1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Mirkozero

    Mirkozero Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera a tutti,data la mia ignoranza in materia mi rivolgo al forum con la speranza di risolvere il mio quisito.
    Sono in procinto di aquistare e ristrutturare la villetta di mio suocer:shock:ggi parlando tra le altre cose,è venuto fuori che questa abitazione,dalla costruzione(circa 35 anni fa)non ha mai avuto il certificato di abitabilità.E fin qui penso non ci siano problemi,basta andare in comune,fare la richiesta,e dopo l'uscita di un tecnico,avro' la mia abitabilità...
    Ma qui mi è sorto un dubbio...misurando l'altezza del plafone al pavimento mi sono accorto che non avevo i 2,70!!!
    ma bensi' 2,68!!e visto che la mia intenzione era quella, in fase di ristrutturazione,di posare il nuovo pavimento sul vecchio,rubando così ancora un paio di centimetri,arriverò ad avere una quota di circa 2,66......!!!!!!!!
    ALLORA....la mia domanda è.....mi conviene richiedere l'uscita del tecnico,prima di ristrutturare,sperando che non venga con il metro lasere sorvolando i due centrimetri mancanti,o fregarmene, e procedere con i lavori incrociando le dita che per 4 cm non mi facciano rialzare tutto per abbassare il massetto???
    Spero di essere stato chiaro nel porvi il quisito...
    attendo vostre...
    Buona serata
    Mirko
     
  2. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    meglio richiederla prima, avrai più possibilità, molto probabile che non esca nessun tecnico.
     
  3. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ciao... io, aldilà dell'altezza (dichiarare 2.70 e avere 2.66 ml sarebbe ancora accettabile per la tolleranza 2%...), verificherei prima bene con un tuo tecnico di fiducia se l'abitabilità sia così semplice da ottenere (destinazioni locali, superfici, dotazioni urbanistiche certificazioni impianti etc...), anche perchè per presentare la richiesta di abitabilità un tecnico devi comunque incaricarlo. Poi il tecnico saprà diti anche che pratiche eventualmente presentare.
    -
     
  4. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Ciao, c'e' una discussione molto simile di pochi giorni fa:

    Altezza soffitto 2,68 | immobilio - Forum Immobiliare

    la sostanza e' che esistono delle tolleranze percentuali nelle misure e probabilmente potresti rientrare in questa tolleranza.

    Dico "probabilmente" perché non sono un tecnico e riferisco cio' che tecnici hanno riferito in quella discussione.

    Forse ti conviene sentire preventivamente un geometra/ingegnere/architetto del luogo.
     
  5. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    le tolleranze dovrebbero essere il 2%; il che ti consente di "starci dentro" anche considerando i nuovi pavimenti.
    se vuoi stare più tranquillo, magari prima chiedi l'abitabilità e poi metti i pavimenti...

    sempre nell'ipotesi che il tecnico del comune esca per il sopralluogo e si metta a misurare: ipotesi abbastanza remota.
     
  6. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Spesso e volentieri ho riscontrato (anche nella mia ex casa) soffitti a 2,69, 2,68 ecc., nessun problema, nemmeno quando abbiamo chiesto l'abitabilità.
     
  7. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    La tolleranza è al 1% sulle altezze e sulle dimensioni superiori a 2 metri ed inferiori a 6. Come detto in un post simile. Per quanto riguarda l'abitabilità chiedi parere ad un tecnico...premesso che non sia obbligatoria chiederla...potrebbero esserci problemi a rivenderla un domani. Se posso permettermi 265 cm in altezza sono un po' pochini
     
  8. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Voglio precisare, per evitare equivoci, di controllare il regolamento edilizio locale che si trova su internet del proprio comune. Le tolleranze possono cambiare.
    In alcuni comuni è definito a abitabile un locale che ha il volume totale uguale al prodotto di altezza minimax larghezza minima x lunghezza minima. Quindi potresti essere in regola anche con 2.65....chiedere ad un tecnico o leggere il regolamento edilizio??
     
  9. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Non è esatto, questa è tutt'al più una norma locale...
    La misura del parametro di tolleranza viene oggi formalmente stabilito dall'articolo 5, comma 2, lettera a, n. 5), della L. 106/2011. La norma, aggiungendo il comma 2-ter all'articolo 34 del testo unico dell'edilizia, dispone che «ai fini dell'applicazione del presente articolo, non si ha parziale difformità del titolo abilitativo in presenza di violazioni di altezza, distacchi, cubatura o superficie coperta che non eccedano per singola unità immobiliare il 2% delle misure progettuali»
    Quindi, dato che le normative statali devono essere recepite, 2.65 sono al limite ma vanno bene.
     
  10. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    fa fede il regolamento comunale e non il testo unico che citi Tu. Per cui ogni comune puo avere qualche differenza. Alcuni hanno il 2% ed altri praticano la tolleranza 0+ 0,5 sull'altezza.
     
  11. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Chiedo all'utente di sapere esattamente in che comune è ubicato l'immobile, al fine di poter dare una risposta precisa...e cmq non è detto che 265 non risulti abitabile perche ad esempio nel comune dove abito sono ammesse altezze inferiori a patto di non far variare il volume totale minimo .
     
  12. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    ...il T.U. che cito io è "solo" il Testo Unico per l'Edilizia.
    L'Emilia Romagna (da dove scrivo io) l'ha recepito e dispone che sia rispettato anche se i Comuni non aggiornano il regolamento edilizio.
    Poi siamo in Italia... ma mi piacerebbe vedere una sentenza su un'agibilità non data perchè un regolamento edilizio comunale dice 1% quando una norma nazionale dice 2!
     
  13. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Io sono del parere che il tecnico nemmeno verrà a controllare l'altezza e/o altro...quando ho fatto i lavori di ristrutturazione io demolendo massetti e intonaci nessuno mai è venuto a controllare cosa stesse succedendo. Detto ció, continuo a pensare che 2,66 siaNo pochini sopratutto se sono per tutto l'appartamento.
     
  14. Mirkozero

    Mirkozero Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie a tutti ragazzi per le vostre risposte,sono un po' sollevato,comunque il Comune dove è situata l'abitazione è Vimodrone provincia di Milano.Stefano 86 ma perché dici che 2 m e 66 sono un po' pochini cosa cambia da 2.70??
     
  15. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Io sono abituato a soffitti di 4 metri per cui anche ora che vivo in una casa che ha il soffitto a 3.2m mi sembrano assi.
    Leggendo il regolamento edilizio del tuo comune, loro fanno riferimento al testo unico. Siamo sicuri che la tolleranza del 2% si riferisca anche ai nuovi interventi e non a quelli da sanare perchè difformi? Io una telefonata al Sue del tuo comune la farei lo stesso...
     
  16. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Sì una telefonata non fa mai male ma la norma dice "titolo abilitativo", non sanatoria, nuovo intervento o cosa...
    Dai retta... 2.65 è ok.
    Poi chiudo qui.
     
  17. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Si, io non andrei proprio a mettere una pulce nell'orecchio al Comune...
     
    A eldic piace questo elemento.
  18. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    .

    davvero, perchè complicarsi la vita?
    facile che te l'abitabilità te la diano sulla fiducia o, alla peggio, sulla "svista".
     
  19. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Beh... su questo avrei qualcosa da puntualizzare.
    La "fiducia" o la "svista" sono sempre a carico del Tecnico incaricato dal proprietario che assevera, penalmente, la conformità dell'immobile agli strumenti urbanistici nella modulistica allegata alla richiesta di agibilità. Non siamo più negli anni 80, eh...
     
  20. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    anche quella della certificazione energetica; eppure non mi sembra che ci sia questa gran dedizione dell'esperirle... no?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina