1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. LUIGI07

    LUIGI07 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Gradirei sapere qualora si riscontrasse , dopo il rogito, una leggera difformità della planimetria rispetto lo stato attuale dell'appartamento su chi ricadrà l'onere di una eventuale regolarizzazione catastale?
    Sul venditore o sull'acquirente?
    Il notaio, contestualmente all'atto di vendita finale, ha espressamente chiesto al venditore se la planimetria fosse perfettamente conforme, facendola controfirmare dal venditore e, se non erro, anche dall'acquirente.

    Grazie e saluti

    Luigi A.
     
  2. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Salve, l'acquirente erra bene si facesse avanti prima del rogito, chiedendo al venditore la regolarizzazione della difformita' (da ricordare: cil in sanatoria e POI variazione catastale!) Se il rogito e' stato regolarmente fatto, si suppone entrambe le parti abbiamo avallato la conformita' vera o presunta che sia del'immobile; orami quindi l'eventuale regolarizzazione sara' a carico dell'acquirente, ora proprietario!
     
  3. deadcrackerz

    deadcrackerz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Se le difformità incidono sul calcolo della rendita catastale allora il venditore ne è responsabile penalmente (v. Circolare Ag. territorio 02/2010 in attuazione della legge 31 maggio 2010 n.78 Art. 19 comma 14)
     
  4. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se l'acquirente infatti firma una planimetria al rogito giurando sia conforme, e invece non lo è, ormai è come se la modifica l'avesse fatta lui, perchè ufficialmente al rogito l'appartamento risultava come planimetria allegata.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  5. LUIGI07

    LUIGI07 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Secondo me la cosa non è molto giusta, ma non parlo dal punto di vista legale. Il venditore giurando la conformità della planimetria potrebbe essere in malafede, cosa che per l'acquirente è impossibile che accada, in quanto contro i propri interessi.
    Spesso, alcune micro-modifiche della planimetria sono evidenti solo a persone del settore o magari si viene a conoscenza di tale anomalia soltanto durante i lavori di ristrutturazione.
    Cosa giusta sarebbe, invece, se l'acquirente informato dal venditore, fosse a conoscenza della difformità accettandola davanti al notaio contestualmente al rogito.
    Voglio far presente che questo è soltanto il mio punto di vista, probabilmente errato.

    Grazie e saluti

    Luigi A.
     
  6. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Si presuppone che l'acquirente veda l'immobile che sta acquistando e quindi possa verificare con i suoi occhi la conformità o meno della planimetria (che ovviamente deve avere prima del rogito).
     
  7. Abakab

    Abakab Ospite

    Il venditore di un immobile dovrà pertanto dichiarare, e il notaio rogante inserire detta dichiarazione nell’atto di compravendita, che l’immobile oggetto di compravendita si trova nello stesso stato di fatto rappresentato nella planimetria catastale allegata all’atto.
    Col decreto legge D.L. 78/2010 .... c'è di fatto una dichiarazione mendace da parte del venditore!
     
    A Sim piace questo elemento.
  8. LUIGI07

    LUIGI07 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Secondo logica, dovresti avere ragione tu! . Però, mi sembra che i pareri siano contrastanti.....

    Saluti

    Luigi A.
     
  9. deadcrackerz

    deadcrackerz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Leggi la circolare 02/2010 dell'Agenzia del territorio. Se si tratta di difformità che non incidono sul calcolo della rendita non vi è obbligo di presentare la richiesta di variazione da parte del venditore e tu non puoi pretendere niente. Nel caso invece incidano, in base alla gravità, può essere addirittura reso nullo l'atto tramite "querela di falso" punibile fino a due anni di reclusione.
     
  10. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Perchè pareri contrastanti? :confuso:
    Abakab ti ha spiegato a livello legislativo/giudiziale cosa accade. Io e gli altri a livello urbanistico/catastale, ma il concetto è lo stesso: deriva tutto dalla stessa legge.
     
  11. Abakab

    Abakab Ospite

    La legge dice che se queste dichiarazioni non vengono riportate in atto lo stesso è nullo, in realtà le dichiarazioni ci sono e il notaio non fà altro che autenticare quanto dichiarato dalle parti senza esserne responsabile. Legalmente il falso in atto pubblico è un reato penale ..vedi tu come muoverti.
     
    A Sim piace questo elemento.
  12. LUIGI07

    LUIGI07 Membro Junior

    Privato Cittadino
    La difformità dovrebbe essere minima, ovvero il bagno è stato di pochissimo reso più corto ( 1/2 metro circa, forse meno) affinchè le due porte, bagno e cucina, siano a filo.

    Saluti

    Luigi A.
     
  13. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Parliamoci chiaro: nessuno ti verrà mai a contestare una cosa del genere. Il discorso fatto fin'ora è: tu hai diritto ad avere la planimetria conforme al momento della cessione. Poi....
     
    A Abakab piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina