1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Sappiamo che, l’attività di amministratore di condominio non è incompatibile, per la legge italiana, con quella di agente immobiliare;
    sappiamo che, tanti amministratori condominiali, specialmente nelle grandi città gestiscono 30 -40- persino 50 condomini;
    sappiamo che, nelle metropoli, i condomini sono formati da una media di 20-25 appartamenti;
    sappiamo che, fatti rapidi ed elementari calcoli, un amministratore può governare fino a 800, 1000, 1200 unità abitative;
    sappiamo che, circa il 3% del patrimonio abitativo viene messo in vendita ogni anno;
    sappiamo che, di conseguenza, un amministratore di condominio che ci sa fare ha la possibilità di “intercettare” anche 30 -35 unità abitative all’anno, con relativa facilità e prima che, la notizia della loro commercializzazione, giunga alle orecchie lunghe e attente degli acquisitori delle tante agenzie che operano là sotto, sul piano stradale;
    presupponiamo che un amministratore attento, disponibile, paziente, preparato e soprattutto del mestiere ( magari diplomato geometra o ragioniere o addirittura architetto…) possa conquistare, alla lunga, la fiducia dei condomini;
    congetturiamo, allora, che almeno la metà degli amministrati che abbiano l’intenzione di vendere casa si rivolgano all’amministratore anche solo per un consiglio o per una valutazione del prezzo e che poi, tenendo conto del vecchio rapporto di conoscenza e di frequentazione tra di loro e dell’indubbia competenza e padronanza della materia immobiliare da parte dell’amministratore, e perché no? anche della sua simpatia e della sua comprovata disponibilità a risolvere anche le più piccole seccature, si giunga rapidamente ad una definizione di un incarico di vendita…..;
    ipotizziamo che il venditore e l’amministratore raggiungano un accordo sufficientemente vantaggioso per entrambi sulla base di una provvigione sommato modesta ( ma sempre interessante…diciamo tra 0.5% e l’1% ) da riconoscere all’amministratore in caso di realizzata intermediazione…
    Immaginiamo…Stop!
    Ecco, a questo punto, basta immaginare e presupporre, bisogna tirare fuori il succo di un significato da tutto questo presumere e congetturare.
    Finora i fatti e le ipotesi erano esclusive ma, a questo punto del tragitto, la storia e, quindi, le ipotesi divergono, cambiano direzione, diventano alternative.
    Prima ipotesi possibile: l’amministratore si domanda un po’ maliziosamente e, forse, con una certa malignità:”Ma che interesse ho, come amministratore condominiale e come geometra ( o architetto), ad iscrivermi al registro degli agenti immobiliari, certificando pubblicamente questa mia seconda attività e rivelare al fisco ( esoso da parte sua) anche questo mio secondo reddito?. Ho un “deposito munizioni” di 1000 appartamenti amministrati e quindi controllati e costantemente sotto osservazione, dai quali ricavo già un guadagno consistente; basta far girare la voce che gradendo, posso assicurare, a chi vuole, e a prezzi concorrenziali, anche un accurato e efficiente servizio di compravendita già possedendo, in qualità di amministratore, molti dei documenti necessari alla vendita di un immobile e poi, perdiana! sono un geometra e so cosa fare, dove rivolgermi e a quali uffici indirizzarmi in caso di qualche caso difficile di abusivismo da sanare… Perché un condomino si dovrebbe rivolgere ad un mediatore esterno per vendere la sua casa se io posso fare lo stesso se non di più e meglio?”
    Seconda ipotesi possibile: L’amministratore affianca, notoriamente, con tanto di marchio, all’attività di amministratore quella di mediatore con tanto di patentino camerale. Insomma rispetta la legge in tutto e per tutto e paga, regolarmente, fino all’ultimo centesimo, le tasse su entrambi i lavori che svolge. Ma qui finiscono le differenze con l’altro amministratore, quello dal volto anonimo, quello che negozia e media nell’ombra senza metterci la faccia e il nome.
    Infatti, anche il secondo ha un deposito munizioni di 1000 appartamenti, anche lui è geometra, anche lui ci sa fare con competenza e abilità con gli amministrati e i clienti, anche lui blocca gli appartamenti ed impedisce che giungano al piano strada dentro le bacheche degli agenti immobiliari “normali”, anche lui può accontentarsi di una bassa provvigione da entrambe le parti.
    L’unica differenza, a confronto col primo “tipo” sta nel fatto che paga le tasse, ed é, quindi, un “benemerito” per la società.
    Una differenza che, attenzione! riguarda esclusivamente lo Stato, l’agenzia delle entrate, Equitalia, ma NON RIGUARDA AFFATTO VOI, agenti immobiliari e basta.
    Ecco il sugo del discorso: un bravo e avviato amministratore di condominio rappresenta SEMPRE E OGGETTIVAMENTE, ma non legalmente, un concorrente difficile se non addirittura pericoloso per il semplice agente immobiliare. Direi quasi un concorrente sleale, anche se non vorrei usare definizioni improprie.
    Insomma il fatto che egli possa conoscere, da una posizione di indubbio vantaggio e prima di qualsiasi altra persona, le intenzioni di vendita di un condomino suo amministrato, colloca l’amministratore condominiale su un piano di invidiabile vantaggio competitivo rispetto a tutti gli altri competitori del mercato immobiliare e, forse, in una dimensione di concorrenza imbattibile o comunque molto difficile da scalfire.

    A questo punto del discorso si potrebbe considerare l’amministratore di condominio almeno in potenza, un serio elemento perturbatore, di squilibrio, del mercato immobiliare?
     
  2. Maria Antonia

    Maria Antonia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    SI!
    Lo hanno sempre fatto ed ora escono allo scoperto.
    (gli amministratori di condominio che fanno gli agenti immobiliari):sorrisone:
    Non ho mai visto il contrario!:sorrisone:
     
  3. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Attivo

    Altro Professionista
    E le associazioni degli Agenti Immobiliari come intendono agire per tutelare i propri iscritti visto che le camere di commercio non si muovono neppure contro questa categoria di abusivi che percepiscono tra l'altro compensi non fatturati e non indicati nei rogiti ?
    Luigi De Valeri:shock:
     
    A Maria Antonia e Limpida piace questo messaggio.
  4. Monica83

    Monica83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Quanto dici mi fa riflettere molto.... avendo io iscrizione ad un'albo privato degli amministratori di condominio e preciso che l'ho fatto unicamente perchè anni fa ho lavorato 4 anni nel settore e devo dire che mi è piaciuto molto come lavoro però posso anche dire che, almeno nella mia città, non si è mai sentito che un'amministratore si mettesse a fare anche l'agente! Vivo in una città dove tutti sanno di tutto e le voci circolano molto facilmente non essendo poi cosi grande, e quando si sapeva che una persona voleva vendere (nella maggior parte dei casi lo sapevamo a cose già fatte) eravamo i primi a dire che il nostro non era un lavoro di agenzia immobiliare. Resto sconcertata da quanto scritto, non mi era neppure passato per la mente una cosa simile, semmai il contrario!
    Io attualmente sto frequentando il corso per diventare agente ma il titolo di amministratore mi resta anche se non esercito e se le attività andranno in conflitto non eserciterò mai (però posso dire che sento molti ragazzi che essendo agenti a tempo perso amministro un paio di condomini.. e qui mi chiedo come avviene tutto il meccanismo che hai scritto con un paio di conodominii da pochi condomini, visto che lo si fa come secondo lavoro di certo non si prendono condominii con tante unità????) anche perchè attualmente il mio lavoro è bel lontanto dall'amministratore di condominio e dall'agente!
    Come già espresso sopra questa cosa mi sconcerta parecchio e se davvero esistono situazioni simili posso capire il motivo del conflitto e posso solo condividere con te quanto detto.. però devo anche dire che ci sono molti altri lavori che non vanno in conflitto ma la legge ne vieta comunque il lavoro.. Io sono d'accordo che ci sia un decreto a vietare l'incompatibilità ma non vedo perchè una persona che come me, semplice impiegata, non possa fare neppure part time un lavoro da dipendente se non all'interno di un'agenzia!!!
    Scusate se mi sono un pò dilungata :^^:
     
  5. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino

    Diciamo che c'è una terza possibilità per l'amministratore condominiale: quella di fare solo l'ammnistratore senza pensare di mediare.
    Però a questo punto nasce spontanea un'altra domanda:
    tale amministratore può diventare, a sua volta, un segnalatore per agenti immobiliari col patentino ma anche per abusivi?
    Credo proprio di sì.
    E ancora: può essere un segnalatore ufficiale oppure "nascosto".
    Insomma le variabili sono tante e non sempre tutte comprensibili...;).
     
  6. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    E tu credi che un amministratore che fa il mediatore, guadagnando la sua parte in nero, fra proprietari di appartamenti e idraulici, elettricisti, muratori, donna di puilizia e così via... voglia dividere il guadagno che gli deriverebbe mediando la vendita di un immobile con un agente immobiliare patentato? sei proprio illuso!
     
    A Limpida piace questo elemento.
  7. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
  8. Monica83

    Monica83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    io resto davvero sconcertata!
    forse io sono una delle poche sulla faccia della terra a lavorare in maniera trasparente? dove ho lavorato e dove lavoro ora non prendiamo e non abbiamo mai preso un centesimo in nero da ditte di pulizie, ascensoristi e quant'altro!
    Certo che se vogliamo vedere l'italia tutta come un truffa si capisce il motivo di quanto dici tu ma posso garantire che a me personalmente non è mai successo!...
    In compenso però ricevevamo moti pacchi a natale come gratitudine :D
    e poi la mia perplessita riguarda la compatibilità con un lavoro che non c'entra nulla con l'agente o il segnalatore!
     
  9. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare

    Certo che ci sono aministratori onesti come agenti immobiliari, ma siamo in pochi!
     
  10. Monica83

    Monica83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    :confuso::confuso::confuso:

    e per fortuna devo dire!
     
  11. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare

    Per fortuna siamo in pochi? infatti và tutto male perchè di gente onesta ne è rimasta poca!:basito:
     
    A StLegaleDeValeriRoma piace questo elemento.
  12. Monica83

    Monica83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    noooo per fortuna che qualcuno c'è e che non siamo tutti cosi!!!!! :confuso:
     
    A Limpida piace questo elemento.
  13. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Partiamo dal presupposto che l'amministratore condominiale è l'unica attività compatibile con quella di Agente semplicemente perchè...per la legge, non è un lavoro.
    Chiunque può proporsi per amministrare il condominio in cui vive...e quello dove vive la mamma...e la zia...e...
    Ergo?
    Anche un'agente immobiliare!
    Con un po' di iniziativa la concorrenza potrebbe essere reciproca.
    In ogni caso quello dell'amministratore/agente o pseudoagente è solo la punta di un iceberg fatto di persone che non potrebbero fare ciò che fanno.
    Dipende dal livello in cui operi, se si tratta dell'appartamento il tuo concorrente può essere tanto l'amministratore quanto la portinaia impicciona che ama "arrotondere".
    Salendo di importanza e di valore con gli immobili i tuoi concorrenti possono diventare a turno il geometra. l'architetto, il commercialista e, non me ne voglia l'avvocato De Valeri che stimo per la lucidità di alcuni suoi interventi, anche i suoi illustri colleghi.
    Non di meno non è che il professore del liceo che dopo l'orario scolastico ha ancora il tempo per quelle due o tre orette di ripetizioni private pro spesa del sabato pomeriggio faccia, dal punto di vista del sommerso, una gran bella cosa.
    Un ladro è un ladro indipendentemente dalle somme in gioco.
    E' il fatto di prendere ciò che non ti appartiene che ti qualifica, non il contenuto della borsa.
    Indipendentemente dal fatto che i primi possano infastidire me e la categoria mentre del nostro professore (a meno che si metta a intermediare l'appartamento del vicino di casa) non me ne può fregà de meno...
    Se il vostro voleva essere un discorso su ciò che è più o meno giusto o sul "paghiamo tutti per pagare meno", bhè...ce n'è di strada da fare in questo paese per raggiungere i livelli di civiltà e di senso civico dei paesi più evoluti del nostro.
    Da dire anche che coloro che ci governano non danno certo un esempio che possa convincere chicchessia ad andare in quella direzione.
    Non a caso anni fa i radicali candidarono una nota pornostar e gli italiani che conoscono da sempre il binomio "ladri e put..ne" la elessero visto che in parlamento di appartenenti alla prima categoria ce n'erano già molti mentre della seconda, allora, scarseggiava.
    Ma torniamo pure al discorso originario.
    In un momento di mercato asfittico può essere elemento di disturbo anche il padre che informa un figlio che intende vendere del fatto che il fratello intende acquistare.
    Secondo me la domanda corretta dovrebbe essere: Che responsabilità hanno gli agenti immobiliari nostrani sul fatto che la loro fetta di mercato (intesa come numero di compravendite che passano tramite agenzia) è considerevolmente più bassa rispetto a quella di molti altri paesi a noi vicini?
    ...e ancora:
    Cosa possiamo fare per far crescere questa percentuale?
    Forse, visto che siamo solo degli ausiliari del commercio ma poi ci viene chiesto di garantire per le obbligazioni del cliente, pretendere di veder elevata la categoria a livello di professionisti potrebbe essere un'inizio.
    ...ma attenzione...poi bisogna anche essere disposti ad evolvere e ad operare come tali.
     
  14. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Qualcosa ho provato a fare, umilmente ho chiesto a dei colleghi di questo forum ed altri di collaborare a motivo di certe richieste, il conteggio è stato semplice: se non si lavora con gli Italiani che vogliono comprare sull' Elba, poniamo le basi per lavorare con gli stranieri offrendo loro immobili di pregio situati anche in altre parti d'Italia....le richieste son partite, le risposte sono ancora da venire! Mi chiedo come mai c'è questa chiusura, da cosa dipende?:confuso:

    Aggiunto dopo 2 minuti...

    E' da precisare che sono le risposte dei colleghi cui mi sono rivolta che devono ancora arrivare!
     
  15. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina