1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera a tutti ho urgente bisogno d'aiuto da una persona qualificata che possa consigliarmi e indirizzarmi nel modo giusto. Sono socia di due società di costruzione che fino a pochi anni fa andavano bene. Per entrare ho dovuto versare dei soldi per acquistare il 10% di una e il 45% dell'altra che è molto più piccola. Ho dovuto accettare di firmare delle fidussioni a garanzia nelle banche per i prestiti e per i mutui che ci hanno concesso per poter lavorare. Non ho mai avuto un dividendo perchè dopo che sono entrata mi hanno detto che i primi soldi sarebbero arrivati con la vendita degli appartamenti e poi è arrivata la grande crisi e gli appartamenti sono rimasti invenduti. Attualmente abbiamo degli scoperti sostanziosi in banca e alcuni muti sugli appartamenti invenduti e la situazione si fà sempre più drastica perchè nn ci sono più i soldi per pagare gli scoperti e i muti e nessuno vuole acquistare gli immobili. Li stiamo offrendo a prezzi stracciati prima valevano 3500 euro al mq e ora li stiamo dando a 2500 euro al mq (al di sotto dei costi affrontati dalla ditta) pur di rientrare. Ma non si riesce a vendere. Ora ho scoperto che alcuni soci non hanno firmato le fidussioni e altri hanno venduto le loro proprietà a parenti e amici. L'unica aggredibile allo stato dei fatti sono io che ho una casa di proprietà al 50% con mio marito, dove abitano anche le mie figlie minorenni, 3 appartamentini ricevuti in eredità di cui possseggo solo la quota del 22% e il 30% delle quote di una società che possiede un immobile che come ricavi ha solo gli affitti circa 40.000,00 l'anno.Questi soldi di fatto sono miei ma nella realtà devo dividerli con 3 miei familiari, perchè mio padre nel cedermi le quote di questa società mi aveva fatto firmare una scrittura in cui mi impegnavo a dare i dividendi anche ai miei familiari. Sono disperata e sull'orlo della pazzia non posso perdere tutto anche perchè anche mio marito ha poco lavoro e ci troveremo tutti sulla strada. Attualmente tutti si sono tutelati senza dirmi niente e l'unica aggredibile sono io. Ogni soluzione che mi è stata consigliata sembra non percorribile per favore aiutatemi e fate presto.
     
  2. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Non so se fai ancora in tempo ma potresti costituire con tuo marito un "fondo patrimoniale" a favore dei figli in cui trasferisci gli immobili. Di più al momento non so dirti. E' campo di un buon commercialista o di notaio.
    Le società di che tipo sono ?
     
  3. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sono srl il commercialista dice che ancora per poco i beni copriranno i debiti poi a causa degli alti tassi il valore del debito sarà maggiore. Tutti mi dicono che il fondo è inutile perche revocabile......e non so più cosa fare.
     
  4. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Vorrei riflettere meglio. Tornerò in contato al più presto. Spero che altri intervengono in questa discussione.
     
    A topcasa piace questo elemento.
  5. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Siedeti al tavolo con le banche, organizza con un avvocato e commercialista un piano di rientro, le banche non vogliono case, vogliono contanti! Non preoccuparti ma organizza un serio piano di dismissioni degli immobili, e anche questo passerà :ok:
     
    A Tobia, Bagudi e H&F piace questo elemento.
  6. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il problema è che gli altri si sono messi i propri beni in salvo e l'amministratore e gli altri soci se ne fregano e mi dicono "..si prenda tutto la banca!!". Tra un po' i beni non copriranno più i mutui e lo scoperto richiesto perchè si andranno a sommare agli interessi che sugli scoperti sono dell'8%. Sono sola e non ho neanche tanta disponibilità economica per farmi aiutare da un bravo commercialista. Di quello della ditta non mi fido. Non vorrei essere ripetitiva ma vi prego datemi una dritta.
     
  7. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il piano di dismissioni degli immobili è stato fatto.....vendiamo al di sotto del prezzo reale e di molto .....ma non ci sono acquirenti la gente ha paura. Perchè pochi hanno i soldi per acquistare e i pochi che ce l'hanno vogliono fare l'affare ma questi acquisti insospettiscono perchè sono troppo un affare.
     
  8. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Mi viene in mente la richiesta di amministrazione controllata, che potrebbe riuscire a vendere i quanto autorizzato dal tribunale. Ciò potrebbe portare and un azzeramento del debito salvando il tuo patrimonio.
     
    A topcasa piace questo elemento.
  9. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    L'amministratore e gli altri non si vogliono muovere chi dovrebbe fare questa richiesta??? e nel contempo mi consigliate il fondo patrimoniale o una separazione da mio marito dove cedo la mia casa a lui oppure una vendita della mia casa a terzi estranei che si impegnano poi a rivendere a mio marito la mia parte in modo da salvare almeno la mia casa??? Scusate ma sento tante opinioni che si contraddicono l'una con l'altra che poi nella mia testa sparo di tutto.....forse cose anche senza senzo.
     
  10. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La vendita a terzi senza reale passaggio di danaro è da evitare.
    La separazione potrebbe portare ad un diritto di abitazione del coniuge e, quindi, potrebbe essere una strada da seguire, ma tu devi avere dove portare la tua residenza reale e non fittizia.
    Tuo marito ha qualche partecipazione societaria che potrebbe cederti in cambio della tua quota di casa ?

    L'amministrazione controllata dovrebbe chiederla l'amministratore od il consiglio di amministrazione.
    Potresti valutare anche un'azione di responsabilità dell'amministratore. E' vero che non ha nulla di propietà, ma se intervenisse il reato di bancarotta fraudolenta prenderebbe anche una condanna.
    Capisco il tuo stato d'animo, ma i consulenti servono : commercialista, bravo avvocato specializzati in diritto fallimentare.

    E' chiaro che ci siano tante opinioni, ma la realtà documentale non la conosciamo, nè le tue risorse anche di freddezza. Come ha detto Antonio Troise con le banche si può discutere, ma tu non hai il potere. Anche lo Stato ha forme di assistenza, ma non si può ipotizzare nulla senza conoscere la vostra situazione e chi deve muoversi è l'amministratore.

    Ecco perchè parlo di necessità di avvocato.

    Ora mi viene in mente che puoi cercare di cedere l'usufrutto di quanti più possibili immobili ai figli.
    Con tuo marito siete in separazione di beni ? Se si, la sua quota non può essere venduta e probabilmente nessuno comprerà all'asta la tua mezza casa.
     
    A La Capanna piace questo elemento.
  11. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No, io farei una vendita reale con passaggio di denaro, questa persona poi dovrà rivenderla a mio marito. Ma la seconda vendita fra quanto dovrà essere fatta?
    Io ho già spostato la mia residenza da 6 mesi, quando sono iniziate le prime discussioni con mio marito, ma di fatto sto sempre a casa perchè le bambine hanno bisogno di me e frequentano una scuola lontano dalla mia attuale residenza. Si mio marito ha una srl che non va molto bene però la società ha un appartamento di proprietà. Io inoltre ho dei debiti con mio marito perchè lui mi ha prestato del denaro per acquistare le quote societarie delle due società in sofferenza. Può essere una soluzione?? Se lui mi cede le sue quote societarie non possono poi aggredire le quote che mio marito mi ha dato? Non ho tanti mezzi economici per pagare questi professionisti e quelli che ho consultato mi hanno dato opinioni differenti e contrastanti. Come funziona con l'usufrutto mi spieghi meglio?? Si sono in separazione ma il problema è come ricomprare all'asta la mia parte se non ci sono i soldi! E poi mi hanno detto che ci sono tanti strozzini che partecipano a questo tipo di aste: acquistano la metà a poco prezzo e poi fanno in modo, esasperando l'altro proprietario che egli rivenda.
     
  12. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ci sono molti quesiti nello stesso intervento.
    Vedrò di esaminarli uno per uno.
    La partita principale è salvare la casa di famiglia.
    La vendita con reale passaggio di denaro l'avevo esclusa perchè tu mi hai detto che soldi non ne hai e non chiederei a qualcuno di metterci soldi veri in questo pandemonio.
    Il principio generale per evitare una revocatoria è vendere a prezzo di mercato.
    Quindi dovresti vendere a questo "amico" il tuo 50% ad un prezzo reale.
    Poi, ma non certo presto, questo tuo amico la rivenderebbe a tuo marito.
    Il giro è costoso.
    Inoltre la somma che tu riceveresti non può scomparire. Ci sono sentenze della Cassazione che colpiscono questo occultamento del danaro ricevuto.
    Non sono un giurista, ma ciò mi sembra possibile nel tuo caso.
    Troverei più adatta la cessione a tuo marito in restituzione dei prestiti che ti ha fatto se documentabili, aggiungendo la separazione dal coniuge, possibilmente giudiziale ( tempo permettendo ) assumendoti delle colpe per cui il giudice assegni a tuo marito la casa per viverci con le bambine. E tu madre "indegna" vai via.

    A questo punto la casa è tutta od in gran parte di tuo marito che avrebbe anche il diritto di abitazione con le figlie. Nessuno, per quanto strozzino, va a comprare una piccola percentuale di una casa ove vi è il diritto di abitazione a vita dell'ex-coniuge.
    Riguardo l'usufrutto è un diritto simile al diritto di abitazione, ma quest'ultimo mi sembra il migliore.
    Se la srl di tuo marito non avesse avuto l'immobile, era adatta ad una operazione di permuta delle sue quote con il tuo 50% per cento di casa.
    Vale a dire tu diventavi socia della srl ed in cambio cedevi a tuo marito la tua quota di casa.

    Per gli appartamentini hai delle quote piccole (22%) che non credo siano vendibili all'asta. Puoi tentare di vendere la quota ai condividenti.
    Per la societa che frutta 40.000, le strade sono poche : una vendita, ma il ricavato non può scomparire o una rivendicazione dai tuoi fratelli.

    Mi devi scusare, io sto scrivendo di getto pressato dalla tua comprensibile ansia di trovare una soluzione.

    Questi sono spunti, realistici, ma che vanno sviluppati dallo specialista.

    Poi tu sai cosa ti hanno proposto i vari consulenti e se vedi punti di contatto vuol dire che c'è speranza di trovare una strada giusta.
     
    A slucidi piace questo elemento.
  13. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio per la disponibilità sei gentilissimo. Ma che potrebbero farmi se faccio sparire il denaro della vendita? E se la vendessi ad un familiare sarebbe meglio? Ma sulla società che frutta i 40.000 euro l'anno per tutti i soci circa 15.000,00/16.000,00 per me che possono fare? Possono pignorarmi le quote e se si, fino a quando?Il diritto di abitaione e l'usufrutto dove dovrei applicarli??? Vendendo la quota degli appartamentini del valore di circa 110.000,0 qi condividenti non avrei lo stesso problema con il denaro?
     
  14. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La domanda sul danaro che sparisce è da avvocato, ma credo che non potrai farlo sparire, in quanto c'è la tracciabilità del danaro e non puoi ottenere in contanti la somma.
    Quindi i soldi andrebbero versati in banca e poi sarebbero sempre tracciabili. E' una operazione rischiosa sotto tutti i punti di vista.

    Io ti consiglierei di lavorare sulla cessione a tuo marito per pagamento debito o in diritto di abitazione quale padre con figli minorenni.

    Le quote vanno pignorate ( quelle dei 40.000 ) fino all'estinzione del debito.

    Gli appartamentini non li metterebbero all'asta, lascerei perdere.
     
  15. tozzo

    tozzo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Alcuni consulenti mi hanno proposto: fai le vendite fittizie e seppellisci il denaro......ma da quello che mi dici è rischioso occultare il denaro. Altri di separarmi da mio marito (ma poi non potrei vivere più vicino alle bambine??)......ma non sanno come giustificare l'intera cessione della quota dell'abitazione di mia proprietà. Il valore di casa mia è di circa 160.000 €, il debito con mio marito di circa 70.000 €. La srl di mio marito (di cui lui ha il 60%) ha un camion, un'auto e un'appartamento cedermi le quote che comporterebbe? Il ragioniere mi dice che vuole parlare con le banche per cercare di bloccare i mutui ( circa 230.000 € con una società e 260.000€ con l'altra, ma loro per fare questo vogliono rinegoziare il mutuo ad un tasso più alto, lo possono fare? Questi mutui sono coperti da 4 appartamenti il cui valore ancora per poco copre il mutuo. Poi c'è uno scoperto di conto di 850.000,00 con a garanzia una casa del valore di 1.200.000,00 che nessuno vuole comprare. Sapendo la nostra situazione tutti ci offrono circa 700.000,00/800.000€. Otre a due scoperti di conto,di circa 150.000€ l'uno. Scusa ma gli altri che hanno fatto le vendite fittizie dei loro appartamenti non rischiano come me??? Se io qualsiasi passo faccio vado incontro a tutti questi problemi gli altri non rischiano lo stesso?? E il Fondo lo consigli?? Scusami è tardi e non ti voglio assillare ...io la notte non dormo per l'agitazione ma voglio far dormire te. Domani vado dall'avvocato.....ti posso contattare se mi da qualche dritta per chiederti consiglio? Grazie.
     
  16. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La situazine non sarebbe disastrosa se vendeste qualcosa e l'amministrazione controllata forse salverebbe la ditta. ma è l'amministratore che deve muoversi, Tu puoi solo citarlo per la responsabilità di amministartore, ma questo non ha niente.
    Cosa hanno fatto dei soldi gli altri ? Se si sono mossi prima della completa tracciabilità dei soldi, li hanno fatti sparire. E chi sa quanto tempo fa si sono spolgliati di tutto.
    Adesso lo vedo impossibile. La sanzione è molto alta, ma quella non avendo soldi non puoi pagarla e non c'è più niente da pignorare.
    Il problema è che non puoi prelevare il contanti se non a cifre piccolissime e non puoi darlo a nessuno tramite banca.
     
  17. angelhouse

    angelhouse Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io ho avuto problemi con una srl, di cui ero solo socio, l'unica cosa per venirne fuori e dare incarico ad un avvocato, per farsi confermare dal giudice l'amministrazione controllata e di conseguenza la messa in liquidazione della società. A quel punto le tempistiche del liquidatore sono molto lunghe perchè deve organizzare rientri con le banche e gestire tutto il patrimonio, ovviamente anche quello da vendere, farà una serie di calcoli e considerazioni, anche incontri con voi soci, in questo tempo poi che intercorre, quando sarai psicologicamente più tranquilla, valuterai assieme ad un notaio come mettere al riapro il salvabile, auguri.
     
    A Tobia, H&F, Bagudi e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  18. slucidi

    slucidi Membro Attivo

    Altro Professionista
    Purtroppo è una situazione diffusa, incontro ogni settimana un'azienda nella stessa situazione in tutta Italia.

    Le vendite di immobili devono avere una tracciabilità (lo dice anche il notaio) pertanto, l'occultamento del ricavato è una cosa gravissima - si può ipotizzare un reato - pertanto, lo sconsiglio.
    Una scelta valida è quella di togliere valore agli immobili in modo da farli diventare meno interessanti per le banche e i possibili squali. Condivido i consigli di H&F.
    Personalmente agirei per gradi:
    1. La separazione possibilmente giudiziale è una strada ottima per lasciare il diritto di abitazione a tuo marito e le figlie. Questo non pregiudica che le potrai vedere e nessuno si mette a controllare dove dormi la notte.

    2. La tua quota di proprietà della casa probabilmente, non vale il 50% di una stima fatta da chissà quanto tempo, quindi anche se è una cosa un po forzata, potresti venderla a tuo marito in cambio del prestito che ti ha fatto (se documentato). Al limite potresti decidere di vendergli solo il 20-30% ... tanto anche se va all'asta tra due-tre anni il valore residuo, sicuramente sarà alla tua portata- abbi fiducia, potrai ricomprarlo.

    3. Per le quote degli appartamentini, potresti cedere l'usufrutto della tua quota - il valore reale ricavato (minimo) mettilo su un nuovo c/c di un'altra banca a te intestato, possibilmente fuori della tua provincia - non è una garanzia che non ti verrà pignorato ma, almeno non sarai accusata di averlo occultato. Oppure, usalo per difenderti !

    4. Prendi un esperto (non ci sono alternative) devi "obbligare" il tuo amministratore a fare un "concordato preventivo" ... in questo modo l'azienda potrà presentare in tribunale un piano di risanamento che prevede delle perdite anche per le Banche ! Sia in conto capitale che in conto interessi. Ricordati che non è solo una questione formale il risanamento ma, deve essere un PIANO SOSTENIBILE dal punto di vista operativo e reale! Tieni presente che il 40% dei concordati preventivi, NON vengono approvati in Tribunale quindi si finisce in un fallimento.

    5. Infine, se questo ultimo passo non ti riesce, puoi solo provare a fare delle strategie DILATORIE cioè, trovare delle soluzioni con un avvocato che ti permettano di incasinare la parte legale della società in modo da prendere tempo.... non è una grande soluzione ma, a volte, con il tempo le cose si risolvono. Forse le banche diventano un pochino più flessibili, forse vendi un paio di appartamenti ecc...

    6. Strategia psicologica. Conosco molto bene la situazione nella quale ti trovi in quanto, incontro ogni settimana aziende che hanno questi problemi gravissimi in tutta Italia. Devi difenderti anche psicologicamente per non farti devastare dalla disperazione e dalla depressione. La tua famiglia, i tuoi figli sono la tua forza.
     
    A Tobia, H&F e Bagudi piace questo elemento.
  19. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Mi fa piacere leggerti su questo post.
    Ho cercato di tamponare da solo la situazione perchè meritava ogni attenzione e solidarietà. Spero che seguano i nostri consigli.
     
    A angelhouse e slucidi piace questo messaggio.
  20. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    avresti dovuto chiedere informazioni prima di entrare in società con una s.r.l., ora se ti hanno dato dei crediti e fiducia la devi mantenere, altrimenti il problema cade su altri
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina