1. Benvenuti su immobilio.it!

    Stai navigando nella nostra community come Ospite. Unisciti a migliaia di persone che si sono già iscritte!

    Avere un account su immobilio.it è gratuito a vita e ti permetterà di aggiornarti, informarti e trovare soluzioni, in modo piacevole e semplice.

    immobilio è il primo forum italiano per privati, imprese e professionisti del settore immobiliare.

    Crea il tuo Account oggi, è Gratis per Sempre!

l'immagine è stata rimossa.
L'indirizzo internet è stato criptato.
L'indirizzo e-mail è stato criptato.
Il media è stato rimosso.
  1. sgatti964

    sgatti964 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Vado in vacanza in un appartamento, che mi viene affittato da un privato (anche io che vado in vacanza sono un privato).Ho prenotato per due settimane inviando una caparra confirmatoria tramite Bonifico Bancario. Il saldo avverrà consegnando un Assegno Bancario non traseferibile,il giorno del mio arrivo sul posto di villeggiatura.
    Ho informato l'affittuario, di rilasciarmi cortesemente una Ricevuta di Pagamento del totale complessivo pagato, contenente i suoi dati, i miei, l'indicazione del periodo durante il quale l'immobile viene concesso in affitto.
    Risposta data: " essendo un appartamento privato non sono autorizzato a rilasciare fattura ".
    D'accordo, ho precisato se l'affittuario fosse una società immobiliare dovrà rilasciare fattura. Nel Suo caso la Fattura no,ma un privato se richiesto deve rilasciare una ricevuta.
    Domande:
    1) Cosa fare nel caso si ostinasse a non rilasciare nulla?
    2) Nel caso di Ricevuta AUTOCOPIANTE, devo mettere la Marca da Bollo sull'originale di euro 1,81?
    Come stanno esattamente le cose?
    3) Nel caso debba applicare la Marca da Bollo sull'originale, la stessa lo trattengo io?


    Preciso che negli anni passati, in altri posti dove mi sono recato mi hanno rilasciato la
    ricevuta ma senza applicare la Marca da Bollo.
    Attendo le Vostre risposte.
    Cordiali saluti.
  2. topcasa

    topcasa Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    la marca da bollo in una ricevuta si mette in ogni ricevuta superiore alle vecchie 150.000 lire, ed è a carico di chi paga. se è privato, deve solo farti una ricevuta se è autocopiante, l'originale lo dà a te e tu metti la marca, e la ricevuta senza marca la tiene lei con scritta bolli apposti sull'originale.
    A b62 piace questo elemento.
  3. b62

    b62 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ma oltre alla dovuta, e doverosa ricevuta, non dovrebbe avere anche un bel contratto scritto?

    Se non erro se ne era dibattuto un po di tempo fa sul forum, arrivando alla conclusione dell'obbligatorietà della forma scritta (oltre alla ricevuta ovviante).

    Riporto anche in link al sole 24 ore ove si conferma tale circostanza.
    http://www.espertorisponde.ilsole24...i-contratto-sempre-forma-scritta:20120521.php

    Saluti
  4. topcasa

    topcasa Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    direi che oggi la ricevuta basti, altrimenti dovresti anche sostenere costi di registrazione al 50% e bolli a tuo carico, anzi sei più tutelato tu, metti nella ricevuta i dovuti riferimenti all'immobile.
  5. b62

    b62 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ma se sotto i 30gg (nel caso si parla di 15gg) non c'è obbligo di registrazione perché parlare di bolli e registrazione? (escluso marca da bolo 14,62)

    Solo per capire, indipendentemente dalle italiche usanze, ma secondo te ci vuole la forma scritta o no?
    Nel link citato mi pareva che l'esperto fosse molto categorico riportando poi anche un battuta che diceva "Resta certo che buona parte delle locazioni turistiche, soprattutto quelle brevi e quelle stipulate direttamente dal proprietario, senza l'assistenza di un'agenzia immobiliare, sono, purtroppo, verbali. La sanzione della nullità del contratto spaventa poco, soprattutto chi affitta per una settimana o un mese: è davvero difficile immaginare a chi convenga ricorrere in Tribunale per l'accertamento di nullità"

    Saluti
  6. topcasa

    topcasa Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    la risposta l'hai data tu stesso, fatta la legge trovato l'inganno.
    A b62 piace questo elemento.
  7. sgatti964

    sgatti964 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Egregi signori,
    vi ringrazio molto per le risposte date, ma come posso dire, ci addentriamo in situazioni molto tecniche.

    Riepilogo.
    In passato quando ho prenotato in altre strutture private per trascorrere le mie vacanze con la famiglia, su mia richiesta fatta per email, hanno prodotto la Ricevuta semplice senza fare storie e a me stava bene così, anche perchè comunque la Caparra Confirmatoria è stata fatta anche in passato con Bonifico Bancario specificando la CAUSALE, mentre il Saldo al mio arrivo sul posto di villeggiatura l'ho faccio con Assegno Bancario NON TRASFERIBILE, e quindi vi è una tracciatura.
    Il punto è come nel caso di quest'anno se trovi quella persona che ti dice che non è obbligato a rilasciare FATTURA e/o Ricevuta in quanto privato e "se si è troppo fiscali" cosa fai visto che la CAPARRA l'ho già data, quando sarò sul posto torno a casa perchè questa persona si ostina a non volerla fare?
    Voglio solo essere tutelato anche in caso possano verificarsi controlli in futuro incrociati da parte della G.d.F.

    Cosa mi dite in proposito?

    Grazie, cordiali saluti.
  8. topcasa

    topcasa Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Ah però, la cosa cambia. Leggi qua.
    Contratti turistici vacanze estive regole

    definizione di contratto turistico.
    Non c'è una definizione precisa, ma per evitare controversie è bene indicare sempre le finalità del contratto, che può essere di "svago" o "utilizzo per il tempo libero."Confedilizia predispone modelli di contratti con nomi diversi.
    Ci spieghi come funziona il contratto turistico.
    "Il contratto di locazione transitoria per finalità turistiche non prevede l'applicazione delle locazioni ad uso abitativo, legge 431/98, ma è regolato dalle norme del codice civile. Questo fa si che ci sia una maggiore discrezionalità tra le parti con un unico vincolo: il contratto deve essere necessariamente redatto per iscritto, non può essere verbale, pena la nullità."
    Il contratto va registrato?
    "Deve essere registrato se la durata è superiore a 30 giorni. Non è necessaria la registrazione per i contratti di durata inferiore. Inoltre, se il locatore fitta l'appartamento a più persone, per brevi periodi, che nel complesso superano i 30 giorni, scatta l'obbligo di registrazione. Le spese relative alla registrazione del contratto vanno divise al 50% tra locatore e conduttore. I contratti non superiori a 30 giorni devono essere dichiarati alla voce "redditi occasionali"mentre per quelli di durata superiore alla voce "redditi di fabbricati".
    Quali sono i dati obbligatori del suddetto contratto?
    Innanzitutto i dati del proprietario e dell'affittuario, l'indirizzo dell'immobile, il piano a cui l'appartamento è posto e se c'è l'ascensore, il numero delle camere e i posti letto, l'importo del canone di affitto. Specificare quali spese sono incluse e quali escluse, le modalità e i termini di consegna e riconsegna delle chiavi e se è previsto il versamento della caparra.
    La caparra è obbligatoria?
    Dal punto di vista legale non è obbligatoria ma chiederla è una prassi. Questa può essere concordata liberamente e di solito è pari al 10% del canone. Esistono due tipologie di caparra: penitenziale, che si perde in caso di recesso anticipato, e confirmatoria che si perde comunque in caso di recesso ma dà diritto al locatore di richiedere il risarcimento danni. In alternativa il locatore può chiedere il pagamento del prezzo integrale.
    E la cauzione?
    La cauzione non è obbligatoria ma anche questa viene chiesta per prassi, di solito per i consumi o per gli eventuali danni riscontrati alla riconsegna dell'appartamento. Le parti sono libere di concordarla.
    Quali sono gli obblighi del conduttore?
    Gli obblighi sono quelli previsti dal codice civile ossia: servirsi dell'appartamento per gli usi previsti dal contratto, non arrecare danni e pagare regolarmente il canone di affitto che deve essere saldato al momento della consegna.
    E quelli del locatore?
    Se la locazione è superiore a 30 giorni il proprietario deve denunciare la presenza degli inquilini, entro 48 ore, all'Autorità locale di Pubblica Sicurezza o al Sindaco, compilando il "modulo di cessione" di fabbricato scaricabile dal sito della Polizia di Stato. Questo deve essere poi consegnato o inviato mediante lettera raccomandata. Se gli inquilini non fanno parte della Comunità Europea, la comunicazione deve avvenire 48 ore dopo la consegna dell'appartamento indipendentemente dalla durata del contratto e deve essere fatta mediante modelli da richiedere direttamente all'Autorità locale di Pubblica Sicurezza.
    Un consiglio ai locatori: nell'accordo è bene specificare che l'immobile è sprovvisto di servizi accessori (ricambio biancheria, riassetto abitazione) perchè altrimenti si rientrerebbe nell'attività alberghiera o di affittacamere. La biancheria può essere richiesta pagando un costo aggiuntivo, mentre la pulizia giornaliera non può essere mai richiesta.
    Il canone da versare alla consegna dell'appartamento può essere pagato in contanti?
    Le nuove regole sui movimenti di denaro proibiscono il pagamento in contante se si tratta di cifre superiori a 1000 euro. Fate attenzione però, perchè queste sono le regole generali che valgono a livello nazionale. Tuttavia potrebbero esserci discipline regionali parzialmente differenti, pertanto è sempre consigliabile, prima di partire, visitare i siti internet delle singole Regioni o rivolgersi alle APT.
    A b62 piace questo elemento.
  9. sgatti964

    sgatti964 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Egregio topcasa.
    Puoi darmi una risposta come dico io, come se stessi parlando ad un bambino di 6 anni ?
    La CAPARRA per prenotare l'appartamento per le vacanze (15 giorni) l'ho data con Bonifico Bancario specificando la causale. Il SALDO quando arrivo con Assegno Bancario NON TRASFERIBILE.
    Se chi mi affitta rifiuta di fare qualsiasi ricevuta che faccio?

    Grazie, cordiali saluti.
  10. topcasa

    topcasa Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    l'accettazzione dell'assegno a saldo ovvero quando lo andrà ad incassare si assimila a ricevuta, ma tu prima fatti dare la chiave entra, dopo che hai le chiavi chiedi la ricevuta prima di dare l'assegno se te la rifiuta chiama i carabinieri.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina