• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

VD11

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ciao a tutti!
Io e la mia compagna abbiamo acquistato casa insieme e conviviamo,ma non siamo unite civilmente,a tal proposito come possiamo tutelarci per la futura eredità del nostro appartamento?Dobbiamo fare un testamento o è sufficiente l’unione civile?Grazie! :)
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
considerate anche che se non avete figli ai vostri genitori spetta una quota di legittima (alla quale potrebbero ovviamente rinunciare).
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Con l'unione civile si acquisiscono i diritti ereditari come in caso di matrimonio, tra i quali il diritto del partner superstite di abitare nella casa in cui si abitava insieme ( se di proprietà del partner deceduto, o di entrambi) , per tutta la vita.
Inoltre al partner è riservata una quota di eredità, determinata in base all'esistenza o meno di altre categorie di congiunti.

Quindi la cosa migliore è fare l'unione civile, e poi un testamento, in cui si specifica di voler lasciare la casa al partner ( e altre indicazioni, in base alle concrete esigenze e situazioni).
Senza figli o genitori viventi del de cuius , nessuno potrà obiettare.
 

VD11

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Grazie mille per le risposte.
Quindi con l'unione civile e il testamento la quota di legittima ai genitori non spetterebbe, giusto?
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
mi muovo su un terreno spinoso (sono una capra in diritto...) ma mi sembra di ricordare che la legittima ai genitori rimanga comunque anche in caso di matrimonio.
come che sia al compagno rimane il diritto di abitazione.
 

Sodis

Membro Ordinario
Professionista
mi muovo su un terreno spinoso (sono una capra in diritto...) ma mi sembra di ricordare che la legittima ai genitori rimanga comunque anche in caso di matrimonio.
come che sia al compagno rimane il diritto di abitazione.
1/3 agli ascendenti se non erro, in assenza di coniuge. 1/4 se c’è il coniuge a cui spetta 50%
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Quindi con l'unione civile e il testamento la quota di legittima ai genitori non spetterebbe, giusto?
Purtroppo non è giusto.
Agli ascendenti , in mancanza di figli, la legge riserva comunque 1/4 del patrimonio del de cuius.
Ma anche se ereditassero quota della casa, non potrebbero mandar via il partner, che avrebbe il diritto di abitazione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Gli ingegneri di Roma critici sul DL semplificazioni: “per l'edilizia sarà peggio”
[ bit.ly/3iyXhKH ]
Buonasera vorrei avere informazioni circa la vendita di una casa popolare riscattata 13anni fa precisamente nel 2007. È vero che pur essendo passati 13anni l'istituto case popolari può sempre esercitare il diritto di prelazione pari al 10% degli estimi catastali e che si dovrebbe fare una raccomandata per rendere noto all'istituto dell'intenzione di vendere?
Alto