1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Antonio953

    Antonio953 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buon dì, poche settimane dopo che è stata chiusa una sucessione, spunta fuori un possibile altro erede.
    Se il notaio rileva che quest'ultimo ha dei diritti, come si procede?
    Mi domando se il notaio, in presenza di un testamento olografo, presentato da un erede che si dichiara leggitimo ed unico, ha un obbligo di ricerca altri eredi in fase di sucessione, se sì, si può riaprire la suddetta e quali complicazioni, visto che sono già pagate le imposte per l'erdedita d'immobili.

    Grazie
     
  2. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    pensavo ste cose succedessero solo nei film :)
    perdonami, ma il grado di parentela di questo nuovo presunto erede è tale da garantirgli una quota di legittima?
    in caso contrario, a fronte di testamento olografo non credo possa avere nulla a pretendere.
     
  3. Antonio953

    Antonio953 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Nel testamento non vengono nominati eredi, ma bensì solo il nome di chi non può ereditare.
     
  4. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Sì riaprono i giochi. Tutto qui . Per brevità riporto quanto di interesse e di seguito il link di riferimento . Se hai altre domande chiedi.


    Se non sono trascorsi dieci anni dalla morte del de cuius, i soggetti contemplati nel testamento (e mai chiamati all’eredità attraverso l’apertura della successione legittima) saranno chiamati all’eredità a seguito del rinvenimento del testamento e saranno quindi nella possibilità di accettare l’eredità. Nel caso in cui i soggetti già in possesso dei beni non intendano restituire, il nuovo chiamato in base al testamento avrà a disposizione l’azione di petizione di eredità nel caso si contesti la sua qualifica di erede, e le altre azioni previste nel caso in cui i soggetti si oppongano alla sua immissione nel possesso dei beni o sorgano contestazioni in merito alle quote o all’assegnazione di beni.

    Trovare un testamento. Normativa e conseguenze.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  5. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Uhm....la bellissima diseredazione...... chi non può ereditare secondo il testamento ? Non vorrei scrivere fiumi di parole inutili
     
  6. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    stica... non ci avevo proprio pensato.
     
  7. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sarebbe bene specificare se esistono rapporti di parentela e quali tra il de cuius ed i potenziali eredi.

    Se ho capito bene la situazione il testamento esclude uno specifico nominativo: se fosse un legittimario, tale indicazione sarebbe nulla. Se invece è un parente esempio un nipote, interpreterei che sarebbero chiamati tutti i parenti eredi, escluso l'"escluso"..

    Ovviamente non stiuamo parlando di figli visto che non è possibile escluderli dalla successione.

    Se invece l'escluso dal testamento fosse un effettivo erede legittimario, si riaprirebbero i giochi, con le procedure descritte da Luna.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  8. Antonio953

    Antonio953 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non ci sono genitori, figli o mariti, bensì i figli delle due sorelle già defunte, nel testamento viene menzionata ed esclusa dalla eredità la figlia della prima sorella e un suo figlio ma non la figlia, quest'ultima viene nominata in altra parte del testamento insieme ad altre persone ben volute, per altre volontà del de cuius.
    Ora si pensa che la pronipote possa ereditare la quota spettante della mamma esclusa, come se la mamma rinunciasse la sua parte dell'eredità.
    Ora dal notaio si sono presentati i due figli dell'altra sorella col testamento olografo dove per l'appunto vengono menzionati la cugina e un suo figlio che non devono ereditare nulla , per tanto i suddetti si sono presentati come unici eredi universali.
    Quindi le domande sono due:
    Il notaio deve fare una ricerca di altri possibili eredi o può fidarsi di chi si presenta il testamento e si dichiara unico erede?
    La pronipote del de cuius, figlia dell'esclusa, può vantare un diritto di succesione e per tanto la quota spettante della mamma esclusa, o comunque una quota?
     
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Secondo me, no. (é solo una mia opinione: non mi è mai capitato di leggere un caso di "esclusione"). La pronipote non credo possa agire in rappresentanza della madre se questa non era erede.
    Il notaio certamente dovrà ricostruire tutti i legami parentali e procedere secondo testamento e secondo le disposizioni di legge verso gli eredi legittimi.
    Se non erro , salvo disposizioni testamentarie, ereditano i parenti più prossimi in grado.
     
  10. Antonio953

    Antonio953 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Di fatto se la de cuius scriveva che escludeva Tizia e i suoi discendenti , era finita lì, perchè prendersi il mal di pancia a descrivere i nomi della famiglia della nipote esclusa e saltarne una?
    Poteva scrivere: lascio i mie due immobili di città al mio compagno e i due immobili di Torino ai miei nipoti Rossi pippo e Rossi Minni, finito risolto, no lei esprime i suoi desideri funebri e nel mezzo dichiara che la nipote Tizia Verde suo figlio Caio Grigio e il consorte Sempronio Grigio che nulla devono ereditare.
    Il pensiero che la pronipote possa ereditare la quota della mamma per cui il 50% o una porzione più piccola in base a non so cosa, è dovuta al fatto che dopo altri bla bla dove espone i suoi voleri funerari, elenca una serie di persone a lei care e ben volute tra cui l'altra figlia della nipote Tizia.
    Per chiarire Tizia ha due figli un maschio (escluso) e una femmina (ben voluta).
    L'altra sorella della de cuius, già defunta, ha due figli, che hanno ricevuto il testamento dal compagno, anch'esso non menzionato, e presentato copia alla cugina esclusa, solo a successione chiusa.
     
  11. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    mi sono dovuta fare uno schema perché con questi nomi di fantasia buttati così non si capisce nulla
    Dimmi se è corretto
    Sorelle A B e C
    A muore
    B e C erano già decedute
    B esclusa ha i figli D e E
    C non esclusa ha i figli F e G

    D ha due figli : L escluso e M non escluso
    E ha 1 figlio H
    H ha un figlio I a sua volta?

    Essendo provata la validità del testamento di A eredi diventano F e G più il figlio M. Infatti “il discendente legittimo di chi sia stato diseredato dal testatore può succedere a quest’ ultimo', per la prevalente dottrina e la prevalente giurisprudenza hanno risolto positivamente la questione”.Secondo la Cass. 6339/82, infatti, la diseredazione non esclude la successione per rappresentazione del diseredato.

    spero di aver inteso correttamente. in caso contrario fammi capire ma con le lettere che ti ho indicato.
    In sostanza un 50% va a M e un 50% va a F e G congiuntamente
     
    A Antonio953 piace questo elemento.
  12. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    a seguito della sentenza della Cassazione 8352 25 Maggio 2012 una siffatta clausola si può ritrovare in testamento. Ma al 99% non in un testamento pubblico perché non esiste ad oggi, normativamente parlando,un appiglio che consenta al notaio di redigerlo “serenamente” quando si vuole escludere un legittimario. Sia che si propenda per la tesi della sua nullità,sia che si propenda per la sua riducibilità, in ogni caso il legittimario avrebbe un rimedio per porre nel nulla la clausola lesiva dei suoi diritti e succedere al de cuius. A tali conclusioni il Cnn nel suo studio successivo alla pubblicazione della sentenza.
     
  13. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    dovrebbe essere così.
    mancato mio zio, senza discendenti e in latenza di testamento, ereditò tutto mia madre e nulla andò al nipote e ai cugini.
    e conoscendo i cugini (che non sono delle brave, belle e buone persone come il nipote :D) se non hanno detto niente è perché si erano comunque ampiamente informate circa un loro subentro...
     
  14. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Ma nipote e cugini di chi erano figli
     
  15. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    siete sicuri che il testamento sia vero e non falsificato?
     
    A dormiente piace questo elemento.
  16. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Se è falso o meno deve stabilirlo un giudice dopo apposito giudizio purtroppo.
     
  17. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    i cugini sono i figli di una fratello della madre dello zio (ergo sono cugini di lui)

    il nipote (quelle bello, bravo, buono e - dimenticavo - intelligente) è figlio di mia mamma e, di solito, la mattina indossa i miei vestiti.... :sorrisone:
     
    A dormiente piace questo elemento.
  18. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    E allora è normale che non sono entrati in successione. Di che ti stupisci. Qui siamo in un caso più complesso e totalmente diverso
     
  19. Antonio953

    Antonio953 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Credo sia vero, abbiamo diverse lettere scritte di pugno dalla zia, una in nostra presenza, per cui non abbiamo dubbi, caso mai possiamo pensare che c'è ne sia un altro , ma questo non ci è dato a sapere, poi non avrebbe senso presentare un testamento con la data di Marzo 2008, quella mattina la zia doveva avere le paturnie (detto in piemontese), cioè era scesa dal letto col piede sbagliato, era addirata verso tutti, anche verso la sua migliore amica d'infanzia, che ha mandato a .........

    Ci sei andato vicino, in quel testamento, o meglio le sue volontà di come deve essere fatto il suo funerale, ha diviso i buoni dai cattivi :^^:

    Luna hai quasi centrato l'obbietivo, scusa non sono pratico di queste vicende :confuso:
    corrego il tiro, ecco la situazione, spero che sia più chiara:-
    Sorelle A B e C
    A muore
    B e C erano già decedute
    B ha una figlia D l'esclusa
    C ha i figli F e G (che si sono presentati dal notaio autodichiarandosi eredi universali, perchè in realtà il testamento non parla di chi deve ereditare)

    D , ha due figli : L escluso e M non escluso
    F , ha 3 figli dalla prima moglie e uno dalla seconda
    G, ha due figli

    Di fatti il nostro dubbio è proprio su questa eventualità, cioè è come se la mamma rinunciasse e quindi va al parente più prossimo.
    In realtà leggendo la sentenza Cass. 6339/82, che dice ben altro, ma per D in realtà non cambia il risultato che è quello che conta!

    Grazie per la comprensione :)
     
  20. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Ma come la sentenza dice ben altro? Ti afferma proprio il concetto che in caso di diseredazione di erede legittimo subentra l'istituto della rappresentazione! In più anche la dottrina prevalentemente è di questo avviso. Lo afferma pure il CNN....chi deve dirlo oltre?
    quindi M rimane ugualmente e succede per rappresentazione .

    Ma senti non è che puoi scrivere il contenuto del testamento ? A conti fatti gli eredi sono quelli ma mi riservo se non leggo il testamento . Il notaio che lo ha letto che ha detto?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina