenza di collaudo strutturale depositato presso il genio civile (art. 67 comma 7 del DPR 381/01), come farete ad avere l'agibilità?
     
  10. maronz

    maronz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie a tutti per i preziosi consigli speriamo di riuscire a risolvere la brutta situazione...pensavo anche di informarmi da un avvocato...
     
  11. maronz

    maronz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Confermo che in comune non hanno nessuna carta della casa in fase di agibilità il geometra responsabile ha dichiarato con un autocertificazione che non vi erano opere cementizie !!!
    In comune dicono che forse la casa è di modeste dimensioni e non richiede del collaudo...a me sembra che entrambi abbiano fatto male il loro lavoro ...
     
  12. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    :shock:
     
    A maronz piace questo elemento.
  13. marco1982

    marco1982 Ospite

    ma perchè fanno la distinzione post e pre 1971? io ho acquistato casa costruita nel 1966.... le case costruite allora seguivano altre norme?
     
  14. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    prima della legge 1086/71 (legge 25 novembre 1962, n. 1684 legata essenzialmente ad una prima zonizzazione sismica relativa alla sicilia e alla calabria del 1908) non c'era la norma che obbligava il deposito del collaudo strutturale di conseguenza non c'era una norma da contravvenire, bastava il deposito del progetto presso la prefettura, ma era una norma non osservata da tutti.

    La legislazione antisismica vigente è essenzialmente basata sull’apparato normativo costituito dalla legge 2 febbraio 1974, n. 64, recante Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche, che ha integralmente sostituito la legge 25 novembre 1962, n. 1684, nonché della legge 5 novembre del 1971, n. 1086, recante Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso e a struttura metallica.

    di conseguenza, quando ci si trova ad avere problemi di reperibilità del certificato di collaudo relativo ad una struttura ante-1971, basta far redigere una perizia giurata da un competente tecnico abilitato (solitamente un ingegnere)
     
    A piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina