1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Colpendo prevalentemente gli immobili, si e' minata la credibilita' dell'economia italiana agli occhi degli italiani stessi; e seminando sfiducia non si e' generata crescita economica ...

    In realtà ho voluto postare questo argomento a fronte di una notizia pubblicata sul "il Sole 24 ore" e il pensiero mi è andato a Genova colpita dall'alluvione ed i suoi abitanti (mi immagino cosa stanno attraversando).
    Siamo un Paese tartassato dal fisco e malgestito

    Fisco: Cgia, tasse comunali al top a Bologna, Roma e Bari e Genova

    Si registrano a Bologna, Roma, Bari e Genova, tra le grandi città italiane, le tasse comunali più elevate . E' l'Ufficio studi della Cgia a giungere a questo risultato calcolando il prelievo che una famiglia tipo di tre persone dovrà subire quest'anno per onorare il pagamento della Tari (la nuova tassa sui rifiuti), della Tasi (il tributo sui servizi indivisibili) e dell'addizionale comunale IRPEF.

    Nel caso di un'abitazione di tipo civile A2, afferma la Cgia, è il Comune di Bologna a praticare il livello di tassazione medio più elevato tra le grandi città d'Italia: per l'anno in corso, il peso economico è pari a 1.610 euro. Seguono Genova, con 1.488 euro, Bari, con 1.414 euro e Milano, con 1.379 euro.

    Se, invece, l'analisi viene realizzata su un'abitazione di tipo economico A3 (che è di minor pregio rispetto all'immobile preso in esame nel caso precedente), a balzare al primo posto di questa speciale graduatoria è Roma, con 1.100 euro.

    Seguono Bari, con 1.079 euro, Napoli, con 1.000 euro e Genova, con 961 euro. «Il forte aumento dalla tassazione comunale registrato in questi ultimi anni - commenta il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - è da addebitare, in particolar modo, ai pesantissimi tagli ai trasferimenti che lo Stato centrale ha praticato nei confronti degli enti locali”.

    Tra il 2010 e il 2014, i sindaci di Bologna, Roma e a Bari hanno subito una sforbiciata delle risorse del 48 per cento: Milano del 63 per cento e Venezia addirittura del 66 per cento.

    «Con questi tagli i Comuni sono stati obbligati a ridurre i servizi e ad aumentare le tasse locali, penalizzando soprattutto le famiglie meno abbienti'', osserva Bortolussi. I ricercatori dell'Ufficio studi della Cgia hanno visionato tutte le delibere approvate dai principali Comuni capoluogo di Regione in materia di Tari, Tasi e addizionale comunale IRPEF.

    Per quanto riguarda quest'ultima imposta, in quasi tutte le città l'addizionale comunale ha raggiunto l'aliquota massima dello 0,8 per cento (Roma applica addirittura lo 0,9 per cento). Solo quattro Amministrazioni hanno applicato una aliquota inferiore: Bologna (0,7 per cento), L'Aquila (0,6 per cento), Aosta (0,3 per cento) e Firenze (0,2 per cento). A Cagliari, invece, l'addizionale si calcola applicando aliquote progressive per scaglioni di reddito, (0,66 per cento sino a 15.000 euro fino a 0,8 per cento oltre i 75.000 euro). Nella analisi si sono considerate le addizionali comunali pagate nel 2014, in pratica sono quelle di competenza nell'anno di imposta 2013.

    In riferimento alla Tasi, solo il Comune di Aosta ha applicato l'aliquota base dell'1 per mille. In tutte le altre realtà analizzate è stata deliberata un'aliquota nettamente superiore. In 9 casi tocca addirittura il valore massimo consentito per le abitazioni principali: 3,3 per mille. La Tari, invece, colpisce soprattutto al Sud.

    Nonostante il servizio di raccolta dei rifiuti erogato nelle grandi città del Mezzogiorno non sia sempre «impeccabile», per un'abitazione di tipo civile A2, una famiglia di 3 persone residente a Cagliari paga quest'anno 653 euro. A Napoli 522 euro e a Palermo 497 euro. Come dicevamo più sopra, una delle ragioni che hanno «costretto» molti Sindaci ad aumentare la tassazione comunale è stata la forte contrazione dei trasferimenti statali subita in questi ultimi anni.

