1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Finalmente una buona notizia per i condomini.

    IVA più leggera sul metano.
    Ai fini dell’applicazione dell’aliquota del 10% sulle somministrazione per usi civili, infatti, il limite massimo agevolabile di 480 metri cubi annui, in caso di riscaldamento condominiale centralizzato, va moltiplicato per il numero delle utenze.
    In altre parole, il quantitativo massimo di 480 mc, su cui si applica l’aliquota del 10% di IVA va moltiplicato per il numero delle unità immobiliari il cui riscaldamento è allacciato a quello centrale.
    Soltanto sull’eccedenza a tale quantitativo, l’ IVA sul metano è dovuta con l‘aliquota ordinaria del 20%.
    Tali delucidazioni sono fornite dalla risoluzione delle Entrate n.108 del 15/10/2010.
    Ogni tanto il fisco mostra una faccia meno feroce.
    Poca roba, però.
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
  3. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    Una settimana dopo la risoluzione 108/E del 15 ottobre 2010, l'Agenzia delle Entrate ritorna sul beneficio dell'IVA al 10% sui primi 480 m.c. annui di gas consumato, fruibile anche per il riscaldamento centralizzato di condomìni o cooperative di abitanti di edifici abitativi.


    La risoluzione 112/E del 22 ottobre 2010 chiarisce, infatti, che il beneficio non deve essere duplicato.


    Al plafond condominiale - 480 mc per ciascuna unità immobiliare ad uso civile allacciata all'impianto centralizzato - vanno detratti i mc.utilizzati, su cui sia già stata applicata l'i.v.a. al 10%, sempre nell'ambito dei 480 mc., per gli usi domestici o di un impianto di riscaldamento individuale, parallelo al centralizzato, utilizzato nella medesima unità.


    Nel caso quindi si sia già fruito per gli usi domestici del beneficio del 10% , sarà possibile ottenere l'i.v.a. ridotta solo sui 480 mc. al netto di quelli su cui si sia già avuta l'agevolazione dell'I.v.a.al10%.


    I dati dei consumi dei singoli utenti sono quindi complementari a quelli del riscaldamento condominiale



    Di fatto hanno reso ingestibile una pratica di rimborso per il passato e non si sà come comportarsi per il futuro.

    E' impossibile allegare alla richiesta di rimborso, le bollette gas di tutti i condomini dal 2008 ad oggi, per vedere di quanto IVA del 10% hanno già usufruito .... e per il futuro il problema rimane
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina