1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Gianna1150

    Gianna1150 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buona sera,
    chiedo informazioni su una situazione che si sta presentando nel mio condominio.​
    Per una rottura di un tubo dell'acqua, la società SMAT ha fatturato un consumo​
    dell'acqua di circa € 11.000.= e altre spese per circa € 2.000 la riparazione della conduttura.​
    Il nostro condominio è costituito da tre palazzine di diverse proporzioni con un cortile in comune.​
    Ci sono otto "scale" che sono considerati "interni". Le famiglie sono 48.​
    La rottura del tubo è avvenuta agli interni A e B e coinvolgono 12 proprietari.​
    Sino al 2010 il consumo dell'acqua veniva ripartito secondo il numero degli occupanti di ogni appartamento.​
    Nel 2011 invece, a seguito di decisioni comuni, è stato deciso che ognuno sistemasse un contatore nel proprio appartamento. La teoria era: "Ognuno pagherà l'acqua che effettivamente consumerà".​
    Molti lo hanno fatto, alcuni molto polemici, non lo hanno fatto tra i quali molti degli interni A e B.​
    La lettura dei contatori ci ha rivelato la positività di questa scelta. Ora si pagherebbe un terzo di quanto si sarebbe pagato con la precedente suddivisione. ​
    Ma si è però venuta a creare una situazione spiacevole.​
    All'assemblea di condominio, convocata per l'approvazione del bilancio, i 12 proprietari hanno chiesto a tutti gli altri proprietari di casa una collaborazione economica in virtù di una possibile simile situazione che si sarebbe potuta presentare in futuro agli altri interni.​
    I presenti, con delega e no, hanno votato per suddividere tra tutti i 48 proprietari tali consumi (per millesimi) e tra i 12 degli interni A e B le sole spese per il ripristino delle tubature.​
    Gli assenti e coloro che avevano consegnato la delega rigettano però tale decisione in quanto non all'ordine del giorno.​
    Hanno chiesto la convocazione di una nuova assemblea di condominio.​
    Chiedo consiglio sul da farsi. E' giusto chiedere tale partecipazione? E' sbagliato non concederla? ​
    La scelta dovrà essere solo dettata dallo spirito di "collaborazione" o ci sono altri elementi di cui tenere conto?​
    Dal punto di vista formale penso abbia ragione chi chiede una nuova convocazione e poi si riaprirà la discussione.​
    Ringrazio e saluto.​
    P.S. - Ogni anno, approvando i relativi bilanci, si suddividono tutte le spese generali e quelle delle parti comuni. Le spese però di ogni interno-scala (ascensore, imbiancatura, pulizia scale, eventuali imprevisti) vengono addebitati solo ai proprietari di ogni scala. ​

     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao gianna1150
    Se la rottura del tubo è avvenuta nel tratto relativo ai soli inquilini di A e B è più che corretto ripartire le spese di riparazione e consumo a questi salvo che il regolamento di condominio non disciplini diversamente.
    Ciao salves
     
    A STUDIO MAROCCO piace questo elemento.
  3. Concordo in pieno, se non diversamente disposto dal Regolamento Condominiale, la spesa va ripartita tra le sacale A e B. Per il conteggio dei voti vale la presenza e le deleghe, chi era assente senza delega non ha voce in capitolo.
     
  4. Gianna1150

    Gianna1150 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ringrazio per i pareri.
    Non mi è chiaro ancora se l'assemblea di condominio, con cui si è votata tale ripartizione, è da ritenersi valida visto che la ripartizione votata non era all' o.d.g. Poteva considerarsi argomento delle "varie ed eventuali" anche se gli interessati l'hanno proposta nella discussione dell'approvazione bilancio?
    Ringrazio. Saluto.
     
  5. Gianna1150

    Gianna1150 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ringrazio per i pareri.
    Non mi è chiaro ancora se l'assemblea di condominio, con cui si è votata tale ripartizione, è da ritenersi valida visto che la ripartizione votata non era all' o.d.g. Poteva considerarsi argomento delle "varie ed eventuali" anche se gli interessati l'hanno proposta nella discussione dell'approvazione bilancio?
    Ringrazio. Saluto.
     
  6. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    L'assemblea in cui è stata "deliberata" la ripartizione fra tutti è certamente NULLA.
    Per due motivi, :^^:, non per uno solo!!!!
    Prima di tutto perchè non era l''o.d.g..
    In secondo luogo perchè ripartire "fra tutti" una spesa che NON compete a tutti è una "regalìa" personale, e non certo un dovere condominiale che possa decidersi "a maggioranza".
    Ognuno può fare i regali che vuole, se vuole.
    Ma non può essere costretto a farli da una "maggioranza assembleare", perchè questo NON rientra fra le potestà dell'assemblea condominiale.

    Quindi: benissimo la richiesta di nuova assemblea.
    Ma ..non sarebbe male chiarire da subito all'Amm.re e all'Assemblea che nessuna maggioranza può costringere chicchessia a fare regalìe ai propri vicini di casa.
     
  7. Gianna1150

    Gianna1150 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io pensavo già una cosa del genere.
    Ringrazio e saluto.
    Gianna
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina