• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Miramare

Nuovo Iscritto
Professionista
Devo mettere in vendita un fabbricato del centro storico costruito prima nei primi del 1900.
Mi trovo in un comune in cui esiste un regolamento edilizio del 1936. Ma il fabbricato è stato costruito sicuramente prima.
Non ho trovato una sorta di permesso a costruire o primo titolo edilizio.
Quando andrò a redigere la relazione di conformità urbanistica devo per forza specificare il titolo edilizio con cui si è costruito ex novo tutto?

Oppure, come penso di fare, dichiaro edificio anteriore al regolamento del 1936 e indico i titoli edilizi di ristrutturazione presenti (a partire dagli anni 50)?
 

brina82

Membro Senior
Professionista
Devo mettere in vendita un fabbricato del centro storico costruito prima nei primi del 1900.
Mi trovo in un comune in cui esiste un regolamento edilizio del 1936. Ma il fabbricato è stato costruito sicuramente prima.
Non ho trovato una sorta di permesso a costruire o primo titolo edilizio.
Quando andrò a redigere la relazione di conformità urbanistica devo per forza specificare il titolo edilizio con cui si è costruito ex novo tutto?

Oppure, come penso di fare, dichiaro edificio anteriore al regolamento del 1936 e indico i titoli edilizi di ristrutturazione presenti (a partire dagli anni 50)?
Ti rispondo anche di qua: la prima planimetria esistente (probabilmente catastale) di che anno è?

Per la vendita basta indicare "ante '67" e l'atto non è nullo (pena nullità va indicato ante '67 oppure citato il titolo di costruzione, che in effetti manca).

Come già detto, devi studiare la storia delle pratiche e capire se siano state svolte tutte correttamente (nei limiti del buon senso e di come si "operava" una volta).
 

Jan80

Membro Senior
Professionista
Aggiungo solo che i Comuni sono tenuti a conservare le pratiche edilizie solo dal 1945 in poi (non ricordo la legge).... Le restanti pratiche spesso sono state dismesse creando un fondo nell'archivio di stato della provincia (alle volte anche nell'archivio storico del comune).

Potresti provare a cercare anche lì, per trovare un titolo precedente.
Nella mia zona in archivio di stato si trovano autorizzazioni di oltre un secolo fa.
 

Miramare

Nuovo Iscritto
Professionista
Planimetria catastò del 1939.
Indico ante 67?
Ma devo comunque indicare tutte le licenze/pratiche/protocolli inerenti al fabbricato (le ho dagli anni 50)..?
 

brina82

Membro Senior
Professionista
Planimetria catastò del 1939.
Indico ante 67?
Ma devo comunque indicare tutte le licenze/pratiche/protocolli inerenti al fabbricato (le ho dagli anni 50)..?
Puoi indicare ante 67.
Non è necessario citare gli altri titoli/pratiche, anche se non è vietato.
Probabilmente ti faranno dichiarare che l'immobile è conforme ai vari titoli ecc. (per questo fossi in te li ricontrollerei).
 

Miramare

Nuovo Iscritto
Professionista
Puoi indicare ante 67.
Non è necessario citare gli altri titoli/pratiche, anche se non è vietato.
Probabilmente ti faranno dichiarare che l'immobile è conforme ai vari titoli ecc. (per questo fossi in te li ricontrollerei).
Sono nel centro storico. Mi sembrava di aver letto che nei centri storici L ante 67 non valeva. Ma io potrei dichiarare anche ante 42.
Inoltre ti ricordo che esiste un regolamento comunale del 36.
 

brina82

Membro Senior
Professionista
Sono nel centro storico. Mi sembrava di aver letto che nei centri storici L ante 67 non valeva. Ma io potrei dichiarare anche ante 42.
Inoltre ti ricordo che esiste un regolamento comunale del 36.
Nei centri storici non vale ante '67 come legittimità, ma vale in termini di bontà (non nullità) dell'atto.

Direi che se l'immobile rispecchiava (la prima planimetria) i requisiti del regolamento del 1936 vai tranquillo, altrimenti sì, farei ricerche atte a dimostrare che fosse precedente.
 

marcanto

Membro Senior
Professionista
Per attestare la legittimità prima del 1939, potrei suggerire di considerare le possibilità offerte attualmente dal 380/2001 (vi è un un'articolo specifico, che non ricordo quale) che tiene in conto i riferimenti catastali, i primi.
Se nei periodi successivi vi sono stati interventi assentiti (tanto meglio) direi di riportarli tutti a dimostrazione della regolarità dei lavori sucessioni.
 

marcanto

Membro Senior
Professionista
Si, perché non farlo .....sta verificando, se li troverà davanti prima o poi.
Edificio 1900 con tutti gli interventi assentiti è una cosa unica e rara 😀
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ciao a tutti vorrei un aiuto io ho il rogito tra due settimane solamente che cambiando lavoro e avendo i giorni di prova nella nuova azienda l azienda nn mi ha confermato e quindi ho perso il lavoro la fortuna che il Giorno dopo ho iniziato a lavorare tramite una mia conoscenza però senza contratto indeterminato inizialmente cn un contratto di un mese e poi può farmelo indeterminato la mia domanda il mutuo può avere
Alto