1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Ilaria1981

    Ilaria1981 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    sto per andare a convivere con il mio compagno in una casa comprata di recente instestata come proprietà e come mutuo a mio suocero. Ora per ragioni economiche mi è stato chiesto di pagare metà del mutuo. Volevo sapere:
    Una scrittura autenticata dal notaio, in cui si dichiara che dal quel mese fino alla fine della convivenza io sto pagando metà del mutuo, può tutelarmi in caso di separazione per farmi ridare indietro i soldi messi sull'appartamento?
    Grazie per l'aiuto,
    Ilaria
     
  2. umbertobotti

    umbertobotti Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    In linea teorica si , una qualsiasi dichiarazione di un debito, anche scritta su un pezzo di carta qualsiasi ha valore e se il debitore si rifiuta di pagare procedendo in contenzioso si ha anche l'esecutività. In effetti l'unica differenza tra un pezzo di carta ed un assegno è che dietro l'assegno c'è l'esecutività, il debitore non può negare il debito e deve (dovrebbe..) pagare.
    Però sarebbe buona norma legare ogni finanziamento ad una cosa, in modo che, se il debitore non paga gli si prende la cosa. Guarda come si comportano le banche; concedono un mutuo ma pretendono una ipoteca sulla cosa, la casa , oggetto di finanziamento. Il mio consiglio è questo; se resci meglio ipotecare a tuo favore un bene a garanzia del finanziamento. Altrimenti ... quando l'amore c'è ... la gamba la tira il piè dicono da noi...
    Saluti Umberto
     
  3. fmartin

    fmartin Ospite

    Ilaria, poni la domanda ad un avvocato o notaio
    Saluti
     
  4. Roberto Uslenghi

    Roberto Uslenghi Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Buongiorno Ilaria, secondo me sei tutelata realmente solo con la cessione a te della quota di propietà della casa, in relazione al mutuo erogato. Detto questo, ritengo che tuo suocero non abbia ragionato correttamente nel senso, che ragione c'è oggi a chiederti i soldi se poi un domani esiste una possibilità che debba restituirteli? Se dovesse succedere che vi separiate e tuo suocero come da accordi ti restituisce quanto da te versato, tu avrai di fatto usufruito della casa in maniera diciamo gratuita.....non fa prima tuo suocero a chiederti una sorta di locazione?
     
  5. Ilaria1981

    Ilaria1981 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il mutuo non l'abbiamo acceso io e il mio compagno perchè siamo precari lavorativamente quindi ci avrebbero dato un mutuo a tassi d'interesse molto alti. Per una locazione mi rifiuto nettamente. Abbiamo pensato a questa soluzione: scrittura pubblica dal notaio subito e tra 4 anni donazione e si spera rinegoziazione del mutuo a nostro nome e responsabilità.
    Che ne dite? Grazie
     
  6. Roberto Uslenghi

    Roberto Uslenghi Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Visto quanto hai scritto nel tuo ultimo messaggio, la cosa migliore da fare è se possibile, casa intestata a voi, mutuo vostro con garante il suocero....così Voi pagate la vostra rata di mutuo tranquillamente ed eventualmente quando sarete a posto con il lavoro voi dite 4 anni, capire se ci sarà la possibilità di rinegoziare il mutuo eliminando la figura del garante. Così evitereste future donazioni che comunque ti sconsiglio di fare vivamente con i costi impliciti.
     
  7. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Alla larga dalle donazioni! :shock: :shock:
    Se per qualunque motivo doveste vendere la casa (anche con l'accordo di tutti), sarebbero dolori! :disappunto:
    Concordo assolutamente con Roberto sulla garanzia di tuo suocero (tutte le banche la accettano) :ok:

    ;)
     
  8. Ilaria1981

    Ilaria1981 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Perchè alla larga dalle donazioni?
     
  9. bruno80

    bruno80 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Perchè le donazioni sono sempre soggette ad azione di revoca. Ma non ho capito se siete sposati oppure no. Ricordati che per la legge italiana due persone conviventi non hanno gli stessi diritti di due persone sposate. Cioè se vi lasciate ( malauguratamente) tu non avrai diritto a nulla e dovrai adire ad un'azione legale per riavere i soldi del mutuo, qualora tu riesca a provare di averli pagati. Saluti.
     
  10. bruno80

    bruno80 Membro Attivo

    Altro Professionista
    @umbertobotti
    ma sei l'umberto botti che immagino?
     
  11. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Mi spiego con un esempio pratico, chiedendo scusa per la ripetizione a chi lo conosce! :occhi_al_cielo:
    Lunedì mattina vado dal notaio a fare un preliminare MA, PRIMA del preliminare stesso, dovremo fare un atto di retrocessione dalla donazione dalla figlia verso i genitori! :shock:
    I fatti sono questi:
    - nel 1982 i genitori hanno donato la nuda proprietà della casa alla figlia, tenendo per loro l'usufrutto
    - ora la figlia vuole vendere la casa, con l'accordo dei genitori
    - visto che c'è la donazione di mezzo la figlia NON PUO' vendere la "sua" nuda proprietà, anche con l'accordo della sorella, perchè c'è la possibilità (teorica ma non nulla) che, al momento della morte dei genitori, si faccia vivo un figlio illegittimo, o magari adottato ANCHE SUCCESSIVAMENTE, che rivendichi la sua parte di eredità (cioè faccia azione di riduzione), aggredendo la casa in mancanza di fondi.
    (ecco perchè le banche NON concedono il mutuo quando c'è una donazione di mezzo! :disappunto: :disappunto: )
    - la figlia è quindi costretta a restituire la donazione ai genitori (pagando, fra tasse ed onorario del notaio, quasi 6.000 euro) e meno male che i donanti sono ancora in vita, sennò non si poteva fare nulla: per venderla bisognava aspettare 10 anni dalla morte del coniuge superstite!

    .. mi sono spiegato? :fico: :triste:

    ;)
     
  12. Ilaria1981

    Ilaria1981 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No non siamo sposati...
    quindi lei dice che la scrittura pubblica dal notaio non è un atto che mi tutela in modo soddisfacente da quanto ho capito.
    Saluti
     
  13. bruno80

    bruno80 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Potresti fare una scrittura privata, da far autenticare dal notaio, dove scrivete in parole povere: Le parti dichiarano che il signor suocero ha acquistato, al fine di permetterne l'abitazione al figlio X e alla fidanzata Ilaria, un immobile sito in ecc. e che esso è attualmente occupato dai signori Ilaria e figlio del suocero, a titolo di comodato d'uso gratuito, in quanto conviventi, e che il signor suocero ha acquistato tramite mutuo acceso con la banca X per un importo di euro xxx,. La signora Ilaria, in quanto fidanzata e convivente del sig. X, si impegna, al fine di contribuire al pagamento delle rate del mutuo, a versare al suocero una quota pari ad 1/2 ( o diversa) della rata del mutuo, tramite bonifico bancario oppure direttamente all'intestatario del mutuo, previo rilascio di ricevuta. Le parti stabiliscono che, nel caso in cui dovesse cessare la convivenza fra la signora ilaria il signor X, indipendentemente dalle cause di tale cessazione e senza che ad alcuno di essi possa essere imputata la colpa della cessazione della convivenza, le somme corrisposte per il pagamento delle rate del mutuo dovranno essere restiuite alla signora ilaria, senza interessi, ed in unica soluzione, entro tot giorni dalla richiesta scritta della stessa da farsi tramite raccomandata con A.R.
    P.S. Nel forum ci diamo del tu.
    Saluti!
     
  14. Ilaria1981

    Ilaria1981 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Abbiamo preso appuntamento con il notaio che ha eseguito il rogito
    Al tel ha detto che è un pò problematica come cosa...vedremo...
    Grazie dell'aiuto!!
    Ma invece la rinegoziazione del mutuo con sostituzione dei nominativi e con garanti etc quanto può costare? PIù DI 1500 EURO?
    THANKS
     
  15. geograssini

    geograssini Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    C'è anche da dire che solitamente le rate di mutuo poco distanzano da canoni di affitto.... in un ventuale separazione/cessazione di convivenza, io mi batterei per dimostrare che hai semplicemente pagato una quota di un eventuale canone di locazione per il tempo in cui hai usufruito della casa.... senti il Notaio.....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina