1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. gienli

    gienli Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti.

    Aggiunto dopo 5 minuti :

    Scusate, mi riprendo. Ecco il mio problema: tre mesi fa è venuta a mancare la mia mamma. Siamo 4 fratelli. Circa 25 anni fa i miei genitori avevano acquistato una villa e scopriamo che quattro anni fa la villa è stata venduta (sospettiamo con finta vendita) al fratello più giovane. Possiamo in qualche modo rivendicare la legittima quota di eredità su questa villa e farla rientrare nella collazione??
     
  2. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    per annullare una vendita devi andare in tribunale, dimostrare che a seguito della stipula non c'è stato un corrispettivo.
    solo un giudice può annullare un atto pubblico (tocca a te dimostrate con prove che è un falso)
     
    A gienli piace questo elemento.
  3. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma in quattro anni i vostri genitori non hanno mai parlato con voi della vendita a favore di vostro fratello più giovane?
     
  4. gienli

    gienli Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    purtroppo no, anzi, ci è sempre stato fatto credere che solo un mini-appartamento annesso alla villa era intestato all'ultimo fratello.
     
  5. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Di solito è più "facile" portare avanti una causa contro clienti estraneo al parentato piuttosto che contro il parentato stesso.
    Ti consiglierei di leggere l'atto (puoi averne copia in conservatoria) per vedere la modalità del pagamento.
    Sai, potrebbe anche essere con obbligo "a provvedere, vita natural durante, all’assistenza morale e materiale della parte cedente" e quindi senza transazione di denaro.
    Controlla e fai sapere.
     
    A Bagudi e gienli piace questo messaggio.
  6. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    .......se non c è stato passaggio di denaro ed inserita la clausula da te detta il tutto diventa facilmente contestabile in giudizio, oltretutto i fratelli erano all'oscuro della vendita e se dimostrano che hanno "aiutato" pure loro materialmente i genitori anche se l'impegno era stato preso dagli altri dubito che ad un giudice non venga il "prurito" di rimettere la legittima agli altri fratelli.............;)
     
    A gienli piace questo elemento.
  7. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se l'atto pubblico è stato stilato da un notaio di "media diligenza" avrà inserito le seguente frase:
    Qualora il figlio non adempia puntualmente l’obbligo assunto nel precedente articolo 5), la parte cedente potrà richiedere la risoluzione del presente contratto e, verificandosi tale ipotesi, la parte cessionaria sarà tenuta all’integrale risarcimento del danno subito dalla parte cedente, nonché a rifonderle le spese sostenute per la stipulazione dell’atto pubblico di vendita.
    La risoluzione si produrrà di fatto, ai sensi dell’articolo 1456 del Codice Civile, non appena la parte cedente manifesterà, anche in via stragiudiziale, la propria volontà di avvalersi della presente clausola risolutiva espressa, ma il diritto di chiedere la risoluzione sarà, in ogni caso, incedibile ed intrasmissibile agli eredi ed aventi causa a qualunque titolo.

    Questo farà passare il "prurito" al giudice e.......................... sono certo manifesterà anche la sua riconoscenza per la cessazione del "prurito".
     
    A gienli piace questo elemento.
  8. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ..........ciò che hai scritto è molto interessante ed è per me una cosa nuova (non si finisce mai di imparare) posso garantirti che sarà oggetto di discussione con i mie legali e notai in quanto non mi è mai capitata una proposta di risoluzione al probblemi familiari come la hai proposta tu..............intanto ti ringrazio per aver passato il prurito dal giudice a me..........:D
     
    A antonello e gienli piace questo messaggio.
  9. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Tienimi informato sul giudizio dei tuoi notai e dei tuoi legali (ma li hai a stipendio e quanti?).
    Il giudice per il prurito usava l'antiparassitario "mom", in polvere......non "gel".
     
    A leonard e gienli piace questo messaggio.
  10. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ...........ok, sono liberi professionisti, "miei" nel senso che ci collaboro e ne ho fiducia.........................:D
     
    A gienli piace questo elemento.
  11. gienli

    gienli Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, e serena giornata ad Antonello e Leonard che con le loro risposte mi aiutano ad inoltrarmi in questo...labirinto!
    Dunque, ci ho impiegato un pò, non avendo dimestichezza con queste "cose" a reperire l'atto di compravendita della villa menzionata nel primo mio messaggio. Riguardo le modalità di pagamento leggo:" Il prezzo della presente vendita è stato tra le parti convenuto ed accettato, a corpo e non a misura, in complessivi € 200.000 (duecentomila), somma che la parte venditrice dichiara di aver ricevuto prima d'ora dalla parte acquirente".
    Ma se la villa vale 1.500.000, è stato possibile questo o non era un obbligo avvisare gli altri tre fratelli? In questo caso è stato leso il diritto di legittima eredità ed è possibile porvi rimedio? Non so se sono stata chiara, ma le vostre risposte sono certa che mi aiuteranno a "dipanare un pò la matassa". Grazie.
     
  12. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ....... se gli importi sono veritieri siamo in presenza di vendita simulata fatta ad ok per sottrarre una parte di eredità che ti spetterebbe però solo alla morte di tuo suocero e cmq devono dimostrare il passaggio di denaro. Ti consiglio di parlare con un legale e spiegargli la cosa solo lui in base ai documenti potrà indicarti la strada migliore da intraprendere in quanto a mio avviso ogni azione ora è inutile ma solo prepararti ad agire bene quando tuo suocerò verrà a mancare.................:ok::ok::ok:

    P.S. sono un mediatore e solo un legale può darti certezze leggendo attentamente la documentazione........................:stretta_di_mano::stretta_di_mano::stretta_di_mano:
     
    A gienli e Valerio Spallina piace questo messaggio.
  13. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Concordo con Leonard.

    Ps
    Ma quante sigarette fumi al giorno?
    Non lo sai che il troppo fumo..........................fa perdere il pelo?
     
    A gienli e Valerio Spallina piace questo messaggio.
  14. fravax

    fravax Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buongiorno ,
    un caso simile .
    dopo 18 anni 2 fratelli vengono a sapere (prima non si erano mai interessati) che il padre ha "venduto" la casa famigliare (nel 93') al 3° fratello minore con un atto che riporta una frase simile a quella indicata nel post del 24-7 di Gienli , ma con l'importo abbastanza vicino al reale ( considerando l'epoca dell'atto ) .
    Certamente sanno che si dovrà aspettare per intervenire giudizialmente ...ma , secondo voi , potrebbe intervenire l'usucapione ? addirittura quella ridotta poichè esiste un rogito di compravendita ?
    Grazie della risposta .
    Saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina