1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fabiocalab

    fabiocalab Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Sto acquistando un appartamento a Roma, tramite un’agenzia immobiliare. Ho firmato la proposta d’acquisto e versato la caparra. La proposta è stata accettata dal venditore e sarei in attesa di firmare il preliminare di vendita. Il “mio” futuro appartamento e quello di sopra prima erano un unico appartamento, su due livelli, poi il costruttore (che è anche il venditore) li ha fatti separare.
    Quello di sopra è stato già venduto nel 2010 ed è di circa 50 mq, quello sotto da 100 mq. La Banca ha fatto credo dei controlli ed al Catasto è tutto ok.
    Il problema è che parlando appunto con il proprietario dell’ appartamento di sopra ho scoperto che non è stata fatta la suddivisione millesimale. Ho chiesto spiegazioni all’ agente immobiliare che tra le altre cose non mi aveva detto nulla di questo problema, e mi ha spiegato che non è stata fatta per l’ opposizione di un condomino. Anche l’ amministratore pare che dica che è necessaria l’ unanimità.
    Ora l’agente immobilare ed il venditore (che sono pure amici) vorrebbero trovare un accordo con me o con il condomino che non firma.
    Sulla proposta, tra le note, gli feci scrivere (con una certa resistenza da parte dell’agente immobiliare) che il venditore si impegna a fare la suddivisione millesimale prima del rogito.
    Cosa mi consigliate? E’ fuori discussione acquistarlo? Devo lasciar perdere oppure è possibile trovare una soluzione?
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In effetti anche a me pare che la revisione delle tabelle millesimali si possa fare solo con l'unanimità (ed a spese di chi la richiede). Ti consiglio di parlare direttamente con il condomino che si oppone per capire le sue ragioni (teoricamente per lui dovrebbe essere indifferente! :occhi_al_cielo:). Se risulta essere una persona irragionevole o, peggio, che ha dei motivi personali per comportarsi così, SCAPPA! :^^:
     
  3. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se bel capisco, il condominio ha una tabella millesimale, e bisogna solo suddividere in due parti i millesimi dell'appartamento frazionato.
    Si tratta di una tabella contrattuale ?

    Precisati i termini di cui sopra, l quadro sarebbe più chiaro.
    Dice benissimo Maurizio : ma perchè si oppone ? Piccole differenze ? Unanimità non vuol dire niente in questo caso : c'è un cambiamento, il frazionamento.

    Non capisco : i due appartaemnti devono avere dei millesimi. Non è previsto differentemente.
    Anche perchè l'amministratore non può addebitare le spese e le assemblee sarebbero anche annullabili eper mancanza di un condominio che c'è ma non ha millesimi e non può votare.
    Un romanzo della stranezza umana.
     
  4. fabiocalab

    fabiocalab Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Si la tabella esiste già ma i due appartamenti figurano ancora come uno. Rimane solo la suddivisione.
    Il condominio che ha già comprato l'appartamento di sopra (quello da 50 mq) infatti non vota e di fatto non paga il condominio. Lo paga interamente il proprietario/costruttore che tra le altre cose vorrebbe da lui gli arretrati cioè 1100 euro.
    Il condomino senza diritto di voto viene semplicemente "invitato" alle assemblee.
    Ora non so che dire a questo punto se non risolvono in assemblea devo lasciar perdere.
    Peccato perchè la casa ci piaceva ed è ad un prezzo conveniente ma adesso capisco il perchè.....
     
  5. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Deve esserci una soluzione giuridica. Da esaminare una recente sentenza della cassazione. Provo a cercarla

    Eccomi qua : Cassazione 18477/2010 : non serve l'unanimità ma la maggioranza qualificata.
    E' su internet : digita cassazione 18477/2010.

    L'amministratore in un mese può risolvere tutto se convoca e fa bene .
    E se non paga , decreto ingiuntivo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina