1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. andreafan

    andreafan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buongiorno,volevo formulare la domanda a voi....e premetto questo...
    in data 3.10.11, per conto di mia suocera(tedesca) ho fatto un preliminare di acquisto di un appartamento con riserva di nominare l'acquirente al momento del rogito (questo l'ho fatto perchè l'agenzia mi ha detto che il venditore odia i tedeschi e allora potevamo girare l'ostacolo).
    ad accordi presi per il valore di 195000 con parte di mobilio, abbiamo versato a titolo di caparra confirmatoria 10000 euro in assegno..., ho registrato il compromesso dal notaio e l'abbiamo dato una scadenza del 29.02.12.
    in data successiva a nostro volere abbiamo versato un assegno di 5000 euro il 23.01.12, incassato con valuta poi il 31.01.12 dal venditore.
    ora mia suocera dice che non puo andare al rogito non avendo l'importo neccessario e che non riesce a richiedere l'intera somma come finanziamento e si vuole ritirare dal compromesso.
    io in data 17 .02.12 ho voluto un incontro col venditore e l'agente di vendita e assieme ho comunicato che anche in data 29.02.12 non saremmo riusciti ad avere il denaro...e ne successivamente a tale data ... e volevamo ritirare l'offerta , sapendo di perdere la caparra di 10000, ma facendo capire di rivolere l'acconto di 5000.
    ora il venditore di di aver investito i soldi e non sa ....
    come mi devo comportare ? ho diritto al risarcimento di caparra?
    lui ora dice che ha liberato l'immobile dai suoi suppellettili...e non riesce ad usarlo... che ha cambiato la sua residenza ..non più come prima residenza ma diventerebbe seconda...
    e che deve pagare ora gli interessi sul mutuo che ha sull'appartamento...(l'ha ipotecato per un valore tuttora di oltre 180000) di circa 500 euro mese.
    ho diritto quindi alla restituzione acconto?come mi muovo? è vero che devo dare disdetta scritta prima che mi mandi una citazione scaduto il termine del compromesso?
     
  2. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    ciao, perdi la caparra versata.
     
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    A che titolo avete versato questo assegno ?
     
  4. DIEGO BIR

    DIEGO BIR Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    E provare a chiedere un accollo di mutuo??
     
  5. maria antonietta

    maria antonietta Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il punto sta nel sapere se la suocera, ottenendo il finanziamento, vorrebbe la casa.
    Se si allora provate come giustamente suggerito da diego bir con l'acollo di mutuo.
    Se no, mandate due righe di rinuncia all'acquisto, sapete che perdete la caparra ma avete diritto alla restituzione dell'acconto (5.000) successivo.
    Come ha utilizzato i soldi il venditore, è problema suo..... voi avete diritto alla restituzione.
     
    A DIEGO BIR piace questo elemento.
  6. DIEGO BIR

    DIEGO BIR Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    :ok: :ok:
     
  7. andreafan

    andreafan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    a titolo di acconto.
     
  8. andreafan

    andreafan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    non danno mutui così alti con 1100 euro di pensione...così dicono a meno che non ci sia un compratore della casa di possedenza....così dicono le banche...
     
  9. DIEGO BIR

    DIEGO BIR Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Se in accordo con il venditore voi comprate l'immobile con accollo di mutuo residuo, non avete necessità di ricorrere alla banca, semplicemente continuate a pagare quello già esistente; tieni presente però che il venditore deve essere consenziente, perchè lui rimane legato al mutuo fino alla naturale scadenza, e difficilmente gli consentiranno nuovi mutui.
     
  10. andreafan

    andreafan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    non vuole un subentro del mutuo....e così anche la banca (del mutuo) non è favorevole.
     
  11. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Giustamente il suo venditore non vuole vendere l'immobile se non liberato dal mutuo (contestuale estinzione alla compravendita), e se la promissaria acquirente non ha i requisiti per accendere il finanziamento ipotecario, parimenti non li avrà per un accollo con liberatoria.
    La giurisprudenza è molto chiara in materia, Lei ha diritto alla restituzione dei 5.000 Euro consegnati successivamente alla stipula del preliminare in quanto (al di là di cosa si è scritto) la loro imputazione non potrà che essere a titolo di acconto. La caparra può essere una sola e versata in unica soluzione, tutti gli altri (linea confermata dalla Cassazione) sono considerati acconti da restituirsi in caso di inadempienza da parte del promissario acquirente.
    Cassin Kolia
     
    A andreafan piace questo elemento.
  12. andreafan

    andreafan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie mille , mi ha chiarito molto bene.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina