1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. bad112

    bad112 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    :rabbia: buongiorno, ho un problema da risolvere urgentemente:
    una famiglia residente in zona industriale (unica abitazione sul posto) si lamenta continuamente per i rumori provocati in ore notturne da una ditta di autotrasporti che lascia alcuni mezzi accesi per caricare le celle frigorifere. Sono due anni che fanno esposti ma mai un'azione legale e non hanno mai chiamato l'ARPA per le misurazioni. Qualcuno mi sa dire la differenza fra zona industriale e residenziale in fatto diu rumori?
     
  2. Aikman

    Aikman Membro Junior

    Privato Cittadino
    Il discorso e' parecchio articolato.

    Ci sono fondamentalmente due vie per risolvere il problema, quella civilistica e quella amministrativa.

    In quella amministrativa, si fa un esposto in Comune, il Comune deve far uscire l'ARPA per verificare, si stabilisce se i limiti sono rispettati o no ed eventualmente chi supera i limiti deve rientrare. Il sovrano è il Comune, e capisci bene che se il Comune non vuol fare nulla... In questo caso i limiti di legge sono quelli fissati dal DPCM 14.11.1997 e sono di due tipi: assoluto e differenziale. Quello assoluto dipende dalla zona acustica stabilita dal comune (occorre vedere cosa dice la zonizzazione, e - venendo alla tua domanda - si, in genere ci sono differenti limiti tra zone industriali e residenziali), quello differenziale invece vale sempre e comunque purche' sussistano certe condizioni, ed è il vero limite da rispettare.

    Nella via civilistica, invece, chi subisce chiama un suo perito e fa fare le misure; se i limiti sono superati, chiama un avvocato e apre il contenzioso. Chi comanda è il giudice, il quale farà uscire un suo tecnico di fiducia e poi sentenzierà in merito. Tempi lunghi e costi a carico di chi subisce il rumore (almeno inizialmente), ma maggior certezza del risultato. I limiti da rispettare sono quelli stabiliti dalla giurisprudenza legata all'art. 844 del codice civile, e sono piu' severi rispetto a quelli in ambito amministrativo (anche se di recente una leggina ha cercato di "unire" le due valutazioni).

    Spero di essere stato esauriente.

    Se ti serve un aiuto concreto nella situazione, contattami in privato e ci sentiamo per telefono.

    Aik
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  3. bad112

    bad112 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie, informo le parti e vedo di togliermi da questa situazione.................. ti farò sapere com'è andata!
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Scusa ma che ci fa un civile abitazione in zona industriale?
    E' per caso la casa del custode di qualche azienda?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina