1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quanto si paga
    Per la registrazione di un contratto di locazione sono dovute l’imposta di registro e l’imposta di bollo.

    Imposta di registro
    L’importo dovuto varia a seconda dell’immobile locato o affittato.

    IMMOBILE PERCENTUALE
    Fabbricati a uso abitativo 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità
    Fabbricati strumentali per natura 1% del canone annuo, se la locazione è effettuata da soggetti passivi IVA
    2% del canone, negli altri casi
    Fondi rustici 0,50% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità
    Altri immobili 2% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità
    Per i contratti di locazione a canone concordato, riguardanti immobili che si trovano in uno dei Comuni “ad elevata tensione abitativa”, è prevista una riduzione del 30% della base imponibile sulla quale calcolare l’imposta di registro. In sostanza, il corrispettivo annuo da considerare per il calcolo dell’imposta va assunto per il 70%.

    Il versamento per la prima annualità non può essere inferiore a 67 euro.

    Il locatore e il conduttore rispondono in solido del pagamento dell’intera somma dovuta per la registrazione del contratto.

    Sul deposito cauzionale versato dall’inquilino non è dovuta l’imposta di registro. Se però il deposito è pagato da un terzo estraneo al rapporto di locazione, va versata l’imposta nella misura dello 0,50%.

    Contratti pluriennali
    Per i contratti che durano più anni si può scegliere di:

    • pagare, al momento della registrazione, l’imposta dovuta per l’intera durata del contratto (2% del corrispettivo complessivo)
    • versare l’imposta anno per anno (2% del canone relativo a ciascuna annualità, tenendo conto degli aumenti Istat), entro 30 giorni dalla scadenza della precedente annualità.
    Chi sceglie di pagare per l’intera durata del contratto ha diritto a uno sconto, che consiste in una detrazione dall’imposta dovuta pari alla metà del tasso di interesse legale (2,5% fino al 31 dicembre 2013; 1% dal 1° gennaio 2014) moltiplicato per il numero delle annualità.

    Se il contratto viene disdetto prima del tempo e l’imposta di registro è stata versata per l’intera durata, spetta il rimborso dell’importo pagato per le annualità successive a quella in cui avviene la disdetta anticipata del contratto.

    Quando si sceglie di pagare annualmente, l’imposta per gli anni successivi può anche essere di importo inferiore a 67 euro.

    Anche per la proroga del contratto di locazione di immobile a uso abitativo è possibile pagare l’imposta in unica soluzione oppure anno per anno.

    Per le risoluzioni e le cessioni senza corrispettivo dei contratti di locazione e sublocazione di immobili urbani con durata di più anni, l’imposta si paga nella misura fissa di 67 euro. Negli altri casi (per esempio, locazione di immobili non urbani), l’imposta si applica ai canoni ancora dovuti nella misura del 2% o dello 0,5% se si tratta di fondi rustici.

    Imposta di bollo
    Per ogni copia da registrare, l’imposta di bollo è pari a 16 euro ogni 4 facciate scritte del contratto e, comunque, ogni 100 righe.
     
  2. Giulianarob

    Giulianarob Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    grazie per l'esauriente prospetto
     
    A topcasa piace questo elemento.
  3. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Merito di zia AdE
     
  4. Agenzia RossiCasa

    Agenzia RossiCasa Membro Junior

    Agente Immobiliare
    se mi posso permettere e stato introdotto anche il sistema di registrazione CEDOLARE SECCA, con il quale tutti i parametri del contratto rimangono validi, il proprietario risparmia sulle tasse da pagare, però deve rinunciare all'aumento istat annuale.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  5. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Sì è un'opzione fiscale che prevede sia la possibilità di pagare il 21 o 10% e forse tra poco ancora di meno oltre a non pagare imposta registro e bolli
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina