1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Giampiero

    Giampiero Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    L’art. 8 legge n. 590/1965 dispone che in caso di vendita da parte del proprietario del fondo concesso in fitto a coltivatore diretto (o ad uno degli altri soggetti ivi indicati), quest'ultimo ha diritto di prelazione, alle stesse condizioni, "purchè coltivi il fondo stesso da almeno due anni"(art. 7 L. 817/71).

    Soltanto nel caso di rinuncia da parte del coltivatore fittuario, il diritto di prelazione insorge in capo al proprietario del fondo confinante a condizione che anche costui sia in possesso dei requisiti richiesti dal citato art. 8 (sia, cioè, coltivatore diretto ecc. ) e che sul suo fondo non siano insediati mezzadri, coloni, fittuari ecc.

    Quanto al concetto di fondo "contiguo" e di "confinante" deve trattarsi di una contiguità fisica e materiale per cui il diritto non sorge in capo al proprietario del fondo se i due fondi sono separati da una strada pubblica ( Cass. SS.UU. n.25.3.88).

    Si ritiene, invece, che non si tratti di separazione se la strada è privata ed è stata creata dai due vicini per uso esclusivo; parimenti confinanti debbono considerarsi quei fondi che, originariamente contigui, siano stati artificialmente separati (specie se fraudolentemente) da una striscia incolta di dubbia utilizzazione agricola (Cass. 2781/l988), oppure che la "separazione" consista in uno ostacolo "naturale" come un fosso, un filare di alberi e simili, o in uno ostacolo che risulti in rapporto di adiacenza ed in funzione della destinazione agricola (Cass. 1548/21.2.85).

    Per reperire notizie certe circa la qualifica reale dei confinanti, oltre che chiedere ai diretti interessati puoi rivolgerti alle CCIAA, alle organizzazioni sindacali, di categoria, all'INPS (per le ditte ed i pensionati coltivatori diretti). Sarà difficile nella pratica ottenere notizie certe anche in relazione alla tutella della privacy da parte di associazioni ed INPS
     
  2. elio

    elio Membro Junior

    Privato Cittadino
    il diritto di prelazione spetta solamente all'affittuario coltivatore diretto, basta che abbia coltivato il fondo per almeno un anno ho subito se ha un contratto di affitto regolarmente registrato, se l'affittuario rinuncia o non esercita il diritto di prelazione, può venderlo a chi vuole, il vicino coldiretto non ha più nessun diritto di prelazione. Se non vi è l'affittuario, tutti i vicini coltivatori diretti hanno il diritto di prelazione da esercitare entro 30 giorni dalla comunicazione di vendita o entro un anno se non c'è stata nessuna comunicazione.
    saluti elio
     
  3. aleandro

    aleandro Membro Attivo

    Privato Cittadino
    concordo con elio
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina