1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mattix

    mattix Ospite

    Buongiorno,
    volevo delle delucidazioni sulla necessità del notaio nel caso di divisioni.
    Possiedo un immobile cointenstato a diverse persone
    della mia famiglia, per nostre esigenze vorremmo assegnare ciascun
    pezzo dell'immobile ad un componente della famiglia. Volevo domandarVi
    se è necessario andare dal notaio affinchè possa essere registrata la
    divisione. Mi chiedevo se in alternativa era possibile fare una
    scrittura privata autenticata che possa poi essere registrata presso
    la conservatoria. Se si, da chi può essere autenticata (può autenticarla un funzionario della conservatoria?), e chi può
    scrivere il testo della scrittura privata , senza ricorrere al notaio
    quindi spendendo meno denaro?
    Volevo inoltre domandarVi se é vero che è possibile fare una scrittura
    privata non autenticata e proporre un' istanza di verificazione della
    sottoscrizione dinanzi al giudice, nella quale l'altra parte
    riconoscerà la sottoscrizione davanti lo stesso.

    Nel ringraziarVi porgo i miei più
    Cordiali saluti
     
  2. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    In attesa di lumi da esperti, vedrei qualche problema al contorno: ogni variazione di titolo sugli immobili comporta, oltre che la trascrizione in conservatoria, anche la voltura catastale, che si fa proprio a fronte di un atto di divisione.

    La trascrizione può effettuarsi solo in forza di atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata. Se si presenta alla conservatoria una scrittura privata, questa deve essere in originale, salvo questo sia stato depositato presso il notaio. art 2644÷2663 c.c.

    Per la scrittura privata con sottoscrizione autenticata vedi art. 2703 c.c.: può essere autenticata anche presso un pubblico ufficiale (segretario comunale? Responsabile anagrafe? )

    Poi bisogna conoscere bene la trafila di trascrizione: apparentemente sembra che la via da te proposta sia fattibile: quanto al risparmio è a verificare.
     
  3. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    No solo il notaio e' di fatto il pubblico ufficiale autorizzato dalla legge ad autenticare la firma di una scrittura privata di compravendita; il segretario comunale e responsabile all'anagrafe hanno una competenza limitata nell'autenticazione di firma degli atti.
    L'altra possibilità teorica sarebbe di farlo in giudizio: una parte disconosce a norma dell'articolo 214 cpc la scrittura e l'altra ne chiede la verificazione in giudizio a norma dell'articolo 216 e chi l'ha disconosciuta a quel punto la riconosce davanti al giudice. Ma sinceramente non so quanto e se si risparmia sia in termini di tempo che di denaro:)
    Quindi direi che l'unica strada praticabile e' rivolgersi ad un notaio per l'autenticazione delle firme sulla scrittura privata finche non cambiera' la legislazione in materia.
     
    A m.barelli e Bastimento piace questo messaggio.
  4. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non ho mai saputo quanto questa forma di atto privato autenticato costi meno di un atto pubblico: mi pare di ricordare che in caso di compravendita il notaio abbia meno responsabilità sulle verifiche da effettuarsi preliminarmente rispetto all'atto pubblico.
    Di fatto mi è capitata questa formulazione proprio in presenza di comprimari apparentemente piuttosto pratici di procedure ed onorari.
     
  5. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si ha meno responsabilità sicuramente non so se costi sinceramente di meno anche se a livello teorico dovrebbe vista la minore responsabilità e lavoro di verifica. Bisognerebbe farsi fare dei preventivi in merito anche da piu' notaio per verificare.
     
  6. mattix

    mattix Ospite

    Quindi tecnicamente se io scrivo la scrittura privata, la faccio autenticare dal notaio, è valida come se fosse un atto fatto da un notaio, ai fini della trascrizione? perchè ho chiamato diversi notai mi dicono che non è possibile, solo che da quanto ho capito, forse ho capito male, secondo l'agenzia del territorio è fattibile. Quindi come posso fare? Mentre la voltura catastale è possibile farla con scrittura privata autenticata o è necessario perforza l'atto? p.s: l'unico mio intento è risparmiare

    In poche parole ai fini della trascrizione in conservatoria e della voltura catastale è valida la scrittura privata o è necessario l'atto?
     
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    E' valida anche la scrittura privata ma deve essere autenticata.
     
  8. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non sono per niente esperto in materia, ma leggendo il c.c. avrei inteso che sono le firme che devono essere autenticate, cioè apposte in presenza di pubblico ufficiale , autorizzato a convalidare l'identità e la firma dei dichiaranti. E come dicevi poco sopra questo pubblico ufficiale è ancora il notaio.
     
  9. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si per scrittura privata autenticata si intende questo.

    http://www.notariato.it/it/notariato/chi-siamo/forma-dell-atto-notarile/forma-atto-notarile.html
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina