1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Liberatore

    Liberatore Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    “Le norme cambiate e i cantieri sui fiumi. Gli indici di fabbricabilità da 1,5 a 3”. Col piano casa di Berlusconi non avranno più bisogno di deroghe.
    Fonte:Felice cavallaro sul Corriere della Sera.
    Beffardo il gran cartello che campeggia fra il torrente e la montagna di Giampilieri, accanto alla scuola trasformata in ricovero, davanti ai mezzi dei vigili del fuoco. Ecco il «Giardino dei limoni» con l’annuncio che si vendono ville. Per la verità sembrano case popolari, appartamenti a schiera. Costruiti, come è accaduto in questo borgo disastrato per altri 32 progetti, con emendamenti e varianti in deroga al rigido piano regolatore che ancora rimproverano al sindaco-magistrato di Messina, rimasto in carica per quattro anni fino al 1998. Ed è derogando oggi, derogando domani e anche il giorno dopo, che si è arrivati a quota 800, con altrettante modifiche capaci di trasformare il cosiddetto Prg in carta straccia, piantando palazzoni ovunque, cementificando i torrenti e pure le foci.
    Per l’improbabile Giardino dei limoni il proprietario del terreno, Domenico Lupò, è pronto a mostrare il via libera del consiglio comunale. Come l’ebbe, cento metri più giù, sempre all’ombra delle frane di Giampilieri, un dinamico affarista, Cesare D’Amico, costruttore di tre grigie cooperative da 60 appartamenti per poi tornare a Messina, rilevare il Jolly e finire dentro per bancarotta fraudolenta.
    Ecco alcuni dei beneficiari di quella che in modo grossolano viene chiamata la «variante mille deroghe». Con un numero gonfiato forse perché riflette l’aspirazione di palazzinari ben inseriti nel sistema città. Come sa l’ex sindaco- magistrato Franco Pulvirenti, un giurista di sinistra oggi impegnato in politica «solo via mail». Sorride amaro. Soprattutto pensando a quel piano regolatore che varò appena insediatosi: «Capii subito che bisognava farne uno rigido, molto rigido. Scoprii una bozza gonfiata per 300 mila abitanti. Ma se siamo poco più di 200 mila? Ordinai di ridurre. Calcolammo solo i bisogni veri. Imponendo i vincoli. Soprattutto su colline e alvei dei torrenti. Vincoli ignorati. Appunto, con varianti e deroghe che hanno stravolto il Prg». E anche se adesso se ne sta in disparte, un po’ schifato dall’andazzo, indica la tecnica degli affaristi: «Il privato presenta un progetto e chiede una piccola variante al Prg. L’ufficio tecnico dà un parere a trasiri e nesciri
    (a entrare e uscire). Il costruttore si muove. Parla, avvicina. E nel consiglio comunale dove poi la variante diventa elastica si creano maggioranze casuali, intese trasversali, la delibera passa, il palazzo va...».
    Sa cosa accadeva anche un ex consigliere comunale di An, l’avvocato Francesco Rizzo, oggi difensore civico a Lipari: «Uno dei trucchi è portare l’edificabilità da 1,5 a 3. Su un metro quadrato puoi realizzare un metro e mezzo di altezza? Porti l’indice a tre e raddoppi il guadagno».
    Il caso più clamoroso, culminato in un’inchiesta con l’arresto dell’ex presidente del consiglio comunale Umberto Bonanno, dell’avvocato che mediava, Pucci Fortino, e di sei spregiudicati imprenditori è quello del «Green Park», con un indice passato da 1,5 a 5. Risultato: tre orrori in cemento armato già realizzati sotto i viadotti dell’autostrada e altri tre rimasti sulla carta. Di «green» non c’è traccia su questa arida arteria che s’inerpica poggiata su un torrente, il «Trapani Alto», soffocato, letteralmente tappato, come indicano Anna Giordano del Wwf e l’avvocato che sostiene gli ambientalisti, Aura Notarianni. Oltrepassati gli scheletri sotto sequestro giudiziario, ecco «Il Grande Olimpo», come pomposamente annuncia il cartello, fra pecore, casermoni piantanti sulla collina e una discarica aperta sul torrente che, ancora cento metri più sopra, si vede. Il letto è largo almeno venti metri. Di botto ridotti a un buco alto due metri, proprio un canale che corre giù, sotto l’asfalto, per un ripidissimo pendio di oltre un chilometro. Un imbuto.
    «Naturale che ad ogni ondata di piena l’acqua rischi di traboccare trasformando la strada in una pericolosa cascata», spiega il geologo Alfredo Natoli, che con dieci suoi colleghi fu incaricato di redigere la carta geologica della provincia di Messina: «La consegnammo nel 2000, ma fingono di non sapere che esistono torrenti soffocati, terreni franosi sui quali continuano a costruire...».
    E s’affaccia verso la collina «Paradiso », vista mozzafiato sulla Calabria. Per arrivarci ci si inerpica su un budello dove un camion passa a stento, «Strada Fosso», lo stesso nome del torrente che sta sotto, appunto infossato. Arrivi in cima e scopri gli operai al lavoro su quattro palazzoni ancora grezzi, vicini vicini, altra deroga. E, quindi, in regola. Non a caso fa bella mostra di sé il tabellone della ditta Minutoli, colorato ovviamente di verde e presuntuoso perché nel «Victoria Park» non c‘è spazio per piantare un albero. Ma il sogno di un innamorato può esplodere anche su un muro grezzo: «Ti giuro voleremo sull’isola ke non c’è».
    Qui non c’è più il torrente. Nascosto sotto la stradina con una grata ogni trecento metri. S’intravede il letto compresso del corso d’acqua. Uno di quei torrenti da niente che possono diventare valanghe d’acqua e fango. Ma senza spazio. Sempre più stretto lungo la discesa che va giù dalla collina per due chilometri di palazzoni. Una vena tortuosa che si stringe fino a sfociare sulla litoranea della città, il mare di fronte. Basta andare sulla spiaggia per capire dove finisce. Interrato sotto le pedane del «Vintage Drink & Food», stabilimento balneare e pub notturno. «Acque bianche sono», giura il capocantiere che sta smontando tutto perché siamo a fine stagione e ricompaiono i due lunghi tubi nei quali è incapsulata la foce del torrente. In pieno centro città. Senza che nessuno veda, senza bisogno di deroghe.
     
  2. noelferra

    noelferra Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Vogliamo parlare del corriere della sera?
    Chi e' senza peccato scagli la prima pietra e tutti se ne andarono.
    E' del tutto inutile cercare i peccati degli uomini.
    Dovremmo crescere al fine di evirtarli, per il futuro, ma per far questo dovremmo riprenderci (intendo noi italiani cittadini semplici) il pallino del gioco.
    Anche se con le leggi e le norme che si sono fatti i potenti, la vedo dura.
    Iniziamo pero' a rifondare tra noi qualkosa magari attrraverso Immobilio . per la nostra professione.
    Fremmo senzaltro qualkosa di migliore, che non nel parlarci addossso o comkmentare cio' che loro vogliono facciamo, per continuare ad isolarci dividendoci.
    Comunque grazie per il tuo puntuale resocnto
    Noel
     
  3. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Infatti NOel concordo con te, tendono solo a farci dividere a spaccarci in due tra rossi e bianchi, neri e viola, intatno loro se la godono e si fanno gli affaracci loro e dividono la torta del nostro paese.

    sarebbe ora di far qualcosa in sta finta democrazia, ma lo spieghi tu a tutti quelli che usufruiscono di benefici in cambio del voto?
     
  4. noelferra

    noelferra Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Io credo Roby che possiamo solo provare nel nostro piccolo a rifondare piccole cose, ma VERE.
    Solo cosi' possiamo provare a ricambiare le cose piano piano ma sempre in avanti.
    Io ho letto i programmi dei partecipabti alle nuove elezioni della FIAIP, credetemi sono veramente nauseato, si lotta per le poltrone e basta.
    Si autoeleggano tra loro, cosa che mi era sfuggita sino all'ulòtimo congresso qui a Roma, ora i delegatio sono quasi meno degli aventi diritto al voto, in quanto i9 consiglieri nazionali votano anche se non delegati e questi sono ormai in numero quasi come i delegati.
    Io vorrei anche se il custode dice di no, con l'aiuto dei piu' volenterosi a rifare una piccola associazione.
    Magari con quattro gatti, ma vere, e fare in modo che sia costituita solo da chi partecipa veramente, per il bene di tutti gli associati, credo che solo cosi' possiamo provare a far qualkosa ceh puo' unirci .
    Cordialmente
    Noel
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina