1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. teicorg

    teicorg Membro Junior

    Privato Cittadino
    Scusate se propongo un argomento gia' dibattuto, ma ho avuto finora delle risposte contradditorie.

    Come acquirente di un appartamento facente parte di un condominio costruito prima del 1 settembre 1967, posso comunque "pretendere" che il venditore consegni al rogito il certificato di abitabilita' ?

    Alla mia richiesta verbale di avere questo certificato, successiva alla sottoscrizione del preliminare, mi e' stato risposto che per gli immobili ante '67 non e' obbligatorio per il rogito.

    L'appartamento non ha subito modifiche dalla sua costruzione che richiedessero autorizzazioni e il suo stato di fatto e' conforme alle planimetrie catastali (come verificato da un perito della banca cui ho chiesto il mutuo).

    Finora non ho insistito piu' di tanto per richiedere la consegna del certificato di abitabilità al rogito, in quanto mi sembrava un dettaglio formale di poca importanza, legato alla difficolta' di reperire il certificato attraverso ricerche negli archivi (di non breve durata).

    Se io pero' mi trovassi a dover vendere l'immobile a mia volta, senza fare lavori di ristrutturazione che richiedano autorizzazioni, un nuovo acquirente potrebbe invece obbligarmi a fornirgli il certificato di abitabilità al rogito, pena la risoluzione del contratto o il risarcimento del danno ?

    Il preliminare che e' stato sottoscritto non menziona in modo esplicito l'assenza del certificato di abitabilità, ma riporta solo la dichiarazione del venditore relativa al fatto che:
    - l'immobile e' stato costruito prima del 1967
    - che non non sono state eseguite opere per le quali sarebbe stato necessaria la presentazione di una denuncia di inizio attività o il rilascio di provvedimenti autorizzativi anche in sanatoria
    - viene garantita comunque la regolarità edilizia e urbanistica dei beni in contratto

    Puo' il venditore comunque rifiutarsi di consegnare il certificato di abitabilità , facendo appello a quanto dichiarato nel preliminare ? Cosa posso fare di fronte a questo rifiuto ?

     
  2. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    L'abitabilità necessita per abitare un fabbricato, fin dal 1934 (art. 221 T.U. 27/7/1934) . Ovviamente non è un vincolo per la vendita, se i patti sono questi (uno può benissimo vendere un rudere, se chi lo compra sa che c'è da rifare tutto). Quello che ti ha detto che non occorre l'abitabità per gli immobili ante 67 o è un ignorante oppure è in mala fede.
     
  3. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Inoltre se non è stato scritto niente nel preliminare non significa che l'abitabilità sia assente, ma l'esatto contrario: nel caso l'immobile presenti un vizio (come la mancanza di abitabilità), la circostanza deve essere epslicitata, a garanzia di chi acquista. Queste le sentenze della cassazione.
     
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    Fino all'emanazione della Legge sulla conformità del 2010, nei rogiti è sempre stata sufficiente la clausola ante'67 per non pretendere il sertificato di abitabilità.

    Certo è che se si dovessero vendere solo gli immobili con l'abitabilità, tanto varrebbe radere a suolo tutti gli immobili ante'67.... A Bologna, l'abitabilità ce l'avrà il 20% (forse)
     
    A mamicri e ccc1956 piace questo messaggio.
  5. luberto

    luberto Membro Attivo

    Privato Cittadino
    se può interessare:
    sono proprietario di un piccolo app.to costruito nel 1964. All'epoca il certificato di abitabilità veniva consegnato all'ASL. Proprio questa mattina ho ritirato il certificato, dopo una settimana dalla richiesta e con 64 euro di spesa.
    Cito testualmente il tenore della dichiarazione:
    Oggetto : fabbricato posto nel Comune di ...composto di 77 vani.. proprietario ...(il costruttore).
    A seguito controlli cartacei a questo ufficio risulta che l'edificio in Via ...(propr. Coop ...) è stato oggetto di sopralluogo, con rilascio di abitabilità in data ../../1965. Si tiene comunque a precisare che per sopravvenute norme in tema di sicurezza, la idoneità ad abitazione non può essere considerata valida senza la conformità dell'impianto elettrico ed idraulico e la persistenza a tutt'oggi delle condizioni igienico sanitarie.
    Saluto
     
  6. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Quale Legge del 2010, scusa?
    E che c'entra la conformità edilizia con l'abitabilita?
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Stiamo parlando di rogiti e quindi della Legge 122 del 30 luglio 2010, conversione del D.L. 78/2010, che dice:

    La conformità catastale porta di conseguenza il controllo della conformità urbanistica e qui casca l'asino....
     
    A Valerio Spallina piace questo elemento.
  8. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Non condivido, ci sono migliaia di fabbricati non conformi urbanisticamente eppure in regola catastalmente. Specie quelli costruiti dalle società immobiliari, che presentavano un progetto in un modo e lo realizzavano in un altro, accatastandolo correttamente. Inoltre l'abitabilità/agibilità non c'entra niente col 1967, è una norma che esiste fin dal '34 e fa riferimento anche ad altre cose, oltre la conformità edilizia/catastale.
     
  9. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Per gli immobili che risalgono a data anteriore 1/9/1967, è sufficiente la dichiarazione del venditore che non siano state realizzate altre opere che necessitano di autorizzazione; e' tutt'ora valida la Legge 47/1985 art 40 comma 2:
    Per le opere iniziate anteriormente al 1° settembre 1967, in luogo degli estremi della licenza edilizia può essere prodotta una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, rilasciata dal proprietario o altro avente titolo, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 4 della legge 4 gennaio 1968, n. 15, attestante che l'opera risulti iniziata in data anteriore al 1° settembre 1967
    in merito alla Legge 122 del 30 luglio 2010, art.19. Aggiornamento del catasto, quello che bisogna considerare è che lo stato di fatto corrisponda alla planimetria catastale.
     
    A ccc1956 e torodibaggio49 piace questo messaggio.
  10. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Appunto: invece di dichiarare la licenza edilizia dichiari che è stato iniziato antecedente a tale data. Ma non ti obbliga a dire che è conforme o meno.
    Poi dell'abitabilità non dice niente....
     
  11. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Il fatto è che la legge non richiede, per gli immobili costruiti prima del '67, il certificato di abitabilità.
    Del resto che se ne farebbe il nuovo proprietario dell’abitabilità richiesta negli anni 60? non aveva certo i requisiti di oggi. Naturalmente deve essere fornita l’agibilità in caso di successivi interventi che potevano richiederla, per questo si aggiunge la menzione che non sono stati fatte ulteriori opere.
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  12. Alvisets

    Alvisets Membro Attivo

    Altro Professionista
    Scusa teicorg ma cosa dice il tuo notaio in merito? In teoria potrebbe anche rifiutarsi di fare l'atto se non c'è il certificato di agibilità o perlomeno quando si parlerà di dichiarazione sostitutiva come previsto per gli immobili ante 67, l'abitabilità che effettivamente sembra esservi collegata (in quanto attesterebbe non solo la salubrità degli ambienti ma anche la conformità dell'opera realizzata rispetto al progetto approvato) salterà fuori o no? A quel punto visto che suo compito è quello di informare le parti, se si accorge che non avete raggiunto un accordo l'atto potrebbe saltare. Chiedete un nuovo certificato tanto tutto è in regola no?
     
  13. ARMANDOTURANO

    ARMANDOTURANO Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Salve
    condivido anche io con irma e mata saluti
    armando
     
  14. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    Anche se tutto il resto è in regola, non è detto che esista il certificato di abitabilità.
     
  15. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Scusa ma chi te l'ha detto che la legge non richiede l'abitabilità per usare un fabbricato ante 1967? Dove l'hai trovato scritto? Fantasie? Secondo il tuo pensiero, allora non dovremmo mai rispettare una norma, perchè poi superata da quella successiva. Non avremmo dovuto fare i progetti degli impianti secondo i criteri stabiliti dalla L. 46/90 ed ottenere la relativa certificazione, solo perchè adesso superati dal D.m. 37/2008. Quindi per te non sarebbero validi, questi certificati. Non avremmo dovuto fare i collaudi del cemento armato ex R.D. 2229/39, solo perchè si sono succedute altre normative. Un fabbricato costruito nel 2007 allora sarebbe da buttare, soltanto perchè nel 2008 è uscita un'altra norma che cambia le modalità di calcolo delle strutture antisismiche .. e così via
     
  16. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Semmai, tu dove leggi che per compravendere immobili ante 1967 occorre il certificato di abitabilità?
     
  17. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino

    va da se che in caso di interventi edilizi che richiedono la domanda di agibilità, gli interventi devono rispettare la normativa in vigore
     
  18. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    R.D. 27 luglio 1934 n° 1265.
     
  19. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Pubblicato in G.U. 09/08/1934 n° 186.
     
  20. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Quello che citi è il Testo unico delle leggi sanitarie, non ha nulla a che vedere con le menzioni/requisiti degli atti di compravendita.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina