1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Salve a tutti, prossimamente devo dividere due cantine ora in comproprietà tra noi due eredi tramite un atto notarile.

    Vorrei sapere che valore attribuire a questi due c/6 classe 2 e rendita 488,05 di 75 metri quadri l'uno.

    Sapete indicarmela?
     
  2. A che fine chiedi il valore da attribuire alla due cantine C/6 ?
    Questo per capire in quale ambito ti stai muovando.

    Più precisamente, ti interessa ai fini delle imposte di registro, ipotecaria e
    catastale?

    Oppure è il valore per calcolae le quote di divisione dei due coeredi ?

    O rispetto alle quote di altri coeredi ?

    Stai chiedendo aiuto su una valutazione commerciale od a fini tributari ?

    Le due cantine sono pertinenze di immobili abitativi nel medesimo compendio ereditario ?

    Ti prego di inquadrare meglio il problema : valutativo o tributario.
    Ciao
     
  3. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Sì, scusa hai ragione, vorrei sapere il notaio che valore potrebbe attribuire ad ogni c/6.

    Le due cantine fanno parte di un fabbricato bifamiliare, ci sono due appartamenti al piano terra e sotto queste due cantine.

    Quindi non mi interessa il valore di mercato ma quello che potrebbe assegnare il notaio e sul quale andremo a pagare l'imposta di registro, al momento dell'atto di divisione...
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il notaio attribuisce il valore fiscale che è dato dalla rendita catastale rivalutata e su quella calcola le imposte.
     
  5. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ciao, quindi sarebbe lo stesso valore con cui si calcola l'IMU?
     
  6. Il notaio conosce bene (si presume) come calcolare le imposte di registro, catastale ed ipotecaria.

    Assunta la base imponibile, cioè la catastale rivalutata, il notaio ti dirà le percentuali
    di tale base imponibile da versare (subito a lui in sede di rogito) nel vostro caso.
    Esempio, se pertinenze ( le cantine ) di prima casa, ritengo siano applicabili le deduzioni relative.

    Ma nella divisione di eredità ci sono anche gli appartamenti ? Se si, il criterio sarebbe analogo.
     
  7. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    No, gli appartamenti sono già divisi avendo fatto mia madre una donazione di un appartamento a testa...quindi solo per le cantine, dobbiamo fare l'atto.

    Scusa ma la rendita catastale rivalutata, significa moltiplicarla per 168 (come ha fatto il mio commercialista per avere l'imponibile sul quale calcolare l'IMU)?
     
  8. Ciao cooks,

    la legge 214/2011 ha modificato i coefficienti di rivalutazione delle rendite catastali solo ai fini del calcolo IMU. Per le altre imposte (comprese quelle di compravendita, etc.) si continuano ad usare i vecchi moltiplicatori. Quindi per la C6 :

    rendita catastale non rivalutata x 126 (moltiplicatore globale).

    Quindi : 488,05 x 126.

    Il valore va indicato in atto (per un notaio è routine).

    Come ho accennato nel mio primo post, chiederei al notaio : quali percentuali intenda applicare per l'imposte di registro, catastale ed ipotecaria. Basta una telefonata al notaio, tanto per essere sicuri su qualche interpretazione.

    Si tratta di cantine abbastanza grandi (75 m2 e con rendita conseguente).
     
  9. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    No i coefficienti IMU sono diversi da quelli per il calcolo delle imposte.
    Dalla descrizione mi sembrano 2 pertinenze quindi moltiplichi la rendita per 105 e la rivaluti del 10%
     
  10. Infatti Umberto concordo con te e ho citato nel mio post le eventuali agevolazioni prima casa, ma cooks non ha precisato.
    La madre ha donato in vita gli appartamenti ma non le pertinenze. E' possibile ?
    Ora le pertinenze sono andate in successione. Verrebbero riunite alle "prime case".
    Se così, bene, ci sono le agevolazioni prima casa.

    Ma le cantine non dovrebbero essere C2 ?
    Una cantina di 75 m2 può essere pertinenziale ?
     
  11. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    sono accatastate per conto loro quindi è possibile.
    L'atto di divisione ha una tassazione diversa dalla compravendita 'pura' se nn ricordo male.
     
  12. Sto vivendo una controversia giudiziale sulla divisione, giudiziale pure essa, della eredità dei miei genitori ( ho già una sentenza a mio favore ).
    Per questo chiedevo a cooks di informarsi, presso il notaio, quali percentuali del valore catastale applicherà nell'atto di divisione.
    La divisione senza conguagli ( e qui le C/6 sono di pari valore ) ha queste imposte :
    -registro 1%
    -ipotecaria e catastale euro 168+168.

    Le imposte di "cessioni" ( fra cui compravendita e divisioni ereditarie con conguagli in denaro ) le conosci meglio di me e, mi sembrano, estranee alla discussione.

    Come in tutte le norme italiane, nascono poi interpretazioni varie, tant'è che le varie Sezioni della cassazione, il consiglio di Stato, gli uffici territoriali dell'Agenzia delle Entrate, etc. formulano in continuazione decisioni anche contraddittorie.
     
  13. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    :ok:
     
  14. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Si mia madre ci ha donato gli appartamenti, veramente anche LA cantina ma non era divisa e quindi ce la donata in comproprietà, recentemente abbiamo provveduto (o meglio dobbiamo ancora chiudere la pratica al comune ma è questione di giorni) al frazionamento in due unità immobiliari proprio per fare l'atto.
    Prima era un unico c/6, non so perché non c/2, cosa cambia?

    Quindi alla luce di questo chiarimento la rendita catastale per cosa la devo moltiplicare ed eventualmente queste agevolazioni come si calcolerebbero?
     
  15. Perdonami cooks, finalmente ci hai dato un quadro quasi definitivo, ma granducato ed io abbiamo già risposto :

    - se sono/diventano pertinenze dell'appartamento sovrastante prima casa :

    488,05 x 105 x 110 = 488 x 115,50 ( vedi post Granducato precedente )

    -se non sono/non possono diventare pertinenze o l'appartamento non è prima casa:

    488,05 x 105 x 120 = 488,05 x 126 ( vedi mio post precedente )


    Riguardo la tua domanda C/6 e C/2, era velatamente inclusa nel mio commento quando commento che si tratta di cantine (che invece C/6 è per autorimesse, stalle etc.) molto grandi : 75 mq.

    La pertinenzialità di un immobile è un criterio a discrezione dei comuni, generalmente citato nei regolamenti comunali.

    Temo che potrebbero sollevare obiezioni a riconoscere il criterio di pertinenzialità a causa delle dimensioni, a meno che l'appartamento soprastante non sia molto grande.

    Per esempio, in alcuni comuni potrebbero dire, nel caso C/6 : ma quante automobili hanno in questa casa ? Non sarà che questo locale ha altri usi ?

    Il tecnico che ti sta facendo il frazionamento, ti ha detto qualcosa al riguardo ?

    Quindi esistono, a mio parere, dei dati che tu non ci hai mai fornito :

    -prima casa
    -pertinenza

    Quando le cantine/autorimesse erano di tua madre, erano accatastate come pertinenze ?

    Credo che adesso hai tutti gli elementi e con piacere resto a tua disposizione per continuare la discussione. Ciao
     
  16. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    quindi non è una divisione, ma un frazionamento con relativa vendita (o donazione reciproca).
    Dovrebbero essere pertinenze quindi rendita rivalutata del 10%
     
  17. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Allora Valerio, intanto grazie per le delucidazioni ..noi li usiamo come pertinenze della prima casa, ognuno ci mette la sua auto, vecchi mobili, bauli ect..gli appartamenti sovrastanti sono più o meno grandi come i due c/6, il commercialista le ha calcolate come pertinenze.. non mi ha detto nulla l'ingegnere che sta curando la pratica...infatti non sapevo che della differenza tra c/6 e c/2.

    Grazie granducato, ho aperto il topic perché ero preoccupato che la rivalutazione IMU valesse anche per questo atto, ma fortunatamente non è così.

    Una domanda, ma se come mi risulta, essere pertinenze delle due abitazioni, ci potrebbero essere delle agevolazioni??
     
  18. L'agevolazione pertinenza prima casa è appunto la maggiorazione della rendita solo del 10% invece che del 20%. Quindi paghi una imposta di registro su una rendita catastale rivalutata più bassa.

    Io ritorno un attimo al fatto che "il commercialista le ha calcolate come pertinenze".
    Ma è questa la lora reale situazione ?

    La materia catastale non è di mia conoscenza, ma ti confermo che alcuni comuni non accettano pertinenze grandi come l'appartamento.

    Poi nel tuo caso, con il C/6 sarebbe una autorimessa grandina per una casa della stessa dimensione. Tutto ciò in teoria, ma, se nessuno controlla, va bene.
     
  19. cooks

    cooks Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Sì, proprio così...
     
  20. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Rogiti con il 3% (pertinenza prima casa) sulla rendita rivalutata del 10%
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina