1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. brick

    brick Membro Junior

    Privato Cittadino
    E' da un paio di anni che puntualemente si presentano egregi signori che offrono delle cifre di molto inferiori al prezzo di vendita -già basso ed equo- di una casa che per motivi di non utilizzo ho deciso di vendere. Alcuni di questi poi sono proprio bizzarri perchè credono che per il sol fatto di voler vendere una casa, sia scontato "aver bisogno" di soldi. Così, dopo pochi giorni di trattative, come al solito l'affare sfuma. Io mi tengo la casa, loro i soldi. :^^:
     
  2. Brisko

    Brisko Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Quindi??? Cosa ci vuoi dire con questo? Penso che sia normale in una trattativa commerciale che la stessa vada in porto quando si incontrano domanda e offerta. Se queste non si incontrano ognuno si tiene ciò che ha. Non mi sembra ci sia nulla di strano.
     
    A pensoperme piace questo elemento.
  3. brick

    brick Membro Junior

    Privato Cittadino
    Quando si va dal benzinaio o a comprare il pane non ci si mette a contrattare sul prezzo....
    Certe persone, nonostante sappiano qual'è il prezzo di vendita di una casa anche quando sta scritto bello chiaro "non trattabile" (ed il prezzo è già di per sè ragionevole).... iniziano a fare offerte di cui forse bisognerebbe un po' vergognarsi. E' proprio la mentalità dell'"affarista della domenica" che sta spopolando, specie nel settore immobiliare. Almeno è questa la mia percezione delle cose.... anche e soprattutto alla luce di diversi affari che ho concluso di recente.
     
  4. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    beh hai ragione, se scrivi non trattabile e ci provano lo stesso, sono fastidiosi, concordo pienamente...
     
  5. zia little

    zia little Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non credo sia questione di "affarista della domenica", penso che quando in gioco ci sono cifre a 5 zeri, anche i 1000,00 euro facciano la differenza. E non è questione di pensare che Uno abbia bisogno di soldi, é pensare che magari fanno comodo a me i soldi che risparmio (anche perchè se acquisto, ho una serie di spese che a me fanno lievitare il costo e presumo che si sappia quanti soldi si hanno a disposizione)
    A me comunque è capitato di incontrare prezzi di immobili, che al venditore sembravano equi, ma, detto dall'Agente Immobiliare, a quel prezzo non avrebbe venduto neanche in tempi meno grami di questo.
    Se potessi contrattare il prezzo della benzina, lo farei volentieri. Ma non posso! E allora che faccio? vado a fare benzina nel posto in cui costa meno oppure mi muovo a piedi.
    :fiore:
     
  6. Brisko

    Brisko Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Beh ma comprare una casa non è esattamente come comprare il pane o fare il pieno dal benzinaio... e in questi ultimi anni personalmente non ho mai visto una trattativa che si chiudesse al prezzo richiesto inizialmente. Che poi l'offerta sia spregiudicata rispetto al prezzo indicato quello è un altro discorso... spesso una persona non cerca casa, cerca un affare!
     
  7. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Mi permetto una considerazione dettata dall'esperienza...il fatto che in due anni non sia riuscito a vendere dovrebbe farti suonare un campanello d'allarme, forse e dico forse (perchè il motivo non è detto che sia questo, seppur molto probabile) il prezzo richiesto non è così ragionevole come tu credi ma la causa potrebbe essere anche l'intransigenza nel non volerlo trattare ed è fuori luogo portare ad esempio settori del commercio nei quali i prezzi non sono trattabili.
    Esistono usi e consuetudini che cambiano a seconda del settore e/o del luogo, trattare il prezzo di acquisto di un immobile (ma anche di un'auto e addirittura di un capo di abbigliamento, seppur in misura meno evidente) è una consuetudine consolidata e non solo in Italia...se ti adeguassi, probabilmente, riusciresti a vendere...falli contenti ma portali dove vuoi tu...
     
    A zia little e Limpida piace questo messaggio.
  8. EnCa78

    EnCa78 Ospite

    Che il prezzo sia basso ed equo, lo hai deciso tu?:shock:
     
  9. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    :^^: e certo, molti pensano che il prezzo lo faccia il venditore, non il mercato
     
    A EnCa78 piace questo elemento.
  10. navigator77

    navigator77 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io devo spezzare una lancia a favore di chi ha postato, e lo dico da "compratore".

    La storia di "per me che acquisto ho spese", a mio avvison "non regge", quelle spese le so dall'inizio (se mi informo ovviamente), per cui appartengono ad un "budget" diverso. Ovvio che ognuno vuole risparmiare se possibile, anche solo 1000/2000€ in meno sono tanti. Il problema (e l'ho notato in diversi amici che hanno comprato/vorrebbero comprare) è che si buttano "avanti" senza pensare prima alle varie "spese accessorie", per poi voler risparmiare sull'unico costo "non imposto", ovvero il prezzo! Molto raramente si vede qualcuno contrattare lo spread del mutuo con una banca, quello si sarebbe più "onesto" farlo facendo paragoni.

    Il mio "esempio" è che, fatti i miei conti, consultati un paio di istituti di credito, avevo valutato di poter acquistare una casa di max 150-155k€, per cui nelle mie "ricerche" (prevalentemente su portali), era quella la cifra massima che inserivo nelle richieste!
    Fatte alcune visite, andavo in alcune agenzie, ed eran stesso loro che mi proponevano case a 165, anche a 170, ed alla mia obiezione "sono fuori budget, cerco altro" erano loro stessi a dire "ma sì, non si preoccupi, il prezzo possiamo trattarlo, ecc.", ed infatti mi sono trovato a comprare un appartamento posto in vendita a 165k€, facendo un'offerta (su indicazione dell'AI) di 155k€, per poi chiudere dopo una contro-offerta a 159k€

    Vedo che la "tendenza generale" degli operatori del settore, è quella di dire "funziona così", per quanto mi riguarda la trattativa sul prezzo ci può si essere, ma in certi casi la vedo troppo "automatica", ed inoltre provo anche io ad immedesimarmi nel venditore, che a sua "insaputa" ha un AI che propone di far pagare meno un appartamento (lo virgoletto, poichè potrebbe anche seere concordato tra venditorie ed AI). Mi sembra un pò un "gioco delle parti", in cui l'offerta al ribasso è una "prassi accettata"

    Questa "logica" porta a pubblicizzare di partenza immobili a prezzo "Maggiore di quel che potrebbe essere il giusto tanto so che offrono di meno" a prescindere se il prezzo sia congruo o meno.
     
  11. zia little

    zia little Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Per me, che sto acquistando, quelle spese appartengono allo stesso budget, visto che le devo tirare fuori dalle mie tasche, che ci sia un mutuo o meno; per esperienza, se posso giocare al ribasso, non eccessivo, lo faccio. Certo non posso pretendere di comprare a 100000, qualcosa che viene posto in vendita a 200000,00; però so, perchè riferito dall'agenzia, che molto spesso il venditore, nel costo dell'immobile, prova ad inserire quanto ha speso per notaio, agenzia, IVA etc etc .... cioè tutte quelle cose che anche per lui, in teoria, avrebbero fatto parte di un altro budget. ( anche se non credo sia il caso di chi ha iniziato la discussione) :fiore:
     
  12. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    scusa zia ma tu becchi tutte offerte di gente che ha comprato negli ultimi 7-8 anni? :^^: per chi ha comprato 15-20-30 anni fa non regge come calcolo... hanno pagato 1/2, 1/4 e persino 1/20 di quanto chiedono oggi a te...
     
  13. zia little

    zia little Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Eccheneso ..... io becco quello che l'agente immobiliare mi mostra ....:^^:

    Però così tu mi confermi che è la prassi per chi ha acquistato da poco :occhi_al_cielo: e rivende ..... magari poi succederà anche a me:confuso:
     
  14. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    boh si possono inventare mille storie, di sicuro chi ha comprato dal 2004 in avanti non puo rientrare delle spese e spesso nemmeno del capitale, visto il trend calante dei valori - tu cerca venditori che hanno comprato prima del 2004 che probabilmente sono piu elastici oppure ancora meglio buttati su un affitto e aspetta il crack definitivo
     
  15. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non è un gioco delle parti, é normale che ci sia un minimo di trattabilità del 10%, anche nel metodo valutativo dell'immobile,non esiste un prezzo matematicamente esatto, sarebbe sin troppo facile.:fiore:
     
    A zia little piace questo elemento.
  16. navigator77

    navigator77 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Che non esista un prezzo "certamente" esatto, non ci sono dubbi, quel che volevo affermare io, è che anche se, in via del tutto teorica, esistesse questo prezzo "perfetto" X, molto probabilmente mi troverei ad avere comunque un'offerta minore X-y, a meno che, conscio di questo "modo di fare", chieda a priori un prezzo "maggiore" X+y. Come si affermava prima, la persona vuole avere la "sensazione di aver fatto un affare", per cui comprare a 200k€ una casa che era pubblicizzata a 220k€, da più un "senso di affare" di comprare a 200k€ la stessa identica casa messa in vendita a quella cifra :)

    Sicuramente se e quando dovrò vendere, ne terrò conto (poi ovvio che il prezzo può cambiare, anche all'interno di una "fascia congrua" di prezzo, in base a vari fattori, quali la "necessità" di dover vendere entro certi tempi, ecc.). Ci tengo a precisare che la mia non è una "critica", ma la constatazione di un "modus operandi" di questo mercato!
     
  17. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Anche la mia non é una critica ma un'informazione.:fiore:
     
  18. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    scusa gmp ma tu fai un discorso unidirezionale?
    Ti va bene che in un periodo di recessione si possa pretendere cospique riduzioni sul prezzo e non ti va bene che chi ha comprato 20 anni fa abbia avuto quella che un tempo esisteva e si chiamava rivalutazione immobiliare?
    ...e in quegli anni era di circa il 10 % all'anno.
    ...ti ricordo che a questi tassi un bene in poco più di dieci anni triplica il valore grazie agli interessi composti.
     
  19. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    ma guarda che non è mica garantita per legge la rivalutazione, c'è chi se la becca e chi no, dipende da come gira il mercato... MERCATO... vale per gli immobili le mele le biciclette... a parte che il 5% composto raddoppia in 20 anni un valore, non lo triplica in 10...
     
  20. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Cicci belli, ognuno la può pensare come vuole, resta il fatto che certi atteggiamenti "fermi" si scontrano con la realtà delle cose che è palese e una sola: il mondo non va come noi vogliamo. Sapete perché? Ci sono anche gli altri. Quindi, se io chiedo mila euro e gli altri non me li danno, significa che in fondo non voglio vendere così tanto, cosa lecita, quanto l'offrire di meno, anche se io voglio mettere regole assolute. Alla base del vivere civile c'è il rispetto della libertà altrui, nei limiti tollerabili. TU sei libero di mettere dei limiti, io sono libero di cercare di superarli, con educazione. Il resto è di una inutilità disarmante.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina