1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sarda81

    sarda81 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao ragazzi! Spero di scrivere nella sezione giusta...
    Vorrei chiedervi unchiarimento:
    Avendo venduto in terreno della stessa proprietà diviso in 2 lotti a 2 persone diverse,
    ( il terreno non e da frazionare in quanto era già diviso in piu particelle)
    Vorrei sapere se spetta per legge ai proprietari delimitare fisicamente (ad esempio con dei picchetti) il confine tra le parti di terreno dei 2 diversi acquirenti, o se devono solo fornire la mappa dove il confine e segnato e poi a stabilire l esatto confine dovranno essere gli acquirenti incaricando un tecnico?
     
  2. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Spesso negli atti di vendita c'è la formula tra confini ben noti alle parti. Ovviamente se i confini non sono ben noti ad una delle parti (acquirente) questa ha ben motivo di chiedere che il venditore li evidenzi/apponga poichè un eventuale contenzioso sia a suo carico e non dell'aspirante acquirente. Chi vende deve garantire chi acquista e non il contrario.
     
    A francesca7, CheCasa! e ingelman piace questo elemento.
  3. sarda81

    sarda81 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie pinacio, i confini sono ben delimitati per 3 lati, purtroppo non sappiamo esattamente quale e il confine centrale ovvero tra le le sud porzioni dei 2 acquirenti..
    Ignorantemente pensavo fosse piu semplice riuscire a misurare e ad identificare il cobfine tramite le mappe catastali... Ma purtroppo mi spiegava un tecnivo che non e così semplice..
    Quindi in sostanza se gli acquirenti lo richiederanno i proprietari saranno obbligati a picchettare il terreno sul confine giusto?
     
  4. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Le mappe catastali sono l'ultima tra le prove per definire un confine, poichè lo stato di fatto prevale fino a dimostrazione del contrario. Tradotto, se ci sono siepi, filari alberati, muretti o reti di recinzione, si suppone che quello sia il confine e chi nonè daccordo perchè dimostra che questo si discosta dalle mappe catastali deve dimostrare che la situazione è relativamente recente e non ha formato un diritto per usocapione. Se non ci sono elementi di questo tipo, trovare la dividente con le mappe catastali è un operazione che può essere semplicissima come no. Un tecnico topografo può rilevare i punti di confine esistenti e visibili, elaborare una planimetria e sovrapporla a quella catastale; se corrisponde appone i termini altrimenti cerca la soluzione tecnica più corretta e la propone ai confinanti che possono convenire come no ma in questo caso rimane solo la possibilità di chiedere all'autorità giudiziaria, costituendosi con un legale ciascuno, di provvedere. Il giudice nomina un Consulente Tecnico di Ufficio e ognuna delle parti può nominare un proprio Tecnico, appunto chiamato di parte e così inn tempi lunghi e con consistenti spese si arriva a ciò cui si poteva arrivare con un pò di buon senso. Resta il fatto che queste incombenze dovrebbero essere a carico del venditore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina