1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, sono un nuovo iscritto e vorrei il vs. consiglio per quanto mi sta accadendo.
    Ho acquistato un alloggio di nuova costruzione, da poco ultimato, firmando un compromesso e versando un anticipo sul costo totale dell'alloggio a chi mi vendeva l'appartamento. Ora dopo aver fissato la data del rogito, il notaio a pochi giorni dalla stipula del rogito stesso, in cui avrei dovuto versare il saldo per divenire proprietario, mi ha avvisato che il rogito non si poteva fare perchè sull'appartamento gravava un'ipoteca (presumibilmente, se non ho inteso male messa da parte della banca che aveva finaziato i lavori di costruzione).
    Ho parlato con chi mi stava vendendo l'alloggio e mi ha detto che si trattava di una dimenticanza, alla quale peraltro non credo molto.
    Vorrei chiedervi gentilmente se potete darmi un consiglio su come comportami per tutelarmi nel miglior modo possibile.
    Grazie per la vs. riposta
     
  2. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Al rogoto l'ipoteca deve essere cancellata oppure il notaio deve ricevere l'assenso scritto alla cancellazione da parte della banca. Comunque stai tranquillo che il notaio non rogita se cio' non accade. Piuttosto state dietro al costruttore perchè è meglio fargli fretta. Nei casi di nuove costruzioni esiste un ipoteca totale relativa a tutti gli appartamenti quindi la banca/costruttore devono scorporare la quota appartamento e cancellarla.
     
  3. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie, terrò presente e cercherò di fare fretta al costruttore, il fatto che però abbia voluto fissare la data del rogito sapendo che l'ipoteca sul mio appartamento non era ancora stata tolta dalla banca mi fa preoccupare e pensare che il costruttore non abbia i soldi per farlo.
    So che il notaio prima di telefonare a me ha telefonato alla banca e poi mi ha detto che non era in grado di sapere quando si sarebbe potuto fare il rogito.
     
  4. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    .....e nel caso dopo un certo periodo di tempo non l'avessero ancora fatto o non volessero farlo, come faccio a recuperare tutti i soldi che gli ho versato come anticipo ?
     
  5. dalele

    dalele Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Hanno rilasciato fideiussione sulle somme versate fino ad oggi?
     
  6. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Considerati i costi esorbitanti necessari alla realizzazione di un edificio è del tutto naturale che l'impresa costruttrice ricorra quasi sempre al mutuo.

    La comune esigenza finanziaria viene soddisfatta mediante un contratto studiato appositamente, chiamato non a caso "mutuo edilizio".

    Le somme di questi mutui vengono rilasciate dalla banca in tranche, man mano che i lavori progrediscono e il valore della costruzione aumenta.

    A lavori terminati , l'impresa dovrebbe (deve) chiederà alla banca il frazionamento del mutuo.
    Mediante questo accordo si stabilirà la misura in cui il debito resterà attribuito a ciascuna unità.

    A quel punto alcuni appartamenti potrebbero venire esclusi del tutto dalla garanzia ipotecaria o come si dice in gergo "svincolati dall'ipoteca".

    Ti devi accertare che il mutuo sia stato frazionato e nel caso qual è la quota di finanziamento attribuita all’immobile che stai acquistando, a quel punto la banca fornirà i conteggi per l’estinzione totale del debito che grava su quell’unità, poi al momento del rogito farai due assegni, uno intestato alla banca inerente al debito residuo e l’altro per differenza al costruttore (consultati con il notaio)
    Certo che se il costruttore non ha provveduto ancora al frazionamento del mutuo , i tempi si allungano e non si può fare il rogito.
     
    A Bagudi e ludovica83 piace questo messaggio.
  7. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si, ho controllato e c'e la fidejussione, questo mi lascia in parte tranquillo,
    rimango sempre perplesso sul loro modo di comportarsi, vorrei sapere se c'è qualche strumento legale per obbligarli a toglire l'ipoteca, oltre al fatto di continuare a sollecitarli verbalmente, cosa che ho già fatto ma sino ad ora senza risultati.
     
  8. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ringrazio Massimo Ingelman per la risposta e provvederò di conseguenza.
    Vorrei però chiedere alcuni chiarimenti:

    1) Io non ho previsto nessun mutuo con la banca, il mio contratto è per
    contanti con chi ha costruito, perchè dovrei pagare parte dei soldi alla
    banca? Il costruttore prima del rogito mi ha detto chiaramente che gli
    assegni circolari al momento del rogito devono essere intestati a lui per la
    somma totale a saldo della casa.

    2) Per capire quale è la quota attribuita al mio immobile, devo fornire fornire alla
    banca i dati catastali del mio appartamento, che mi ha dato il costruttore, o
    altro?

    Grazie per la risposta.
     
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Chiedi di che importo é il debito parla non il notaio deve avere il piano di frazionamento ovvero l'importo di mutuo che grava sull'immobile che dovresti acquistare.
     
  10. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Rosa,
    Ringrazio Massimo Ingelman per la risposta e provvederò di conseguenza.
    Vorrei però chiedere alcuni chiarimenti:

    1) Io non ho previsto nessun mutuo con la banca, il mio contratto è per
    contanti con chi ha costruito, perchè dovrei pagare parte dei soldi alla
    banca? Il costruttore prima del rogito mi ha detto chiaramente che gli
    assegni circolari al momento del rogito devono essere intestati a lui per la
    somma totale a saldo della casa.

    2) Per capire quale è la quota attribuita al mio immobile, devo fornire fornire alla
    banca i dati catastali del mio appartamento, che mi ha dato il costruttore, o
    altro?

    Grazie per la risposta.​
     
  11. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Parti da un presupposto il notaio deve avere il piano di frazionamento per l'acquisto di case in costruzione é obbligatorio fare questo atto. Comunque che tu paghi il costruttore o la banca a te non cambia nulla ed é una cosa normale per di più tu avrai l'assenso alla cancellazione che vuol dire che il debito é stato pagato e che verrà cancellata ipoteca dal notaio. Questo atto sarà firmato dal costruttore e dalla banca oltre che dal notaio. Non devi preoccuparti. Anche se il debito supera l'importo del saldo che tu devi corrispondere il costruttore dovrà dare la differenza altrimenti non si rogita.
     
  12. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Rosa, quindi riassumendo vado dal notaio e gli chiedo se il costruttore ha frazionato il mutuo indicando l'importo relativo al mio appartamento, per sapere a che punto siamo, poi prima del rogito deve essermi fornito un atto della banca che ha messo il mutuo che confermi che l'ipoteca verrà cancellata, altrimenti non firmo il rogito.
    Ovviamente se pretendono che gli assegni circolari siano intestati al costruttore non posso fare diversamente.
    Rosa per favore dimmmi se ho capito bene.
     
  13. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    L'atto di assenso viene predisposto dal notaio con la verifica dell'atto di frazionamento. Non si scappa. La legge 122 del 2005 stabilisce anche questo nella tutela. Se vogliono gli assegni intestati al costruttore vedrai che ne faranno preparare uno dell'importo del debito del mutuo che verrà in seduta stante consegnato alla banca. Ci sarà anche lei al rogito diversamente non si farà il rogito. Va a parlare con il notaio e vedrai che ti conferma questo.
     
  14. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    presupponendo che il mutuo sia frazionato
    assolutamente un assegno deve essere intestato alla banca per l'importo inerente ai conteggi per estinzione totale anticipata
    la differenza al costruttore

    non ti possono obbligare ad intestare gli assegni al costruttore . non devi - (anzi sei tu che devi obbligare loro/lui a riparare ad una loro/sua negligenza nel più breve tempo possibile)
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  15. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per le risposte, il fatto è che lo hanno già fatto, dopo aver fissato la data del rogito mi hanno detto che gli assegni circolari a saldo del'acquisto della casa dovevano essere chiaramente intestati al costruttore, poi tre giorni prima del rogito mi ha telefonato il notaio dicendomi che il rogito non si poteva fare perchè gravava ancora l'ipoteca della banca, e il notaio ha bloccato tutto, tutto si fermato.
    Per fortuna gli assegni non li avevo ancora fatti.Il notaio non ha saputo però dirmi quando si sarebbe potuto fare il rogito.
    Ho chiesto spiegazioni al costruttore e mi ha detto che l'estinzione dell'ipoteca era dovuta a una dimenticanza, ora sto aspettando che mi chiamino e mi dicano quando si fara il rogito.
    A questo punto quando mi chiama il costruttore e pretende ancora gli assegni intestati a lui cosa debbo digli con precisione?

    Grazie.
     
  16. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Tra l'altro il saldo al rogito è molto più consistente dell'anticipo che ho versato alla firma del preliminare.
     
  17. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    C'e qualcosa che non é chiaro. Può essere che la banca chiedesse prima l'estinzione e il costruttore non l'ha fatta quindi il notaio ha bloccato il rogito. Va a parlare con il notaio e cerca di vederci chiaro. Chiedi:
    1 - é stato fatto atto di frazionamento del mutuo? Se si che importo C'e sul tuo immobile? Chiedi se é anche sul box
    2- come intende procedere il costruttore? Estinguere prima o contestualmente? Comunque quell'atto di cui ti ho parlato che si chiama assenso alla cancellazione deve essere firmato. É il documento che dice che la banca é stata saldata e quindi si procede a cancellare ipoteca.
     
    A panetto piace questo elemento.
  18. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Rosa, lunedi lo chiedo subito e vi farò sapere cosa mi dice, la cosa mi preoccupa parecchio.
     
  19. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Immagino sopratutto se il debito con la banca supera la somma a saldo che devi dare e il costruttore non ha fondi per integrare e saldare il debito con la banca per cancellare l'ipoteca. Di solito il piano di frazionamento viene fatto con una logica proprio per evitare questo. Facci sapere.
     
  20. cinciarella

    cinciarella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sono stato a parlare poco fa con il notaio il quale ha cercato di rassicurarmi, dice che il rogito non si è potuto fare (e questo vale per tutti i condomini) perchè la banca non ha voluto presenziare e senza la banca non si può fare l'atto di assenso alla cancellazione, quindi l'ipoteca permane e non si può rogitare.
    Dice che il costruttore è in contatto con la banca per risolvere il problema (sembra che ci sia qualche problema tra loro) ed è solo questione di pochi giorni, (se sono solo pochi giorni e non ho capito male il frazionamento è già stato fatto).
    Dice che nel mio caso particolare (pagamento in contanti, non mutuo bancario) gli assegni circolari devono essere intestati obbligatoriamente al costruttore.
    Come il costruttore svincoli l'ipoteca che grava sul mio appartamento, con la banca che ha finanziato la costruzione, al notaio non interessa, lui vuole solamente che la banca sia presente al mio rogito e produca l'atto di assenso alla cancellazione dell'ipoteca che grava sul mio appartamento.

    Ditemi voi se vi sembra che la procedura sia corretta oppure se manca in qualche cosa, grazie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina