1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ciao a tutti,
    mi sorge un dubbio, e vorrei chiedere aiuto a chi ha effettivamente avuto un caso analogo o sa per certo come comportarsi. Il solo buon senso non ci sarà di molto aiuto, purtroppo...

    A e B firmano un preliminare al prezzo convenuto di x euro. Il contratto viene ovviamente registrato. Per varie ragioni, al momento assolutamente ininfluenti ai fini del caso specifico, si accordano per un altro prezzo (supponiamo che sia più alto, ma anche il contrario, non dovrebbe cambiare le carte in tavola, salvo far pensare al fisco di un accordo sottobanco). Bene, se il nuovo prezzo rinegoziato è x+y, è sufficiente fare una scrittura integrativa privata?

    E' corretto chiamarla scrittura integrativa? In effetti non integra, ma cambia. Ovviamente il problema non è nel termine identificativo della scrittura, ma nella sostanza. Posso cambiare una clausola del contratto? Io direi di si. Tutti d'accordo?

    Ora, questo foglio "integrativo" o "aggiuntivo", che diventerà allegato del contratto, al quale si richiamerà, va registrato a sua volta? Soliti 168 €?

    In effetti, per quanto strano, il caso potrebbe essere ancora più frequente se si addiviene ad un nuovo prezzo x-y, giustificato dal motivo che l'acquirente si è accorto di alcune "mancanze" ed il venditore, dati i tempi, preferisce rinegoziare il preliminare piuttosto che avere noie.

    O qualcuno ha cambiato il prezzo poi al rogito, per evitare di registrare anche l'aggiunta? Ma non mi sembra molto regolare...
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non mi è mai capitato, ma probabilmente, nel caso del prezzo diverso (soprattutto al ribasso che è quello che incuriosirebbe il fisco) penso che farei un'integrazione al contratto - tipo una transazione - spiegando i motivi del cambiamento...

    O forse andrei al nostro Ufficio delle Entrate a sentire cosa vogliono, visto che non si sa mai come possono prendere le cose...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina