1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. clarydi

    clarydi Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Mi ritrovo a vendere una casa ad un acquirente che mi assicura che se non ha il mutuo, ha un amico (VIP - ed è vero, nel senso che ho verificato) che gli presta i soldi. Sto acquistando una casa, che verrà intestata a mia figlia, ma la somma del preliminare è un mio "prestito" che mi darà quando potrà. Mi chiedo se è legale il tutto (anche chissà quali problemi fiscali ci sono??) e se il notaio può menzionare questo passaggio di soldi nell'atto.. Qualcuno ha esperienza di ciò? Grazie
     
  2. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Salve, nulla vieta nel rapporto tra privati di prestarsi dei soldi , basta semplicemente che tutto avvenga per iscritto e sia debitamente documentato, nutrirei qualche dubbio sull'erogazione dell'amico vip nella vendita del tuo immobile, per cui mi tutelerei qualora ciò non avvenga, per quanto riguarda tua figlia se è l'unica figlia che hai , ti basterà effettuare un versamento sul suo conto e nella causale specificare per es. " prestito non fruttifero per l'acquisto di un immobile " nel caso in cui hai altri figli , per evitare discriminazioni future, ti converrà far sottoscrivere a tutti i figli una dichiarazione nella quale tu dichiari che stai prestando la somma di € xxx a titolo di prestito infruttifero per l'acquisto di un immobile. Beninteso non sei obbligato a prestare puoi anche donare i soldi, ma nel caso di più figli dovrai trovare un sistema di compensazione. Fabrizio
     
  3. clarydi

    clarydi Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Studiopci ti ringrazio, con quel dubbio che alberga anche in me, come posso tutelarmi? nel senso che l'acquirente vuole prima tentare la strada del mutuo senza pesare sull'amico, il quale gli ha detto di contare su di lui.. (e se lo può permettere per patrimonio ed età oramai anziana). Difficilmente un vecchio Signore, vero, dice parole a vanvera.. Ma certo che non si può mai essere certi. Ho 1 sola figlia, i soldi sono stati già da me dati al preliminare, penso che comunque non ci sia problemi anche perché sono infruttiferi di interessi e non gli do nessuna scadenza per la restituzione (quando potrà e se vorrà). Grazie!
     
  4. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    per la vendita della tua casa , io non so se avete fatto o meno già una proposta di acquisto e quindi non posso darti un aiuto ... per tua figlia , le mie erano punti di vista avulsi da ogni condizionamento parentale :^^: , nel senso che, da padre comprendo, ma purtroppo nella vita ci si può aspettare di tutto specie dall'AdE ... fammi sapere a che punto siete con la vendita e cosa avete definito. Fabrizio
     
  5. clarydi

    clarydi Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    La proposta dell'acquirente è stata fatta sul modulo dell'agenzia (fatto bene, almeno tecnocasa in questo è più completa di tante altre) e abbiamo allegato una mia ancora precisione (non era vincolata all'accettazione del mutuo) in quel foglio si ripete la cosa. Ma ovviamente non ho lettera ne altro di scritto dell'amico che subentrerebbe qualora la banca dica no. Il mio problema è dato dal fatto che ancora non abbiamo la concessione edilizia (ante 1967) perché chi mi ha venduto non ha adempiuto, salvo obbligata dal mio notaio, ad alcune richieste, che ora sono state eseguite (e c'è anche la procedura d'urgenza che ha fatto il mio notaio per il Geom che ci assiste). Quello sarà lo scoglio per quanto Barclays di questi tempi dica che non ci sono problemi.. intanto si fanno pagare 6 mila euro di spese per l'ottenimento. Sul sito ho visto che solo quando il perito della banca redige il suo ok, si può iniziare a stare tranquilli.
    La strada semplice per questi "prestiti"tra privati sarebbe poter scrivere tutto, e conoscere le reazioni dell'AGE che è sempre "perversa".. Potrebbero nel mio caso, se non specifico una condizione di rimborso con mia figlia, di fatto, rilevare che faccio una donazione e pretendere quindi le tasse relative. Ecco perché necessito di chi ha già fatto da anni questa cosa e conoscere l'esito (ossia AGE cosa ha o non ha fatto..). I notai sono sempre in questo poco affidabili, avendo altre responsabilità e quindi magari non suggeriscono o sanno. Grazie per le tue risposte!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina