1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Dopo l'eruzione del 1944, il Vesuvio è in fase di quiescenza. Tale periodo di riposo, in base alla descrizione del ciclo sopra descritta, appare atipico, per cui la ripresa dell'attività eruttiva pare fortemente in ritardo. Per questo, si ritiene che il Vesuvio sia uscito dal tipo di attività studiato. Per qualche motivo ancora ignoto, il condotto (praticamente sempre aperto dal 1631) dev'essersi
    ostruito in profondità, o devono essersi svuotate le "sacche" di magma che alimentavano l'attività ciclica, per cui il vulcano è tornato all'apparenza inerte, come doveva essere prima del 1631. Nel 1987, l'AGIP effettuò una trivellazione su un fianco del Vesuvio per cercare di convertirne il calore interno in energia elettrica: nonostante lo scavo sia arrivato al di sotto del basamento, non si trovò calore. Nel 2001, invece, una ricerca condotta dalle Università di Napoli e di Nizza, e i cui risultati sono stati pubblicati su Science, ha permesso di accertare che a una profondità di circa otto chilometri sotto la superficie è presente un accumulo di magma che si estende per circa quattrocento chilometri quadrati, dal centro del golfo di Napoli fino quasi ai contrafforti preappenninici. Per via di ciò, è lecito aspettarsi segnali di una ripresa dell'attività in qualunque momento: quindi, il Vesuvio è strettamente monitorato.
     
    A Bagudi, studiopci e Antonello piace questo elemento.
  2. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Le lave basiche, relativamente povere di silice (<52%) e gas, sono molto calde (1000-1200°C) e fluide, per cui si espandono facilmente formando estese colate. La lava pahoehoe (in hawaiano: ci si può camminare sopra a piedi nudi) , tipica dei vulcani hawaiani, si forma quando è molto fluida e si presenta con superfici ondulate e molto levigate, dovute al corrugamento della pellicola superficiale già consolidata mentre sotto continua a scorrere la lava. Se la lava, solida ma ancora plastica, è trascinata da quella sottostante, si arriccia in pieghe e forma la lava a corde.
     
    A studiopci e Antonello piace questo messaggio.
  3. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Il Popocatépetl (5.452 metri), è un vulcano in attività, situato nella regione di Puebla, in Messico. Il vulcano si trova a 70 km a sudest di Città del Messico e solo 45 km a ovest della città di Puebla. Il suo nome, che in lingua nahuatl significa "montagna (tepētl) che emette vapore (popōca)", è dovuto alla sua continua attività, fin dai tempi dell'epoca precolombiana.
    Il Popocatépetl ha una forma conica simmetrica, con ghiacciai perenni vicino al cratere, sulla cima della montagna. È il secondo vulcano più alto del Messico, con un'altezza massima di 5.465 metri sul livello del mare, secondo solamente ai 5.700 metri del Citlaltépetl (o "Pico de Orizaba")
     
    A studiopci e Antonello piace questo messaggio.
  4. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Queste particolari forme, dette blocchi sferoidali (assimilabili ai più noti tor) sono, secondo l'ipotesi più nota, legati a cicli di alterazione/erosione. I Devils Marbles, in Australia.
     
    A studiopci e Antonello piace questo messaggio.
  5. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Gli Scienziati ora pensano che sia una azione combinata di vento e ghiaccio a far muovere queste rocce nella Death valley. Infatti quando c'è abbastanza acqua da far impregnare la secca argilla del terreno e le temperature vanno sotto zero, si formano piccoli cristalli di ghiaccio che rendono la superficie scivolosa. I forti venti riescono quindi a spostarle per alcuni metri.
     
    A studiopci e Antonello piace questo messaggio.
  6. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Il Grand Canyon è un'immensa gola creata dal fiume Colorado nell'Arizona settentrionale. È lungo 446 chilometri circa, profondo fino a 1.600 metri e con una larghezza variabile dai 500 metri ai 27 chilometri. Quasi due miliardi di anni della storia della Terra sono emersi alla luce grazie all'azione del Colorado e dei suoi affluenti, che in milioni di anni hanno eroso strato dopo strato di sedimenti, e grazie al sollevamento del Colorado Plateau.
     
    A studiopci e Antonello piace questo messaggio.
  7. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Il paesaggio-cartolina più famoso degli USA occidentali: la Monument Valley in Arizona. Queste guglie di arenaria che disseminano questa vasta pianura (un pianoro desertico di origine fluviale) in geomorfologia strutturale sono dette butte e possono avere degli outlier, dei testimoni di erosione selettiva.
     
    A studiopci e Antonello piace questo messaggio.
  8. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Qualcuno di voi l'avra sicuramente come sfondo del desktop.. il Coyote Buttes tra Utah e Arizona. Questa formazione arenitica è nota come "The wave", l'onda, antichissime dune di sabbia (Giurassico) che migravano sotto l'azione del vento.
     
    A Bagudi, studiopci e Antonello piace questo elemento.
  9. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Tipologia di alveo meandriforme,tipico esempio di morfologia fluviale.
     
    A Antonello piace questo elemento.
  10. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Il Dun Briste (in gaelico, il "forte rotto"), un singolare pezzo di scogliera rimasto isolato in mezzo al mare. La leggenda vuole che in questo sperone di roccia si fosse rifugiato quando ancora era tutt'uno col resto della costa un re pagano di nome Crom Dubh che rifiutava la conversione al Cristianesimo ad opera di San Patrizio. Dopo vani tentativi il Santo patrono d'Irlanda avrebbe toccato terr
    a col bastone facendo crollare parte del promontorio e lasciando a morire da solo sul Dun Briste il re disobbediente.
    Leggenda a parte cronache di secoli fa asseriscono con certezza che fino al 1393 lo sperone di roccia fosse attaccato alla terraferma, e che in quell'anno parte della scogliera non resse più all'incessante forza dell'Oceano Atlantico e crollò. Rappresenta quindi un bell'esempio di "testimone d'erosione".
     
    A Antonello piace questo elemento.
  11. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Le Bianche scogliere di Dover, immortalate da poeti e da cantanti, si affacciano sul Canale della Manica. Il punto più stretto del canale si trova a South Foreland a 6 chilometri da Dover nella Contea del Kent. Si crede che il Canale sia stato creato per erosione del mare. In un tempo molto remoto, esisteva una immensa foresta fra la sponda dell'isola britannica ed il Continente Europa. La dimostr
    azione di quanto asserito è la scogliera bianca, identica a quella di Dover, esistente vicino a Calais in Francia. Queste scogliere sono composte da un calcare a tessitura molto fine, composto principalmente da una specie fossile di protozoi appartenente alla classe Granuloreticulosea i cui maggiori rappresentanti sono i foraminiferi. I foraminiferi sono una gruppo di amebe marine che secernono un guscio calcareo, la morte e quindi la deposizione sui fondali marini di tali organismi ha permesso nel corso di millenni la formazione di tali scogliere. I segni dell'erosione sono ben visibili sia sulle Bianche scogliere di Dover che su quelle di Cap Gris Nez in Francia.
     
    A Antonello piace questo elemento.
  12. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Le areniti multicolori delle Danxia Landform, per la loro peculiarità geomorfologica sono entrate a far parte come bene seriale della lista UNESCO dei patrimoni dell'umanità.
     
  13. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Ischigualasto è una formazione geologica, cui è associato un omonimo parco naturale, che si trova nella provincia argentina di San Juan, nella parte nord-occidentale del paese, vicina al confine con il Cile. Ischigualasto è un nome di origine quechua che significa il luogo ove tramonta la luna. La formazione geologica Ischigualasto contiene depositi del periodo Carnico, appartenente all'epoca geologica del Triassico (230 milioni di anni fa), con resti dei più antichi dinosauri conosciuti; questi fossili sono tra i più importanti del mondo per quanto riguarda numero, qualità ed importanza. Questo è l'unico posto nel mondo ove quasi tutto il Triassico è rappresentato in una sequenza indisturbata di depositi rocciosi. Questo è di grande aiuto per lo studio della transizione fra i dinosauri e gli antichi mammiferi. Le terre aride che circondano la formazione Ischigualasto sono conosciute come Valle della Luna a causa del loro aspetto aspro, lunare appunto. Nel Carnico questa era una pianura alluvionale vulcanicamente attiva, dominata da fiumi e con forti piogge stagionali. Tronchi pietrificati di Protojuniperoxylon ischigualastianus di oltre 40 metri d'altezza testimoniano che in quell'epoca vi era una ricca vegetazione. Nel 1958, quando il dottor Alfred Sherwood Romer (un esperto in antichi mammiferi dell'Università di Harvard) scoprì, durante una spedizione, la ricchezza dei giacimenti di fossili, nel suo diario egli scrisse: "È il piacere di ogni paleontologo alzarsi presto la mattina, lasciare la tenda e trovarsi immerso nel più straordinario cimitero di fossili che si possa immaginare."
     
