1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, vorrei sottoporre un quesito circa la vendita di un immobile ricevuto per testamento. Mia madre è stata nominata erede universale da mio fratello, morto circa due anni fa. Alla morte mio fratello non lascia figli ma la moglie dalla quale era separato da 5 anni ma non divorziato (separazione andata per le lunghe che doveva chiudersi qualche mese prima della morte improvvisa di mio fratello).
    Tra i beni facenti parte del patrimonio c'è una casa di cui anche io sono proprietaria per 1/3. Il problema è il seguente: abbiamo trovato l'acquirente ma dovrebbe chiedere un mutuo prima casa alla sua banca, ho letto che potrebbe avere problemi con la banca proprio perchè il bene deriva da disposizioni testamentarie. C'è un modo per risolvere il problema? è possibile far fare una dichiarazione/attestazione in cui mia madre si assume la piena responsabilità delle eventuali pretese? mia madre è proprietaria di altri immobili ...

    Grazie in anticipo per le risposte
    Alessandra
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se a monte c'è un testamento, non c'è nessun problema, anzi !

    I problemi ci sono quando, a monte, c'è un atto di donazione.
     
    A Ettore Arru, GiuRes93 e Roby piace questo elemento.
  3. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Puoi risolvere, in via espressa la questione, con un rapido consulto da un notaio.

    Che valutera' la necessita' di eventuali azioni di acquiescenza, tra cui l'azione di riduzione avanzata da un leggittimato, alle disposizioni testamentarie, che tuo fratello ha disposto.
     
  4. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ringrazio per le risposte...ma una eventuale azione di acquiescienza è impossibile...esiste altra soluzione?
     
  5. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ...In che senso..?

    Non sono d'accordo sul rilasciarla..?
     
  6. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Non abbiamo rapporti con lei da più di 5 anni e non vorrei io sollevare la questione... per cui chiedevo se ci fosse una soluzione che prescindesse dal coinvolgimento suo
     
  7. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Anche con un testamento, la moglie separata... ha diritto ad ereditare.
    Nel testamento si può scrivere quello che si vuole inclusi gli eredi universali... ma poi bisogna fare i conti con la legge. Per essere eredi universali bisogna che gli altri rinuncino. La moglie è separata, non divorziata e mi trovo in linea con quanto scritto da Pyer.
    Quindi non puoi prescindere dal suo coinvolgimento anche perché affrontare la questione ora ti permette di dormire sonni tranquilli domani.

    Nel rogito puoi far scrivere quello che vuoi... se ci pensi, non ha molto senso... Tua madre OGGI ha immobili, un domani quando la moglie si rivarrà per la sua eredità... potrebbe essersi già spogliata di tutto.
     
    A Bagudi e Rosa1968 piace questo messaggio.
  8. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Esatto.
     
    A Rosa1968 e ludovica83 piace questo messaggio.
  9. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    E se mia madre impegnasse un altro immobile di pari valore per l'eventuale azione di riduzione per i prossimi 10 anni?
     
  10. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Ma una cosa del genere non avrebbe senso e poi come lo impegni?
    Parla con il notaio della tua situazione e lui ti saprà dare i consigli appropriati affrontando il problema alla radice e non cercando soluzioni che non esistono.
     
    A Bagudi e PyerSilvio piace questo messaggio.
  11. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Piuttosto vai "strappando" una dichiarazione di acquiescenza.

    Offrendo un cifra tot per il suo rilascio.

    Se la mandrakata ti riesce sei a posto.
     
  12. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La mia domanda iniziale era se i potenziali acquirenti potrebbero avere difficoltà ad avere il mutuo per l'acquisto della casa (sulla quale mio fratello aveva il 16 per cento)....
     
  13. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Si. E ti dico perché: non importa la %... perché ne basta l 1% per avere il diritto ad entrare in casa.Infatti molti rogiti tra i giovani, dove la famiglia che mette i soldini per la casa... non è molto convinta dell'altra parte... acquisisce questo 1% di controllo sull'immobile (ai fini fiscali è irrilevante). Così anche in caso di separazione, di figli etc etc... non si può vendere senza il benestare di questo 1%.

    Quando la banca farà le verifiche sull'immobile, troverà il problema.
    Quindi ti rinnovo il consiglio di andare dal notaio e vedere con lui la situazione in modo tale da trovare una soluzione che non faccia "scappare l'acquirente".
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  14. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ok, grazie mille per le risposte. Seguirò subito il suggerimento
     
  15. fragipro

    fragipro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Scusa un'ultimissima informazione...ma la stessa cosa vale anche se gli acquirenti avessero soldi in contanti e non dovessero chiedere un mutuo bancario?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina