1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Roberta43

    Roberta43 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sono ancora in attesa del rogito, il notaio aveva promesso per la fine di giugno. La banca on-line mi ha comunicato che andrebbe fatto entro questo mese, a Luglio potrebbero aumentare i tassi che attualmente per un fisso è 4,77

    Cosa ne pensate?

    Grazie
    Roberta

    GIOVEDI' 9 GIUGNO 2011

    di Marco Valli* (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 09 giu - Oggi Trichet ha mandato un messaggio molto chiaro: la Bce e' pronta ad alzare nuovamente i tassi di interesse a luglio, molto probabilmente di 25 punti base. Del resto, le nuove previsioni dell'istituto di Francoforte mostrano per quest'anno una revisione al rialzo sia della crescita economica (1,9%) che dell'inflazione (2,6%), mentre per il 2012 la Bce continua a prevedere una crescita del Pil leggermente sopra potenziale e una dinamica inflazionistica sostanzialmente in linea con la sua definizione di stabilita' dei prezzi. Nel preannunciare il rialzo dei tassi, Trichet ha comunque indicato che la Bce intende proseguire nella strategia di "piena allocazione" alle operazioni di rifinanziamento, un chiaro segnale che la debolezza di alcune banche dell'area continua a rappresentare un rischio sistemico per la stabilita' finanziaria dell'intera area. In altre parole, Trichet ha confermato il "principio di separazione" tra strumenti di policy convenzionali (il livello del tasso refi) e non convenzionali (tra cui le politiche di liquidita'). Sul fronte Grecia, la posizione di Trichet e' stata molto chiara: no categorico a qualsiasi soluzione che implichi un "credit event", visto il forte rischio di un effetto destabilizzante sui mercati finanziari e, in ultima analisi, sull'economia reale. Si tratta di una posizione sensata, visto che il costo economico, politico e sociale di una ristrutturazione del debito greco nel breve termine sarebbe ben piu' alto del costo di un supporto finanziario che garantisca al Paese almeno un altro paio di anni per implementare le riforme e le privatizzazioni necessarie. * Vice President, Chief Eurozone Economist UniCredit Research (RADIOCOR) 09-06-11 19:00:01 (0431)news 3 NNNN
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina