• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

EraImmobile

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Salve a tutti. Ho ricevuto un decreto ingiuntivo depositato da un' agente che era riuscito con pratiche, a mio giudizio, molto scorrette a farmi firmare una proposta. Cerco di riassumere i punti essenziali:
-La tecnica commerciale è stata quantomeno "border-line": "domani parto in treno per recapitare una proposta al proprietario, se in mattinata passa in agenzia avviso il mio collaboratore che prenderà la sua proposta
-Il giorno seguente mi chiama dicendo che si trova in treno, me lo scrive anche su whatsapp, poi si rende forse conto dell'errore e me lo scrive tramite sms.
Io vado percepisco che qualcosa non va dal comportamento di tutti i presenti ma essendo interessato in via generale all'immobile decido di rendere pan per focaccia, compilo un assegno in maniera errata (non scrivo l'importo in lettere), confido nell'inesperienza del giovane e ritiro la proposta che viene siglata dal collaboratore che immagino non avere nessun valore.
-Approfondita la situazione (immobile appartenuto ad un ente dentro un comprensorio in cui i proprietari sono una piccola minoranza, con tutto quello che ne consegue) decido di non staccare un nuovo assegno come richiesto dall'agente in seguito all'accettazione.
-Prima di mettermi l'anima in pace, vado dal proprietario e mi faccio confermare che quel giorno il titolare si trovava da lui a 400 km di distanza.
Ora che ricevo il decreto ingiuntivo vado a riprendere i fogli e vedo che la sigla sull'accettazione dell'assegno potrebbe essere a nome del proprietario, la proposta al momento della consegna è stata sostituita da una fotocopia in cui la firma del titolare non compare (lo so sono stato superficiale). Ora arrivo a pensare che mi abbia mentito sia lui (e collaboratori) che il proprietario e magari forse il titolare era presente in sede, visto che il ragazzo si è allontanato più volte per prendere i moduli.
In conclusione, al netto delle colpe che possono essere mie, secondo voi un sedicente "professionista" può chiedere una somma superiore ai 10mila euro per una trattativa condotta in questo modo?
Da un punto di vista strettamente legale: o non era presente o ha fatto finta di non esserlo e lo dimostrano conversazioni whatsapp e sms inviatomi da lui e da una sua collaboratrice che io conservo tuttora (nonostante lui forse immaginasse di no!).
Da un punto di vista deontologico lascio giudicare voi: "sto portando una proposta firmata al proprietario";"sono in treno"; più le informazioni relative ai problemi di gestione ordinaria dell'immobile che ho dovuto reperire per conto mio.
Tengo a precisare che ho già fissato un appuntamento con un legale, tuttavia ci terrei a sentire il giudizio di chi fa parte del settore, gran parte dei quali spero con un approccio differente.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Mi sembra che tutti e 2 abbiate usato la forma del " a brigante oppongo brigante e mezzo "confondendo le acque ancor di più, nella sostanza resta però il fatto ( come ti diceva Francesca) se hai acquistato l'immobile propostoti dall'Agente devi pagare la mediazione... non conoscendo però l'importo di vendita non è possibile dire se 10.000 € sono tanti o pochi, ma non credo che l'agente citandoti in giudizio sia andato fuori usi e costumi, si sarà mantenuto su quello che è la percentuale normale.
 

CheCasa!

Membro Supporter
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Il fatto che la proposta sia piu' o meno siglata dall'agente é del tutto indifferente.
Le parti della proposta sono "il proponente" ed "il destinatario". Se la firma delle stesse è valida, la proposta è efficace.

L'agente immobiliare deve invece dimostrare di aver supervisionato e preso parte alla trattativa... tu stesso ne rendi noi edotti... riferendo di telefonate intercorse tra te e l'agente immobiliare...

Al di là del fatto che non ti abbia detto dove si trovava (per quanto ne sappiamo sarebbe anche potuto essere in ospedale per una visita medica e non aver voglia di riferirlo ad un cliente)... non riesco a capire di quali mancanze lo ritenga responsabile... è ovvio che quando l'agente viene scavalcato non potrà poi occuparsi di seguire la pratica...
 

D3rivato

Membro Attivo
Mediatore Creditizio
Ho ricevuto un decreto ingiuntivo depositato da un' agente che era riuscito con pratiche, a mio giudizio, molto scorrette a farmi firmare una proposta
HAI riassunto tutto in poche righe, non bisogna aggiungere altro. In più sei già allo step successivo, decreto ingiuntivo. Ora sai bene che arrivati a questo punto e con le tue giustificazioni, non esiste un giudice che possa darti ragione.
Provo a prevedere il futuro, pagherai le spese legali, l'avvocato, e in ogni caso l'agente. Arrivati a questo punto, o dimostri di essere un demente (non capace di intendere e volere) oppure ne esci con le ossa rotte
 

EraImmobile

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Il fatto che la proposta sia piu' o meno siglata dall'agente é del tutto indifferente.
Le parti della proposta sono "il proponente" ed "il destinatario". Se la firma delle stesse è valida, la proposta è efficace.

L'agente immobiliare deve invece dimostrare di aver supervisionato e preso parte alla trattativa... tu stesso ne rendi noi edotti... riferendo di telefonate intercorse tra te e l'agente immobiliare...

Al di là del fatto che non ti abbia detto dove si trovava (per quanto ne sappiamo sarebbe anche potuto essere in ospedale per una visita medica e non aver voglia di riferirlo ad un cliente)... non riesco a capire di quali mancanze lo ritenga responsabile... è ovvio che quando l'agente viene scavalcato non potrà poi occuparsi di seguire la pratica...
Io non ho acquistato l'immobile, mi scuso per non averlo specificato. Riguardo alla risposta di "Che casa!" credo che lei abbia un'idea piuttosto distorta della figura dell'agente in mediazione e delle regole in materia di mediazione creditizia e anti-reciclaggio. Le consiglio anche di approfondire gli articoli relativi alla "buona fede contrattuale" del codice civile. Per dirla più semplice: se mi devi chiedere 12mila euro di commissione non lo puoi fare sulla base di una serie di menzogne, rilevanti per la mia decisione.
Volevo aggiungere che neanche il titolare (tantomeno il collaboratore che mi ha ricevuto) risultano iscritti alla Camera di commercio di Roma, o meglio risulta cancellato.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Io non ho acquistato l'immobile, mi scuso per non averlo specificato.
Volevo aggiungere che neanche il titolare (tantomeno il collaboratore che mi ha ricevuto) risultano iscritti alla Camera di commercio di Roma, o meglio risulta cancellato.
Scusa allora il decreto ingiuntivo su cosa si basa? L'AI per cosa richiede il pagamento?
 

EraImmobile

Membro Attivo
Agente Immobiliare
HAI riassunto tutto in poche righe, non bisogna aggiungere altro. In più sei già allo step successivo, decreto ingiuntivo. Ora sai bene che arrivati a questo punto e con le tue giustificazioni, non esiste un giudice che possa darti ragione.
Provo a prevedere il futuro, pagherai le spese legali, l'avvocato, e in ogni caso l'agente. Arrivati a questo punto, o dimostri di essere un demente (non capace di intendere e volere) oppure ne esci con le ossa rotte
Caro D3rivato, la aggiornerò a riguardo. Se il decreto fosse confermato andrò a giudizio e vedremo se 5 persone testimonieranno il falso.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Sulla proposta accettata, ma non ho ritenuto di andare avanti per via del comportamento dell'agente e delle informazioni che mi erano state taciute
Perchè il credito vantato possa avere validità ci devono essere una serie di documenti o condizioni che lo comprovano, nel caso specifico la proposta accettata ti è stata comunicata nei termini e nelle forme prescritte? La proposta è valida? Mi sembra di aver capito che hai dei dubbi sulle firme, dove, perchè? Ricevuta l'accettazione hai comunicato la tua volontà di non adempiere a quanto sottoscritto e firmato e per quali motivazioni, c'è stato cioè un carteggio o qualsiasi cosa che dimostri il tutto? E' fondamentale capire i tempi, le forme, cosa e come perchè il tutto rivesta carattere di ufficialità ed eventualmente trovare l'errore o l'appiglio che ti consente di invalidare tutta la procedura. Ti consiglierei di portare tutto ad un buon avvocato, indipendentemente dai consigli che possiamo darti qui, credo che senza avere le carte e conoscere bene tutta la storia, ogni nostro parere possa essere fuorviante o errato mentre un buon avvocato analizzato il carteggio potrà consigliarti se intentare un giudizio o addivenire ad una transazione.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Al momento sei la parte soccombente, hai poco da gridare sul forum
scusa D3rivato, non credo possiamo sentenziare senza sapere bene i fatti, Eraimmobile sta chiedendo un consiglio e non penso che sia sua intenzione urlare, la chiamerei enfasi nello scrivere, se cerchiamo di ascoltarlo con calma riusciremo a capire meglio.
 

EraImmobile

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Perchè il credito vantato possa avere validità ci devono essere una serie di documenti o condizioni che lo comprovano, nel caso specifico la proposta accettata ti è stata comunicata nei termini e nelle forme prescritte? La proposta è valida? Mi sembra di aver capito che hai dei dubbi sulle firme, dove, perchè? Ricevuta l'accettazione hai comunicato la tua volontà di non adempiere a quanto sottoscritto e firmato e per quali motivazioni, c'è stato cioè un carteggio o qualsiasi cosa che dimostri il tutto? E' fondamentale capire i tempi, le forme, cosa e come perchè il tutto rivesta carattere di ufficialità ed eventualmente trovare l'errore o l'appiglio che ti consente di invalidare tutta la procedura. Ti consiglierei di portare tutto ad un buon avvocato, indipendentemente dai consigli che possiamo darti qui, credo che senza avere le carte e conoscere bene tutta la storia, ogni nostro parere possa essere fuorviante o errato mentre un buon avvocato analizzato il carteggio potrà consigliarti se intentare un giudizio o addivenire ad una transazione.
La proposta è stata ricevuta da personale non autorizzato o quanto meno il titolare si è letteralmente "nascosto". Confido che la malafede venga fuori se non nell'esame documentale relativo al decreto, nel dibattimento relativo alla mia denuncia che di sicuro seguirà.
 

STUDIO CONTAB

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Il decreto ingiuntivo é il risultato di quanto é stato rappresentato al Giudice, personalmente ci sono passaggi molto poco chiari nell'ambito dell'operazione, mi auguro che il Suo Avvocato Le consigli di fare opposizione a decreto ingiuntivo, facendo anche attenta analisi delle clausole della proposta, le modalità dell'accettazione ed in particolar modo dell'immobile oggetto d'acquisto, nonché i titoli che consentono di esercitare la Professione.
 

EraImmobile

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Il decreto ingiuntivo é il risultato di quanto é stato rappresentato al Giudice, personalmente ci sono passaggi molto poco chiari nell'ambito dell'operazione, mi auguro che il Suo Avvocato Le consigli di fare opposizione a decreto ingiuntivo, facendo anche attenta analisi delle clausole della proposta, le modalità dell'accettazione ed in particolar modo dell'immobile oggetto d'acquisto, nonché i titoli che consentono di esercitare la Professione.
In effetti da un primo contatto telefonico l'avvocato ha ravvisato gli estremi per una opposizione...... "cicero pro domo sua?"...vedremo! ;)
A proposito dei titoli la cancellazione dal REA della CdC è rilevante?
Io posso essere stato ingenuo ma non in malafede, se ho agito così era perchè ero sicuro (e lo sono ancora) che dovesse essere lui a ringraziarmi di non denunciarlo.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
La proposta è stata ricevuta da personale non autorizzato o quanto meno il titolare si è letteralmente "nascosto". Confido che la malafede venga fuori se non nell'esame documentale relativo al decreto, nel dibattimento relativo alla mia denuncia che di sicuro seguirà.
Scusa EraImmobiliare, il fatto che sia stata ricevuta da personale non autorizzato è molto relativa, una delle cose importanti invece potrebbe essere se l'Agente avesse la titolarità di esercitare in quella data, se non avesse titolo allora il tutto cadrebbe, sarebbe un esercizio abusivo, ma ti ripeto è importante leggere e capire tutta una serie di passaggi e di cose per trovare il cavillo.
 

EraImmobile

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Scusa EraImmobiliare, il fatto che sia stata ricevuta da personale non autorizzato è molto relativa, una delle cose importanti invece potrebbe essere se l'Agente avesse la titolarità di esercitare in quella data, se non avesse titolo allora il tutto cadrebbe, sarebbe un esercizio abusivo, ma ti ripeto è importante leggere e capire tutta una serie di passaggi e di cose per trovare il cavillo.
Scusa EraImmobiliare, il fatto che sia stata ricevuta da personale non autorizzato è molto relativa, una delle cose importanti invece potrebbe essere se l'Agente avesse la titolarità di esercitare in quella data, se non avesse titolo allora il tutto cadrebbe, sarebbe un esercizio abusivo, ma ti ripeto è importante leggere e capire tutta una serie di passaggi e di cose per trovare il cavillo.
Innanzitutto ti ringrazio per le tue risposte ragionate e utili. Vedi
studiopci, io sono stato un consulente finanziario e ti assicuro che se il titolare non era presente o ha negato la sua presenza (ed ho testimonianza scritta di questo perchè whatsapp è ormai comunemente accettato nelle fasi di dibattimento), l'accettazione dell'assegno ricade nell'ambito penale. Lui ha dichiarato di essere distante 500 km, o viene meno la buonafede o qualcosa di peggio.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, volevo porvi una domanda . Ho un proprietario che ha stipulato un contratto transitorio di 18 mesi che è scaduto il 07/05/2019 , ora l'inquilino per motivi di lavoro vorrebbe prorogarlo di 12 mesi . E' possibile ??? Questi contratti sono particolari e si hanno sempre delle risposte divergenti . Voi che mi dite ??? Grazie
Prince2019 ha scritto sul profilo di Vittoria V..
Gent.ma, è possibile contattarla in privato perchè ho le sue stesse problematiche. Cordiali saluti
Alto