    La città più penalizzata è stata Venezia: tra il 2010 e il 2014 il taglio è stato del 66 per cento (- 63,8 milioni di euro). Tra le grandi città segnaliamo il caso di Milano, che ha «patito» una riduzione del 63 per cento (- 317,7 milioni di euro) e quello di Roma, con una contrazione del 48 per cento (-667 milioni di euro). Altrettanto pesanti le situazioni maturate a Bologna (-48 per cento, pari a 72 milioni di euro in meno), a Bari (-47 per cento, pari a 55,1 milioni di euro in meno), a Torino (-43 per cento, pari a 158,9 milioni di euro in meno), a Genova (-43 per cento, pari a 110,8 milioni di euro in meno), a Napoli (-31 per cento, pari a 199,6 milioni di euro in meno) e a Palermo (- 33 per cento, pari ad un taglio di 114 milioni di euro).

    Fonte il Sole 24 ore
    vedi notizia
     
    A enrikon piace questo elemento.
  2. Gherardo5

    Gherardo5 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    E' tutto verissimo.
    Ma siete mai andati in un Comune ed avete provato ad osservare con occhio critico quanto personale ci sia che girottola, chiacchiera, perde tempo, è assente perché a fare colazione e quanti uscieri (a coppia perché devono garantire il servizio) hanno un televisorino acceso sotto il bancone per riuscire a passare il tempo ?
    Cominciamo a ridurre questi costi, rendendo produttivo il personale, e forse le tasse potrebbero essere più basse (o meno alte).
    Quando io ero studente alle elementari i bidelli tenevano pulite le aule ed i corridoi, oggi "sovraintendono" alle ditte di pulizie che hanno l'appalto delle pulizie.
    Così vanno le cose.
     
    A desmo, m.barelli, ingelman e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Scusa ma Genova non ha bisogno di solidarietà, i genovesi meritano questo, quando per 70anni fai governare sempre la stessa parte politica stiamo solo assistendo ai risultati nefasti di una democrazia quantomeno malata, se chi governa non viene mai messo in discussione cosa credi che combini??????, se il malgoverno non viene punito alle prossime elezioni con quale stimolo governerà il politico????, attenzione, tutto ciò indipendentemente che l'altra parte politica sia più o meno capace, quella di Genova, Siena ed altri esempi ci dicono che il nostro sistema democratico va ripensato.
     
    A enrikon, andrea boschini e ingelman piace questo elemento.
  4. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    A Tobia piace questo elemento.
  5. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    si l'ho letto tutto condivisibile
    vero che la natura si stà ribellando e i fenomeni atmosferici sono sempre più imprevedibili (in parte) e violenti però la mal gestione e la burocrazia ci mettono del loro ...

    I soldi per mettere in sicurezza il fiume Bisagno, uno di quelli che ha provocato il disastro dell’altra notte a Genova, ci sono da 4 anni: ma i quasi 36 milioni di euro stanziati dal governo Berlusconi nel 2010 sono chiusi in un cassetto, bloccati da burocrazia e ricorsi.
     
  6. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Non sono i primi e non saranno nemmeno gli ultimi (non dico a Genova in particolare ma un pò dappertutto).

    Se monterà una ... "adeguata" protesta popolare sarà l'occasione buona per mettere in piedi un'altra associazione per la cura del territorio ed assumere altri 50 dirigenti altrimenti aspetteremo la prossima protesta popolare.
     
    A ingelman piace questo elemento.
  7. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    io ho la sensazione che ormai siamo diventati un popolo di pecoroni ... capaci solo di lamentarci ma di fatto non siamo in grado di prendere nessuna iniziativa ... sarà forse perchè nauseati a tal punto da non vedere via d'uscita (come un animale ferito a morte) ;)
     
  8. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Non "siamo", lo "eravamo" già.

    Tira fuori un tiggì o un giornale di 40 anni fa e divertiti con le similitudini ;)
     
  9. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    dici? :occhi_al_cielo:
    40 anni fà ero studente ..... proverò a riesumare la mia TV con due canali anche a colori fatti con la pellicola che veniva inserita davanti allo schermo e poi ti dico :^^:

    sylvestro il mio 3D era riferito in generale come presa d'atto di una situazione insostenibile ma stò postando nel rispetto del regolamento del forum prestando attenzione a non fare riferimenti a preferenze politiche ..

    mi limito a ritornare in carreggiata dicendo che la burocrazia e la troppa pressione fiscale ci stanno uccidendo ...

    Sono i numeri, prima di ogni altra cosa, a raccontare come quello della tassazione immobiliare continui a rappresentare un vero e proprio nervo scoperto della politica fiscale. Lo è per il livello del prelievo. Lo è per la complessità delle regole. Lo è soprattutto per la tendenza - che accomuna tutti gli ultimi governi - a trasformare le tasse sul mattone in una sorta di bancomat da offrire ai sindaci per compensare i tagli ai trasferimenti decisi dal centro. Il Parlamento dovrebbe dare oggi il via libera al decreto che contiene le ultime norme per applicare le nuove imposte sulla casa nel 2014. Diciamo subito che per i proprietari - sia per le famiglie sia per le attività produttive - non saranno affatto buone

    di Salvatore Padula - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/66kjh
     
  10. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Le tasse sono più alte adesso o quando c'era l'imposta sul macinato? <- link
     
  11. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    che ne sò nell'800 ancora non ero nato?
    dove vuoi andare a parare?
     
  12. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Che da sempre sento che peggio di così non si può e i decenni passano ...
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  13. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    quindi intendi dire che siamo un popolo senza speranza?
    secondo me se continuiamo così il peggio deve ancora arrivare .. siamo solo all'inizio
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  14. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Quasi, intendo dire (come opinione personale e nulla di più), che è da mò che "ognuno pensa per se" e qualcuno si salva se si rimbocca le maniche in autonomia. Chi aspetta che le cose cambino con il prossimo governo o il successivo, o con la prossima rivoluzione rischia di invecchiare nell'attesa.

    Quindi quando sento "piove governo ladro" istintivamente penso "ok, è così da tremila anni, non penso che domani sarà diverso".

    Non è pessimismo, forse è fatalismo, a modo mio penso sia realismo.
     
    A m.barelli piace questo elemento.
  15. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quindi la pensiamo quasi allo stesso modo ..... però credo che ci si possa migliorare e credo anche che forse siamo maturi per farlo
    pensa a quanto ci costa la burocrazia in costi e tempi ... una pratica per essere approvata deve passare per 10 uffici (parlo anche di un semplice permesso per un passo carraio indispensabile ad un impresa per lavorare)
    parlando dell'aspetto più attinente la mia professione ... catasto .. conservatoria .. ufficio condono ..Comune .. la Regione per eventuali nullaosta ....
    tante teste e troppe polrone dove spesso la mano destra non sà cosa fà la mano sinistra ... e pensare che ormai viviamo in un era dove tutto è informatizzato


    Che dire ....
     
  16. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Il massimo che si può migliorare è se stessi o la propria ditta (se piccola e se si è fortunati).



    "Che dire"? Che non è questo il problema, dalle mie parti è tutto informatizzato per definizione al massimo grado possibile ma è tutt'altro che sufficiente per evitare sprechi, inefficenze, squilibri, scelte sbagliate, nepotismi, clienteralismi, ecc ... ecc ...
     
    A gmp piace questo elemento.
  17. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    :occhi_al_cielo: mi arrendo ...
    è un problema più grande di me .... mi vado a prendere una fetta di torta poi ci penso su
     
    A Irene1 e sylvestro piace questo messaggio.
  18. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    :ok: Prendime una anche per me :D
     
    A Irene1 e ingelman piace questo messaggio.
  19. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    C'è poco da ripensare, se li votano sempre si vede che a loro va bene così, oppure pensano che l'altra parte può solo far peggio. La democrazia è anche questa.

    Ieri il sindaco di Genova è comparso in tutti telegiornali nazionali. Nessuno che gli abbia chiesto: "perchè lei non è a spalare la cacca come tutti gli altri cittadini?"
     
    A ingelman e PROGETTO_CASA piace questo messaggio.
  20. desmo

    desmo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il problema si risolve in un nanosecondo. Dare ai manager pubblici non solo lo stipendio ma anche l'obbligo di fare il proprio lavoro, e se non portano i risultati pianificati nel periodo pianificato, a casa. Non serve frustare ogni singolo dipendente di ogni singolo ufficio pubblico in Italia, ma responsabilizzare un solo dirigente, ci penserà lui a fare in modo che i suoi 100 sottomessi lavorino..e lo farà, eccome se lo farà, se quello che gli è in ballo è il pane che mangia ogni giorno lui e la propria famiglia..
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina