1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    salve...sto facendo dei lavori di manutenzione straordinaria regolarmente documentati con comunicazione inizio lavori asseverata presentata al comune..
    devo far realizzare delle porte in legno dal falegname...premetto che ho comunicato che facevo variazioni alle pareti per mettere tutte le porte scorrevoli a scrigno...quindi ho diritto alla detrazione del 50%...
    l'IVA relativa sulle porte sarà per intero al 10 %??
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Dovrebbe essere (vado a memoria) al 10% fino al raggiungimento del costo della manodopera presente in fattura. Alla parte rimanente si applica l'aliquota normale.
     
  3. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    non tutto al dieci??
     
  4. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Ultima modifica: 6 Marzo 2014
    A mata piace questo elemento.
  5. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    beh si...è un falegname che me le produce e le istalla...
     
  6. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    IVA al 10% sulla manodopera e sulla differenza tra il costo degli infissi e la stessa manodopera. Il resto è al 22%.Guardati la guida che ti ha allegato od1n0
     
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si pero' se il rapporto e' diretto con un semplice artigiano quel contratto e' d'opera e non d'appalto e quindi non si applicherebbe l'aliquota agevolata ma l'aliquota normale.
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    l'aliquota ridotta si applica negli arredi fino al costo dell'intervento per ristrutturazione solo la sostituzione non credo che rientri l'agevolazione IVA
     
  9. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ho chiesto all'agenzia delle entrate ed il mio caso rientra..
    sulla comunicazione inizio lavori presentata al comune ho dichiarato che abbattevo alcune pareti per l'istallazione di porte a scrigno...[DOUBLEPOST=1394107163,1394107089][/DOUBLEPOST]
    mi sembra strano...ho chiesto anche all'agenzia delle entrate...
     
  10. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Alla detrazione al 50% ne hai sicurmente diritto vista la manutenzione straordinaria. Dipende come e cosa hai chiesto all'agenzia delle entrate tenendo presente che le risposte se non sono relative ad un interpello non sono vincolanti per l'agenzia e quindi possono ritrattarle in qualsiasi momento. Io non entro nel merito ti dico solo che l'IVA agevolata si applica per servizi relativi a contratti d'appalto e ai beni significativi che vengono forniti nell'ambito del contratto fino al conseguimento dei relativi servizi; il singolo artigiano pone in essere contratti d'opera non appalto perche' non ha un'organizzazione alle spalle.
    Per intenderci se l'azienda edile che ti fa la ristrutturazione ti fornisce anche la messa in opera e le porte si applica l'IVA agevolata alla cessione fino al conseguimento della prestazione lavorativa. SE invece tu l'accordo lo fai direttamente con il piccolo artigiano questo e' un contratto d'opera a cui non si applica l'agevolazione IVA.
    Questo vale per la manutenzione ordinaria e straordinaria.
    Se invece parliamo di risanamento conservativo ristrutturazione o lavori di restauro si applica l'IVA agevolata senza distinzione.
     
    Ultima modifica: 6 Marzo 2014
  11. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ma anche gli infissi allora non usufruiscono dell'IVA agevolata??
    io andrei da un negoziante...
    su quest'argomento ci sono idee contrastanti..
     
  12. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Quello che importa e' quello che dice il dpr 633/1972.
    Dipende molto dal tipo di intervento posto in essere.Tieni presente che la "ristrutturazione edilizia " come definita nel DPR 380/2001 non e' la ristrutturazione come normalmente si intende nel comune linguaggio parlato che solitamente e' una manutenzione straordinaria o ordinaria ai fini del dpr 380/2001.Da qui nascono gli equivoci....
    Visto che tu hai parlato di CILA e manutenzione straordinaria la cessione deve ricadere nel contratto di appalto.
    SE l'impresa che ti fornisce gli infissi e la posa in opera non e' un singolo artigiano il problema non si pone potrai applicare l'agevolazione fino al raggiungimento del costo di posa in opera.
     
    Ultima modifica: 6 Marzo 2014
  13. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    quindi se mi reco da un artigiano con regolare ditta per la fornitura e la posa in opera di porte scorrevoli in legno , l'IVA sarà al 10 o al 22?
     
  14. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ho trovato questo...:
    Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi poste in essere per la loro realizzazione, sono assoggettate all’imposta sul valore aggiunto in base alle aliquote previste per gli interventi di recupero del patrimonio immobiliare.


    Il regime agevolato prevede l’applicazione dell’IVA ridotta al 10% per le prestazioni di servizi relativi a interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, realizzati su immobili residenziali.

    Le cessioni di beni restano assoggettate alla aliquota IVA ridotta invece solo se la relativa fornitura è posta in essere nell’ambito del contratto di appalto. Tuttavia, qualora l’appaltatore fornisca beni di valore significativo (definiti dal decreto del Ministro delle Finanze 29 dicembre 1999, quali ad esempio infissi e caldaie) l’aliquota ridotta si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi. Tale limite di valore deve essere individuato sottraendo dall’importo complessivo della prestazione, rappresentato dall’intero corrispettivo dovuto dal committente, soltanto il valore dei beni significativi.
    ù
     
  15. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Al 10 per la posa e la differenza tra questa e l'intero costo dell'intervento ed al 22% per il resto. Ovviamente se si tratta di abitazioni, non di altro.
     
  16. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    scusa di nuovo il disturbo...in comune per la manutenzione straordinaria ho comunicato che i lavori li facevano una determinata ditta...

    ora per l'istallazione degli infissi interverrà un'altra ditta...e per l'istallazione delle porte interverrà un ulteriore ditta/falegnameria....
    devo comunicarlo al comune? o non è necessario?
     
  17. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
  18. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Forse dovresti dotarti di un tuo tecnico ....
     
    A od1n0 piace questo elemento.
  19. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    meglio senza tecnico..
     
  20. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    ovviamente il tecnico ce lo avrà già altrimenti come avrebbe fatto a "comunicare al comune di stare facendo una manutenzione straordinaria"? :occhi_al_cielo:

    argomentare please
     
    A mata piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina