• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

immobilaffari

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Buonasera colleghi,
mi capita una cosa che non mi era mai successa . Ho effettuato una compravendita di un immobile in maggio 2018; nel maggio del2017 c'era stata una proposta di acquisto stipulata da me tra le 2 parti , che si è conclusa con il rogito un anno dopo. La parte acquirente in fase di proposta di acquisto -preliminare di compravendita si riservava il diritto di acquistare per se o per persona o ente da nominare , e infatti all'Atto è intervenuto il Leasing e il proponente è diventato utilizzatore e non più' acquirente. Il giorno dell'Atto è stato dichiarato e sottoscritto che c'era stata mediazione per la parte venditrice e per la parte utilizzatrice, con tanto di inserimento di fatture in Atto . Una settimana dopo la parte utilizzatrice ha chiesto al Notaio di voler far un ATTO DI RETTIFICA nel quale disconoscerà la mediazione . Il notaio mi ha detto che non si può' esimere dal farlo. A questo punto la mia domanda è : può' la parte venditrice rifiutarsi di comparire alla firma dell'Atto di rettifica? E se non potesse esimersi, secondo voi , dopo tale rettifica io , come mediatore , è bene che faccio causa all'utilizzatore o incorro nella possibilità che alla fine perdo? Vi prego , datemi un consiglio. Grazie.
 

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
il diritto alla provvigione nasce con la sottoscrizione del preliminare (accordo tra le parti)..............il definitivo puo' cambiare ma rimane il fatto che tu hai diritto alla mediazione...... al limite il problema è del notaio e della parte, se sul rogito in quel preciso caso la mediazione debba o non debba essere menzionata
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Buonasera colleghi,
mi capita una cosa che non mi era mai successa . Ho effettuato una compravendita di un immobile in maggio 2018; nel maggio del2017 c'era stata una proposta di acquisto stipulata da me tra le 2 parti , che si è conclusa con il rogito un anno dopo. La parte acquirente in fase di proposta di acquisto -preliminare di compravendita si riservava il diritto di acquistare per se o per persona o ente da nominare , e infatti all'Atto è intervenuto il Leasing e il proponente è diventato utilizzatore e non più' acquirente. Il giorno dell'Atto è stato dichiarato e sottoscritto che c'era stata mediazione per la parte venditrice e per la parte utilizzatrice, con tanto di inserimento di fatture in Atto . Una settimana dopo la parte utilizzatrice ha chiesto al Notaio di voler far un ATTO DI RETTIFICA nel quale disconoscerà la mediazione . Il notaio mi ha detto che non si può' esimere dal farlo. A questo punto la mia domanda è : può' la parte venditrice rifiutarsi di comparire alla firma dell'Atto di rettifica? E se non potesse esimersi, secondo voi , dopo tale rettifica io , come mediatore , è bene che faccio causa all'utilizzatore o incorro nella possibilità che alla fine perdo? Vi prego , datemi un consiglio. Grazie.
comunque il preliminare è l'atto dove le parti si sono obbligate a fare il rogito, rogito effettuato che altro non ha, che ripetuto le condizioni pattuite nel preliminare.
Cosa è successo per disconoscere la mediazione? Se vi erano le fatture c'erano patti che stabilivano un pagamento dopo il rogito? In atto è obbligatorio inserire le modalità di pagamento. Se parli di fatture desumo tu non sia stata pagata.

Altro aspetto spero tanto che il notaio abbia in mano il preliminare dove erano indicate le provvigioni e che consigli il cliente ad evitare di fare l'atto di rettifica a meno che ha in mano altra cosa che annulla l'impegno scritto.
 

immobilaffari

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Sull’Atto , è stato riportato che le parti dichiaravano che c’e Stata mediazione e che ho rappresentato sia la parte venditrice che la parte utilizzatrice ( perché è subentrato il leasing) . Entrambe le parti avrebbero pagato con bonifico fico il giorno dell’atto , cosa che la parte venditrice ha fatto . A distanza di una settimana la parte utilizzatrice ha chiesto la rettifica all’atto per disconoscere la provvigione , in quanto hanno detto al notaio che non svevsno capito chi fosse la parte utilizzatrice . Vogliono che la parte venditrice e la parte acquirente ( il leasing) si presentino giovedì dal notaio per fare questo atto di rettifica .
 

immobilaffari

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Mi chiedo se il notaio stia agendo correttamente , dal momento che è in possesso della proposta di acquisto preliminare di compravendita iniziale . Glielo ho fatto notare r mi ha risposto che lei non è un giudice e deve fare quello che la parte le chiede , considerando che l’agente immobiliare non firma l’atto è quindi non ha diritto ad opporsi difronte al notaio .
Il fatto è che la % della provvigione sul modulo per la proposta di acquisto -preliminare di compravendita che utilizzo ( quello della Fiaip ) non è indicata per nessuna delle 2 parti . Con la venditrice però era indicata nell’ Incarico . Mi chiedo se con un atto di rettifica per il disconoscimento della mediazione da parte dell’utilizzatore ( in preliminare parte acquirente) venga pregiudicato agli occhi del giudice il mio diritto ( visto che il notaio vuole che tutte e 3 le parti firmino ).
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Il colpo di ritorno. L'acquirente utilizzatore paga con bonifico e poi si pente e dice di non aver capito. Il notaio ha pensato bene di non fare la rettifica unilaterale per guardare il suo. E' vero non e' un giudice ma ci rendiamo conto di questa leggerezza? Se tutti tornassero indietro sui propri passi che giungla i rogiti?
Ma loro sapevano che dovevano pagarti? Hai delle mail dove comunichi importi e iban per bonifico?
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Sull’Atto , è stato riportato che le parti dichiaravano che c’e Stata mediazione e che ho rappresentato sia la parte venditrice che la parte utilizzatrice ( perché è subentrato il leasing) . Entrambe le parti avrebbero pagato con bonifico fico il giorno dell’atto , cosa che la parte venditrice ha fatto . A distanza di una settimana la parte utilizzatrice ha chiesto la rettifica all’atto per disconoscere la provvigione , in quanto hanno detto al notaio che non svevsno capito chi fosse la parte utilizzatrice . Vogliono che la parte venditrice e la parte acquirente ( il leasing) si presentino giovedì dal notaio per fare questo atto di rettifica .
Quindi l'utilizzatrice non ti ha pagato.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Mi chiedo se il notaio stia agendo correttamente , dal momento che è in possesso della proposta di acquisto preliminare di compravendita iniziale . Glielo ho fatto notare r mi ha risposto che lei non è un giudice e deve fare quello che la parte le chiede , considerando che l’agente immobiliare non firma l’atto è quindi non ha diritto ad opporsi difronte al notaio .
Il fatto è che la % della provvigione sul modulo per la proposta di acquisto -preliminare di compravendita che utilizzo ( quello della Fiaip ) non è indicata per nessuna delle 2 parti . Con la venditrice però era indicata nell’ Incarico . Mi chiedo se con un atto di rettifica per il disconoscimento della mediazione da parte dell’utilizzatore ( in preliminare parte acquirente) venga pregiudicato agli occhi del giudice il mio diritto ( visto che il notaio vuole che tutte e 3 le parti firmino ).
Se non ci sono accordi scritti e chiari sulla provvigione potrebbe applicare la provvigione sulla base degli usi ma qui bisogna secondo me bloccare il notaio perché di fatto non si può ritornare sulle dichiarazioni in atto. E' grave e la legge non ammette ignoranza. L'utilizzatore si è fatto consigliare su uno dei metodi per evitare la dichiarazione mendace. Senti il tuo avvocato.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Vogliono che la parte venditrice e la parte acquirente ( il leasing) si presentino giovedì dal notaio per fare questo atto di rettifica .
Spero che la parte venditrice non si presenti, anche perché non può mica ritrattare la dichiarazione di essersi avvalsi della mediazione dell’agenzia, avendo già pagato la relativa fattura.
Spiega alla parte venditrice che non è suo interesse presentarsi.
Anche a me sembra strano il comportamento del notaio, perché un atto di rettifica presuppone un errore dei dati o un’omissione, non un cambio di dichiarazione di una delle parti .

Certo che se l’acquirente/utilizzatore non ti ha firmato il riconoscimento delle provvigioni, se non paga dovrai fargli causa, e stare a quanto decide il giudice
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Il diritto alla provvigione in primis è già nato al preliminare e poi il notaio, non può far dichiarare in un secondo momento una cosa diversa, il notaio a mio avviso è un garante e non uno che scrive ciò che uno gli detta, per cui il notaio secondo me fa un atto illecito a correggere il rogito e stai tranquilla che se vai difronte ad un giudice le provvigioni le prendi, chiama tutte le parti, spiegagli in che situazione si stanno mettendo (notaio sopratutto) e se non ci sentono diffida subito l'utilizzatore intimando ilpagamento altrimenti gli fai causa.
Buona fortuna!
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Monica, non pensare che a cuor leggero il notaio farà questa rettificata non trattandosi di errori tra virgolette materiali, ma qui influisce su dichiarazioni lette in sede di stipula mal interpretate e che quindi avranno una conseguenza sui terzi. E' molto grave in primis per il notaio.
I notai non fanno altro che recepire le volontà delle parti e traducono le stesse in un atto redatto a norma di legge. Lui l'ha fatto, ha letto, ha raccolto le dichiarazioni ed ora una parte sta tornando indietro. Io lo denuncerei, davvero, oppure chiederei l'inserimento di un suo certificato dove dichiara che la lettura è stata chiara.
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Aggiungo che di solito negli atti scrivono i notai che le parti prendono atto delle dichiarazioni e ne sono responsabili....... non capisco come possa averti detto di cambiare l'atto scritto, redatto, letto e firmato !!!!!
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
vogliono apparecchiare il misfatto. Credono così di farla franca con la dichiarazione mendace, come prima mi riconosci e poi non mi paghi? Allora disconosciamo la mediazione e poi se mi chiedi i soldi io non ti conosco .... ma la rettifica sicuramente assumerà una valenza che avrà un peso maggiore a favore del mediatore perché comunque è fatto salvo i diritti di terzi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ciao a tutti. Io ho un problema legato alla provvigione dell'agenzia immobiliare, spero di potermi spiegare con chiarezza.
La provvigione dell'agenzia dichiarata il giorno del rogito sul contratto notarile, é stata di euro 2000 ma, da scrittura privata tra acquirente e agente era di euro 4000. Adesso l'agente immobiliare vuole gli altri soldi tramite avvocato. É giusto tutto ciò?
Merypic ha scritto sul profilo di PyerSilvio.
Salve, piacere. Io mi muovo porta a porta ma la maggior parte delle volte mi imbatto su immobili già presenti sul mercato o fuori prezzo o entrambe le cose. C'è secondo lei un sistema per trovare case non ancora presenti sul mercato? Grazie in anticipo. Se poi si potesse parlare in privato mi farebbe piacere, mi sembra una persona che potrebbe darmi molti suggerimenti interessanti.
Alto