    A Maurizio Massimo piace questo elemento.
  14. Maurizio Massimo

    Maurizio Massimo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie Antonio delle belle immagini!!
     
  15. EnCa78

    EnCa78 Ospite

    Per quanto riguarda il Vesuvio (che nell'immagine del mio profilo, giganteggia sullo sfondo, padrone del Golfo), benchè spesso si ode qualche birichino esortarlo a lavare noi partenopei con il suo caldo magma, non ti nego caro Antonio che, dopo aver letto il tuo primo post, mi è venuto spontaneo un moto delle mie tremolanti mani verso i miei Paesi Bassi;)
     
  16. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Le acque del Kliluk diventano maculate nel periodo fra giugno e settembre regalando uno spettacolo mozzafiato, in questo periodo il caldo fa evaporare l’acqua che, abbassandosi di livello, fa si che si possano creare diverse piscine colorate in cui si raccolgono i minerali, dando vita allo spettacolo del lago maculato.
     
    A Antonello piace questo elemento.
  17. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Il lago Crater (in inglese Crater Lake) è un lago di origine vulcanica situato nello stato dell'Oregon negli USA. Si tratta di un lago nato dallo sprofondamento di una caldera vulcanica. Una caldera è un'ampia depressione, di forma grosso modo circolare, che solitamente si forma su un edificio vulcanico, dopo un'imponente eruzione vulcanica. Con i suoi 594 metri di profondità è il lago più profondo degli Stati Uniti.
     
  18. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Un dicco è, in geologia, un corpo roccioso, costituito da un'intrusione di origine ignea, generalmente ad andamento prossimo al verticale, in una fessura tra gli strati (intrusione discordante) di rocce sedimentarie; successive deformazioni tettoniche possono orientare diversamente il dicco. La struttura delle rocce risultanti dai dicchi è faneritica (cristalli di piccole dimensioni non olocristallini), derivante dal raffreddamento avvenuto alla superficie terrestre, relativamente più rapido rispetto a quello avvenuto all'interno di una camera magmatica.
     
  19. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    Le isole Diomede sono due isole rocciose situate nel bel mezzo dello Stretto di Bering, fra l'Alaska e l'estremo oriente della Russia.

    Infatti nello strettissimo braccio di mare (circa 3 km) che le separa, passa la linea di confine tra due superpotenze: il confine convenzionale tra USA e Russia. Tra le due isole passa la linea di cambiamento di data (Grande Diomede: UTC+12, Piccola Diomede: UTC-9)
    . Quindi le due isole a 3 km una dall'altra sono divise da 21 ore di differenza di fuso orario (circa un giorno), la massima differenza di fuso tra due isole così vicine. Questa particolarità comporta diverse curiose implicazioni. Nel lungo periodo invernale in cui i ghiacci le uniscono è possibile attraversare questa linea a piedi e ritrovarsi, alla stessa ora del giorno prima (andando da quella ovest a quella est) oppure andare direttamente al domani facendo il percorso inverso
     
  20. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    [​IMG]

    L'isola vulcanica di Jeju, in Corea del Sud, insieme ai suoi famosi tunnel lavici, è patrimonio dell'umanità Unesco. L'attività vulcanica di Jeju iniziò approssimativamente nel Cretacico e proseguì fino all'inizio del Cenozoico. L'ultima eruzione registrata è avvenuta 800 anni fa.
     
    A Antonello piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina