1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. idolo moresco

    idolo moresco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, un quesito:
    ho ereditato un terzo di casa insieme a dei parenti, i quali vorrebbero vendere la casa a un prezzo che ritengo essere troppo basso.
    Posso oppormi alla vendita in attesa di un migliore momento sul mercato ?

    Grazie
     
  2. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
  3. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Gli altri eredi non possono obbligarti a vendere....
     
  4. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    se ritieni il prezzo troppo basso, quindi un buon affare, potrebbe essere una buona occasione d'acquisto per te.
     
  5. elio lucarini

    elio lucarini Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    se gli altri decidono di vendere, se te non vuoi possono fare ricorso al tribunale ed obbligarti, sempre che l'immobile non sia divisibile, comunque te ai il diritto di prelazione
     
  6. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    I coeredi possono rivolgersi al giudice per ottenere il permesso di vendere. Tu hai solo la possibilità di acquistare il tutto al prezzo che secondo te è troppo basso.
     
  7. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    hai anche la possibilità di 'giustificare' il tuo rifiuto a vendere con una perizia giurata della quale un giudice non puo non tener conto (se effettivamente il prezzo è troppo basso).
     
  8. Rosario Ravanini

    Rosario Ravanini Oggi è il mio Compleanno!

    Amministratore di Condominio
    si può sciogliere la comunione , lo prevede il cod.civile solo che, bisogna inoltrare domanda al giudice, valutare se il bene è divisibile o meno, attenzione se non si raggiunge un accordo, se chi ha la prelazione non lo acquista, finisce all'asta e si dividono i denari.
    Non è una passeggiata, ma un bel problema...sopratutto nei rapporti interni.
    auguri.
     
  9. idolo moresco

    idolo moresco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie a tutti per i consigli
     
  10. idolo moresco

    idolo moresco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ci ho pensato ma non è il momento per me...
     
  11. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Se il prezzo è troppo basso, come ti ha suggerito un collega acquistalo tu, Non vi mettete a litigare altrimenti non avanzate nulla (leggi tribunale e avvocati). Trovate un compromesso, c'è sempre un compromesso
     
  12. tonio

    tonio Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    come si fa' sapere se e' divisibile? per esempio un fabbricato di tre appartamenti 8 eredi non possono dividere?
    nemmeno una camera ciascuno? e se sette vogliono vendere e uno no chi vince?
     
  13. Rosario Ravanini

    Rosario Ravanini Oggi è il mio Compleanno!

    Amministratore di Condominio
    è una questione di buon senso, ma purtroppo se manca la sua firma dell'ottavo, l'atto non si può fare, bisogna ricorrere al giudice che porrà il bene all'asta, se un coerede non acquista le sette quote.
    Sette vendono l'ottavo no, chi compra ha la maggioranza, si può applicare sempre il detto :Ubi major , minor cessat !
    a qualcosa servirà pure la maggioranza, forse a fargli rendere la vita difficile ?:rabbia::rabbia:
    non sò......... si :può vedere.....::domanda::domanda:
     
  14. Francesca Cecchini

    Francesca Cecchini Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Guarda, una volta nel vecchio studio dove ho fatto il praticantato, per un immobile (da buttare giù e rifare) e due campi i coeredi (4) si sono talmente impuntati su questioni di principio che alla fine, dopo 12 anni, il giudice ha fatto l'estrazione a sorte per dividere le quote (è l'estrema modalità quando non c'è alcun accordo).
    Totale: han dovuto vendere tutto (e anche mettere del denaro) tra avvocati e spese di perizie, ma, come mi ha detto il cliente "è stata una soddisfazione"
    Io a queste soddisfazioni non credo molto per cui meglio l'accordo!
     
    A Patatina e Alessandro Frisoli piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina