1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    ciao a tutti, sono nuovo e inesperto spero di non sbagliare nulla, vi spiego il mio problema, abbiamo fatto una proposta di acquisto ad signore per un appartamento tra privati e ci siamo accordati per una cifra di 165.000 euro, a cio' io gli ho spiegato le mie condizioni in quanto avrei dovuto fare il mutuo per tutta la cifra, e gli versato una caparra di 2.500 euro, ho scaricato un modulo di proposta da internet, e essendo inesperto l'ho compilata non completa dei vincoli che mi interessavano, cioe' vi spiego, non ho messo il vincolo del mutuo, non ho messo la data di compromesso e nemmeno quella del rogito non abbiamo nemmeno registrato la proposta da un notaio in pratica era una carta tra di noi che abbiamo firmato entrambi, il venditore mi aveva detto che a rogito avrebbe avuto bisogno di alcuni mesi in piu (oltre al mese di legge) inquanto aveva una casa da ristrutturare di sua proprieta', io senza alcun problema gli faccio presente che davanti al notaio avrebbe deciso lui i mesi che gli sarebbero serviti, in pratica ci siamo venuti incontro lui facendomi fermare la casa con poco io dandogli tutto il tempo di cui avrebbe avuto bisogno, il problema e' venuto dopo, la mia ragazza sta per perdere il lavoro, gli faccio presente che non posso piu' prendere l'appartamento e che la caparra sono disposto a perderla perche' cmq mi sono tirato indietro da un impegno, lui mi dice che ha gia' iniziato i lavori per una cifra di 17.000 euro e minaccia di mandarmi in tribunale dicendo che una minima parte gliela devo perche' si e' informato da un avvocato come posso risolvere la questione senza andare davanti ad un giudice? e quali sono i miei obblighi avendo firmato una proposta senza date e vincoli?
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Normalmente quando si prende un impegno per l'acquisto di un bene e si versa una caparra (confirmatoria) la parte rinunciante perde la quota ... (se la parte rinunciante ovvero colui che ha versato la caparra) perde la quota quale mancato guadagno, mentre se la parte rinunciante è colui che ha ricevuto la caparra è tenuto a versare il doppio della quota per promessa non mantenuta. Pertanto, dalla tua domanda, se abbandoni e non sono state messe condizioni particolari nel vostro contratto, perdi soltanto la quota versata.
    Un consiglio, se posso permettermi, avvaliti sempre di un professionista che ti possa aiutare nel gestire una situazione ... (in questo caso un AI, o un legale se la parte venditrice fa opposizione, perchè essendo all'oscuro delle procedure civili e le relative conseguenze, ti potrà essere sicuramente d'aiuto) ...
    In ogni caso, il tutto lo trovi nell'art. 1385 e 1223 del codice civile ...

    Art. 1385 Caparra confirmatoria
    Se al momento della conclusione (1326) del contratto una parte dà all'altra, a titolo di caparra, una somma di danaro o una quantità di altre cose fungibili, la caparra, in caso di adempimento, deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta (1194).
    Se la parte che ha dato la caparra è inadempiente (1218), l'altra può recedere dal contratto, ritenendo la caparra; se inadempiente è invece la parte che l'ha ricevuta, l'altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra (1386,1826; att. 164).
    Se però la parte che non è inadempiente preferisce domandare l'esecuzione o la risoluzione (1453 e seguenti) del
    contratto, il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali (1223 e seguenti; att. 164).

    Art. 1223 Risarcimento del danno
    Il risarcimento del danno per l'inadempimento o per il ritardo deve comprendere così la perdita subita dal creditore come il mancato guadagno, in quanto ne siano conseguenza immediata e diretta (1382, 1479, 2056 e seguenti).
     
  3. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    ti ringrazio della risposta cosi' in breve tempo, scusa se mi permetto ma in pratica perdo solo la caparra giusto?
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Che tipo di caparra: penitenziale o confirmatoria?
     
  5. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Secondo logica SI, io non mi farei intimidire, tra l'altro non avete un contratto completo e nemmeno registrato ...
     
  6. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    lo so, la mia e' cmq la paura di trovare un giudice che cmq mi condanna a pagare e con quello che costa una causa non voglio rovinarmi in quanto la mia condizione economica e' gia' precaria, un consiglio su come risolvere la questione senza avvocati? cmq mi dispiace anche per la situazione del signore, LA CAPARRA NON SO SE E' PENITENZIALE O CONFIRMATORIA L'HO SCRITTA SULLA PROPOSTA PERO RIPETO, NON ABBIAMO MESSO NESSUN VINCOLO NESSUNA DATA E NE NIENTE NON SO PENSO SIA CONFIRMATORIA CMQ VI RINGRAZIO VERAMENTE SONO 2 SETTIMANE CHE NON RIESCO A DORMIRE PER QUESTA QUESTIONE, SENTO PARERI DISCORDANTI E NON RIESCO A CAPIRE A COSA STO ANDANDO IN CONTRO SONO TESO E SEMPRE NERVOSO, A PARTE IL RIVOLGERMI AD UN AVVOCATO CHE FARO' SICURAMENTE QUALCHE CONSIGLIO SU COSA FARE??

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    Grazie antonello e grazie architetto per l'interessamento
     
  7. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Con calma, leggi che cosa avete scritto nella proposta dopo la parola caparra.
    Saputo questo ti possiamo dare indicazioni sul da farsi.
    Sempre con calma.
     
  8. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    c'e' scritto nel punto 1 descrizione e stato dell'immobile, punto 2 CONDIZIONI DI PAGAMENTO, a) alla presente proposta euro.....2.500 che ho messo vengono versate dalla parte proponente in assegno bancario num xxxxx non trasferibile ecc, b)pagamenti successivi euro......nin e stato scritto niente, entro e non oltre......niente anche qui, e' facolta' delle parti riprodurre in tale occasione il contenuto del presente contrattoal fine di aggiungervi gli aspetti non disciplinati nello stesso euro.....niente anche qui entro e non oltre.....nietnte anchequi, c) all'atto notarile.....euro......la cifra che restava senza la caparra, l'atto notarile verra' stipulato entro il.....niente anche qui poi altre cose scritte che non sto qui a riportare, punto 3 consegna immobile tutto in bianco anche qui, luogo e data e la mia firma , sotto la firma del venditore, basta tutto qui.
     
  9. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Allora è confirmatoria, il fatto non siano state indicate delle date può anche inficiare il contratto, perchè sono termini essenziali del contratto, ma un giudice potrebbe decidere al vostro posto.
    Il non andare in causa è volontà delle parti se si trova un accordo, senza accordo chi procede obbliga l'altro a difendersi.
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  10. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Avrei dei dubbi in quanto nulla è stato specificato sulla somma versata.
    senza alcuna descrizione la intenderei come anticipo el prezzo.
    Se è semplicemente un anticipo o un acconto, lo stesso importo viene restituito se l'affare va a monte, non importa per colpa di chi e senza altre conseguenze.
    Però quella dicitura "la cifra che restava senza la caparra" fa pensare che sia una caparra e senza specifica alcuna dovrebbe essere "penitenziale"
    Se penitenziale hai perso i soldi versati e basta.
    Resto comunque del parere che è un acconto o anticipo del prezzo.
     
  11. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    ok ho capito,ma male che vada un giudice cosa puo' decidere? anche di farmi pagare meta' dei lavori del signore?
     
  12. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Penso che dal giudice non ci andrete, non ne vedo gli elementi.
    Al limite perdi i soldi versati ed anche quì avrei dubbi.
    Perchè, secondo me, è un anticipo sul prezzo.
     
  13. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    si si e' un anticipo al rogito gli avrei dato il restante, quindi se gli offro il doppio della caparra dovrebbe bastare no? pensate che accetterebbe questa condizione? giusto anche perche' ha detta sua ha avuto delle spese e mi dispiace anche la sua condizione.
     
  14. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se gli vuoi dare ulteriori 2.500 euro fai pure, ma non sei obbligato.
    Considera che ti dovrebbe restituire la somma da te versata e che le spese che ha sostenuto le ha sostenute di sua spontanea volontà per casa sua e che a casa sua resteranno.
    Proponigli che gli firmerai una liberatoria per permettergli di cercare altri acquirenti, in difetto dovrà attendere l'esito della causa per poter rimettere in vendita l'immobile.
    Inoltre, per il futuro, rivolgetevi ad esperti del settore immobiliare.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  15. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    lo faro' sicuramente grazie mille!
     
  16. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Scrivere in stampatello, significa urlare ... scrivi in minuscolo per cortesia ...
    _________________________________________________
    Come detto all'inizio e confermato da Antonello ... che è esperto in materia, non fai altro che perdere al massimo la quota versata, secondo me non dovresti null'altro ... concordo pienamente con quanto detto prima da esperti nel settore ... a mio parere chiudi con la liberatoria e chiudi così la tua questione e se posso permettermi di riperterlo, avvaliti sempre di un professionista che ti possa aiutare nel gestire una situazione ... (in questo caso un AI, o un legale se la parte venditrice fa opposizione, perchè essendo all'oscuro delle procedure civili e le relative conseguenze, ti potrà essere sicuramente d'aiuto) ...
    Facci sapere ...
     
  17. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Mi scusi se la disturbo ancora, giusto per capire se la caparra e' penitenziale o confirmatoria le mando una copia esatta di come abbiamo sottoscritto la proposta col venditore mi scusi ancora per il disturbo

    Aggiunto dopo 3 minuti :

    Spett.le/ Egr. Sig.
    PINCO PALLINO........... ............
    ..........................................................


    Il sottoscritto ...COINFLIP82............. nato a CANICATTI............. il .XXXX.... residente a..MONZA... via ..XXXX.......... n ...5..... tel .....................XXXX...................cod.fisc. ..........XXXX...............................................
    In qualità di ........................................ della ..............................................................
    in seguito denominato proponente

    PROMETTE IRREVOCABILMENTE DI ACQUISTARE
    a corpo e non a misura, l'immobile sotto descritto, comprensivo della proporzionale quota delle parti comuni, alle condizioni di seguito indicate.

    1) DESCRIZIONE E STATO DELL'IMMOBILE
    a) Ubicazione: Comune .........XXXX.......................via..XXXX................................... n. ......
    b) Composizione APPARTAMENTO 3 LOCALI + SERVIZI E CANTINA..............
    ....................................................................................................................................
    c) Proprietà intestata a .PINCO PALLINO PINCA PALLINA...................................
    d) Provenienza...........................................................................................................
    e) Destinazione d’uso.................ABITAZIONE...................................................
    f ) X Edificato in edilizia privata  Edificato in diritto di superficie
    g) X Conforme alla normativa edilizia e urbanistica vigente
     Non conforme alla normativa edilizia e urbanistica per......................................
    h) Conformità degli impianti tecnologici X Conformi  da adeguare
    i) X Libero da ipoteche, pignoramenti e/o altri pregiudizi
     Gravato da..........................................................................................................
    l)  Libero X Occupato dal proprietario  In costruzione
     Locato a...............................................ad uso....................................................
    al canone annuo attuale di Euro............................................................................
    con contratto scadente il .......................................................................................

    PREZZO DI ACQUISTO OFFERTO
    Euro.........165.000,00.................... (CENTOSESSANTACINQUEMILA EURO..)

    2) CONDIZIONI DI PAGAMENTO
    a) alla presente proposta
    Euro .................2.500......................... vengono versate dalla parte proponente alla firma della presente proposta, in assegno ..........XXXX............... n. .............XXXX............ non trasferibile, intestato al venditore, tratto sulla banca ......................XXXX...................., agenzia n......................XXXX..............................

    b) pagamenti successivi
    Euro ..................................................... entro e non oltre il ............................. con assegno circolare non trasferibile.
    È' facoltà delle parti riprodurre in tale occasione, il contenuto del presente contratto al fine di aggiungervi gli aspetti non disciplinati nello stesso.
    Euro ........................ entro e non oltre il ........ con assegno circolare non trasferibile.
    c) all'atto notarile
    Euro ..........162.500.................................................. con assegno circolare non trasferibile.
    Euro .......................... con intervento di un ente finanziatore scelto dal PROPONENTE.
    L'importo del finanziamento verrà messo a disposizione del venditore dal notaio rogante, esperite formalità necessarie.
    L' atto notarile verrà stipulato entro il ................................ dal PROPONENTE o da persona fisica e/o giuridica da nominarsi almeno 10 giorni prima, dal Notaio....................................................... con sede in.......................................... via....................................................... n.......
    Ogni spesa, imposta o tassa inerente l'acquisto sarà a carico del PROPONENTE escluse solamente quelle, per legge, a carico del venditore.
    L'immobile in oggetto, al momento dell'atto notarile, dovrà essere libero di oneri e pesi, trascrizioni pregiudizievoli, pignoramenti, iscrizioni ipotecarie, ed essere in regola con la normativa edilizia ed urbanistica. Dovrà essere nello stato di fatto in cui si trova, come visto e gradito, con tutte le servitù attive e passive.

    3) CONSEGNA IMMOBILE
    L'immobile verrà consegnato alla data del ............................. , libero da cose e persone (salvo il caso in cui sia occupato da inquilino come indicato al punto 1), con obbligo del VENDITORE di conservarlo fino ad allora con la diligenza del buon padre di famiglia.



    ....................................................................................................................................
    ....................................................................................................................................
    ....................................................................................................................................

    CANICATTI 11/11/2011 COINFLIP82
    ................................ ......................................................................................
    luogo e data firma proponente

    Aggiunto dopo 1 :

    IO.. sottoscrittO.... preso atto del contenuto della presente proposta d’acquisto dichiarO... di accettarla integralmente, confermando tutte le dichiarazioni riportate al punto 1

    CANICATTI 11/11/2011 PINCO PALLINO
    ...................................... .........................................................................................
    luogo e data firma venditore per accettazione presente proposta

    Aggiunto dopo 7 minuti :

    cosi mi sta prendendo per la gola quel miserabile!!! grazie a tutti per l'aiuto, volevo ringraziarvi veramente per quello che state facendo siete un sito serio e molto competente grazie di cuore, forse staro' esagerando ma vi giuro che sto passando notti insonne per colpa di questa persona, nonostante gli ho spiegato la mia situazione e quella della mia ragazza che stanno facendo di tutto per licenziarla si ostina a tartassarmi con questi 2 fogli!!!

    Aggiunto dopo 7 minuti :

    scusami non me ne sono neanche accorto che scrivevo in stampatello vi faro' sapere sicuramente grazie
     
  18. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Noto, dall'ora del messaggio, che questo problema non ti fà dormire.
    Riconfermo quanto detto prima.
    E' un semplice acconto o anticipo.
    L’acconto è una semplice anticipazione del prezzo e viene defalcato dalla somma da versare nel momento della stipula dell'atto di compravendita.
    A differenza della caparra, l’acconto o l'anticipo deve essere restituito se la compravendita per qualsiasi motivo non viene più eseguita.
     
  19. coinflip82

    coinflip82 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    mi scusi antonello ho trovato un articolo sulle caparre glielo riporto qui:


    L’art.1385 del Codice civile definisce la caparra come una somma di denaro (o eventualmente una quantità di altre cose fungibili) che al momento della conclusione del contratto una parte dà all'altra.
    Tale caparra prende il nome di caparra confirmatoria e svolge una importamene funzione in caso di inadempimento del contratto.
    Se il contratto è adempiuto la caparra deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta. Invece, in caso di inadempimento, la caparra serve come risarcimento del danno.
    Se inadempiente è chi ha dato la caparra, l’altra parte può recedere dal contratto trattenendo la caparra.
    Invece, se inadempiente è chi ha ricevuto la caparra, l’altra parte può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra versata.
    Esempio:
    A stipula un contratto di compravendita con B.
    A versa una caparra di 500 euro a B.

    1° ipotesi – le parti adempiono il contratto.
    B restituisce la caparra di 500 euro ad A oppure i 500 euro vengono decurtati dal prezzo dovuto da A a B.

    2° ipotesi – le parti non adempiono il contratto.
    Inadempiente è A – B recede dal contratto e trattiene la caparra.
    Inadempiente è B - A recede dal contratto ed esige 1.000 euro.

    Quindi la caparra trattenuta o rimborsata ha la funzione di risarcimento del danno.
    Il contratto può prevedere in caso di inadempimento o di ritardo nell’adempimento, oltre alla caparra, anche una somma dovuta a titolo di penale.

    Esempio:
    A stipula un contratto di compravendita con B.
    B si impegna a consegnare le merci entro il 30 giugno.
    Se la consegna avviene con un ritardo superiore a 30 giorni rispetto al 30 giugno B deve una penale di 500 euro ad A.


    Diversa dalla caparra confirmatoria è la caparra penitenziale disciplinata all’art.1386 del Codice civile, il quale prevede che se nel contratto è stipulato il diritto di recesso per una o per entrambe le parti, la caparra ha la sola funzione di corrispettivo del recesso.
    In questo caso, il recedente perde la caparra data o deve restituire il doppio di quella che ha ricevuta.


    Il meccanismo di funzionamento della caparra penitenziale è simile a quello della caparra confirmatoria: la differenza tra le due caparre sta nella diversa funzione in quanto la caparra penitenziale è il corrispettivo dovuto per poter esercitare il diritto di recesso previsto in contratto, cioè la possibilità per una della parti di recedere unilateralmente dal contratto eliminando tutte le obbligazioni che ne derivano, senza che vi sia il consenso della controparte e senza dover corrispondere una penale.

    Esempio:
    A stipula un contratto di compravendita con B.
    Il contratto prevede che per A la possibilità di recedere unilateralmente dal contratto entro una certa data.
    A versa una caparra di 500 euro a B.

    1° ipotesi – A non esercita il diritto di recesso.
    B restituisce la caparra di 500 euro ad A oppure i 500 euro vengono decurtati dal prezzo dovuto da A a B.

    2° ipotesi – A esercita il diritto di recesso.
    B trattiene la caparra di 500 euro.


    ora mi scusi, se la caparra che ho versato io e' penitenziale se non ho capito male, su questo articolo dice che devo restituire il doppio e' cosi???
     
  20. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Nella scrittura che hai riportato prima non c'è menzione a nessun tipo di caparra.
    Quindi è un semplice acconto e come tale va trattato.
    Ti deve essere restituito.
    In questa tua ultima frase (su questo articolo dice che devo restituire il doppio e' cosi???) se anche fosse una penitenziale, che ripeto non è, perderesti la somma che hai versato e basta.
    Avrebbe dovuto darti il doppio nel caso in cui il venditore non volesse più chiedere l'affare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina