1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. tonihook

    tonihook Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti i membri del forum, volevo fare una domanda e spero , anzi sono certo , che qualcuno mi possa delucidare. Mio nonno mi ha fatto una procura per vendere il suo appartamento, lui è molto anziano e ha due figli maschi (uno è mio padre e l'altro è mio zio) con i quali sia io che lui non andiamo d'accordo e che l'hanno totalmente abbandonato a se stesso e se non fosse per me non so..... dico questo giusto per chiarire il quadro.
    Fatto sta che io avrei trovato anche un acquirente ma adesso mi chiedo: se io dovessi vendere l'appartamento e mio nonno dovesse 'girarmi' parte dei soldi , perché vorrebbe aiutarmi ad aprire un' attività, mio padre e mio zio (che attualmente sono all' oscuro di tutto) possono anche un domani intentare una causa contro di me per la loro legittima?
    Grazie a tutti anticipatamente !!
     
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Devi recuperare un notaio che venga a far firmare la procura a tuo nonno.

    Per maggiore sicurezza dovresti farti rilasciare un certificato medico di un dottore che attesti la capacità di intendere e di volere di tuo nonno.

    Non è obbligatorio.

    Se questo notaio, che si reca a casa del nonno, a fargli firmare lo strumento procura, ritenendolo in grado di prendere quella decisione, "raccogliendo" la firma, anche in assenza di certificato medico, la procura speciale a vendere sarà valida ad ogni effetto di legge.

    Ricadendo nella fattispecie degli atti "inter vivos".

    Allo stesso modo, seppur in presenza di certificato medico, se il notaio, vedendo le condizioni "igienico mentali" dell'anziano, ritiene che siano necessari con la loro presenza, ciascun figlio, quindi tuo padre, tuo zio (e chissà chi altri), allora il notaio girerà i tacchi e se ne andrà senza nulla far firmare.

    A quel punto se non ritieni opportuno che zio, padre e o altri figli siano presenti e o informati della tua "manovra", dovrai cambiare notaio e riprovare con un altro notaio, a farti conferire il titolo di vendita.

    Quindi, tanto dipende dal giudizio, ma anche dall'etica del notaio incaricato.

    Per il resto, fossi in te, nei futuri rapporti che vi saranno tra te, tuo zio e tuo padre, non mi preoccuperei più di tanto della legittima, ma di ben altro..
     
    Ultima modifica: 21 Dicembre 2015
    A specialist piace questo elemento.
  3. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Da come scrive io ho capito che la procura e' già stata conferita.

    La sua preoccupazione adesso riguarda la probabile donazione indiretta che il nonno farebbe a lui subito dopo la vendita.

    Sempre meglio di una donazione di immobile ma volendo qualche grattacapo in teoria potrebbe procurare ma non sono esperto in successioni e lasciò la parola ad altri.
     
    A tonihook, ab.qualcosa e CheCasa! piace questo elemento.
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Micio micio

    Se siamo in regime "inter vivos",

    - quindi al di fuori di qualsiasi ambito di successione (e per quel senso facciamo le corna) -

    il nonno può fare ciò che vuole.

    Incassa il saldo prezzo e una volta che i quattrini sono liquidi sul suo conto, può emettere ogni sorta di assegno, disporre bonifico, rid e ogni strumento efficace, valido ed esistente per destinare provviste in favore di questo o quel soggetto.
     
    Ultima modifica: 21 Dicembre 2015
    A tonihook piace questo elemento.
  5. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Pyer certo che e' cosi', sono d'accordo.

    Finche' uno e' in vita, puo' fare dei suoi beni, soldi compresi, cio' che vuole.
    Anche spenderli tutti al bingo o con Ramona la rossa. O regalarli al nipote.
    No problem.

    La preoccupazione del nostro amico e' pero' un'altra.

    "Se adesso il nonno mi regala xxmilaeuro (chiamasi quindi donazione indiretta) tra cento anni, gli eredi legittimi potrebbero farmi problemi?"

    Premetto nuovamente che non ho io la risposta completa al quesito.

    Anche perche' non conosco gli altri possedimenti del nonno e soprattutto non prevedo il futuro per sapere quali beni avra'/non avra' tra mille anni alla sua dipartita.


    Ma se un erede dovesse scoprire (perche' deve pur scoprirla) questo passaggio di soldi a me, potra' rivendicare qualcosa?

    Ecco, a mio avviso, il dubbio sussiste.

    E non sottovaluterei nemmeno eventuali e piu' attuali curiosita' della Agenzia delle Entrate verso il nipote. Vedi qui per esempio:

    Se il padre regala soldi al figlio si pagano le tasse?
     
    A CheCasa! e Avv Luigi Polidoro piace questo messaggio.
  6. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se gli passa il denaro un po' alla volta il rischio è pari a zero (0).
     
    A tonihook e PyerSilvio piace questo messaggio.
  7. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Perchè indiretta?!? se il nonno regalasse xxmilaeuro la donazione sarebbe diretta...

    Smoker
     
    A CheCasa! piace questo elemento.
  8. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Hai ragione Smoker, mi confondevo con il caso in cui il denaro serve ad acquistare un immobile, chiedo venia, leggasi "donazione" e non "donazione indiretta" nel mio post.
     
  9. tonihook

    tonihook Membro Junior

    Privato Cittadino
    Scusa PyerSilvio non capisco a cosa ti riferisca in questo passaggio e giusto per correttezza e per avere un quadro più chiaro, mio nonno è capacissimo di intendere e volere e deambula tranquillamente.
    la mia "preoccupazione" nasce dal fatto che mio nonno è proprietario di questo solo immobile e se i figli lo sapessero in vendita si precipiterebbero e agirebbero legalmente se ci fossero i presupposti, visto che hanno già provato a fregarlo in altri modi.
    Grazie.
     
    Ultima modifica: 22 Dicembre 2015
  10. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se hai già la procura firmata dal notaio sei a posto, gli altri non possono più interferire. Vendi comunque l'appartamento il più presto possibile, incassa e versa i soldi a tuo nonno, che saprà ricompensarti adeguatamente.
     
    A tonihook e miciogatto piace questo messaggio.
  11. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    L'unica arma a disposizione dei figli, se sapessero delle intenzioni, sarebbe soltanto la persuasione e non la legge.

    Tuo nonno puo' vendere quando vuole e a chi vuole. Ugualmente puoi fare tu, al suo posto, visto che hai gia' procura notarile.
     
    A tonihook piace questo elemento.
  12. Giuseppe Di Massa

    Giuseppe Di Massa Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Potenzialmente si, benchè vendere sia un atto tra vivi che tuo nonno può affidarti, se ti regalasse una somma ingente gli eredi, al momento del decesso di tuo nonno, potrebbero ritenere lesa la loro "legittima". Ma solo se la donazione fosse molto alta ed ingiustificabile.
    E' una questione quantitativa e di buon senso.
     
    A tonihook piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina