1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Ciak76

    Ciak76 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve ragazzi.
    Cercherò di essere conciso...
    Nel 2004 ho avuto la disavventura di acquista un'appartamento con la richiesta di variazione di destinazione d'uso in pending (era ufficio doveva diventare abitabile); nel 2008 ho risolto la compravendita, grazie alla sentenza del tribunale, con effetti retroattivi e quindi la proprietà dell'immobile tornava al costruttore nella medesima data di sottoscrizione dell'atto di compravendita.
    Ora. Mi è arrivata la lettera dell'Agenzia delle Entrate in merito alla violazione della norma sulle agevolazioni prima casa, in quanto non ho ricomprato entro 12 mesi dalla 'presunta vendita' del 2008; contesterò l'avviso presentando l'atto risolutivo del 2008 (con effetti retroattivi), sperando sia sufficiente.
    La questione interessante risulta essere la situazione degli interessi passivi dei quali ho ottenuto il rimborso del 19% tramite le dichiarazioni 730 nel periodo.
    Le due valutazioni che riesco ad ipotizzare (con esito opposto) sono le seguenti:
    1) a mio parere, anche se il contratto di compravendita di prima casa è stato annullato con effetto retroattivo, il mutuo è stato estinto nel 2008; in tal caso rimane la ‘bolla’ di un mutuo prima casa effettivamente goduto e che non può essere annullato con effetto retroattivo (v. residenza, ICI, ...); ne consegue che l’eventuale contestazione in merito dell’agenzia delle entrate possa risultare inammissibile;
    2) secondo altri pareri, avendo annullato il contratto di compravendita prima casa con effetto retroattivo, il contratto di mutuo ad esso collegato non può essere considerato acceso e goduto con le agevolazioni prima casa; quindi dovrei versare allo Stato tutte le quote (19%) di interessi passivi percepite nel periodo e la quota di maggior imposta sostitutiva dovuta (2%).
    Vi chiedo se qualcuno riesce ad inquadrare la situazione e a classificare una delle precedenti possibilità come la più probabile.
    Grazie mille dell'aiuto.
    Claudio
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina