• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

anticus

Membro Junior
Privato Cittadino
Ciao a tutti,

vorrei farmi mettere un controsoffitto con isolante acustico per salvarmi dai rumori del piano di sopra (senno' sto pensando di cambiare casa :sob:)

il problema è che il mio appartamento ha un altezza dal suolo di 2,70m che è il minimo per l'agibilità (quindi se lo ribasso con un controsoffitto potrei aver grane a venderlo in futuro).

Però ho trovato alcuni riferimenti al "Decreto 26 giugno 2015" , secondo cui sarebbe possibile scendere di 10 centimetri (quindi 2,60m di altezza) in caso di isolamento dall' interno per riqualificazioni energetiche:

“Negli edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni importanti, o a riqualificazioni energetiche […], nel caso di installazione di impianti termici dotati di pannelli radianti a pavimento o a soffitto e nel caso di intervento di isolamento dall’interno, le altezze minime dei locali di abitazione previste al primo e al secondo comma, del decreto ministeriale 5 luglio 1975 (nota 1), possono essere derogate, fino a un massimo di 10 centimetri. "

(vedi: Altezza minima dei locali abitabili in edifici oggetto di retrofit energetico
e: https://www.studiotecnicopagliai.it/wp-content/uploads/2017/03/ALTEZZE-DM-26-06-2015.pdf )

Sembrerebbe quindi il mio caso, dato che per isolare acusticamente tutto il soffitto metterebbero della lana di roccia, che sicuramente isola anche termicamente...
Qualcuno mi può confermare se in questo modo posso procedere al lavoro senza perdere l'agibilità ?:riflessione:

Grazie!
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Per rientrare nella deroga devi raggiungere i valori minimi previsti dalla normativa, spesso ripresa da quella regionale. Non si può quindi di aggiungere semplicemente della lana di roccia per poter derogare fino a 10 cm l'altezza utile minima, ma ci deve essere un progetto a monte, che comunque può prevedere anche altri interventi per raggiungere il minimo previsto, come nuovi infissi, cappotto interno o esterno anche alle pareti verticali, modifica dell'impianto di risaldamento, .....
 

anticus

Membro Junior
Privato Cittadino
Grazie della risposta @Jan80

quindi immagino che dovrei procedere così ? (tiro ad indovinare):
- farmi fare il progetto da un tecnico (geometra, architetto, o altro?)
- farmi fare i lavori (serve anche una CILA ?)
- ri-farmi fare la dichiarazione d'agibilità da suddetto tecnico..
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Non sbagli, ma qui non si è parlato di superbo us 110%.
Eventualmente si potrà accedere al l'ecobonus al 65% ma si dovrà fare almeno un intervento di manutenzione straordinaria. Meglio parlarne con un termotecnico che magari ti segua anche la parte edilizia.
 

anticus

Membro Junior
Privato Cittadino
Ho parlato con una ditta che fa insonorizzazione per appartamenti, e mi hanno assicurato che gli interventi che fanno loro (in questo caso controsoffitto) sono per loro stessa natura "rimovibili", quindi non necessitano di nessun permesso etc, e non vanno a incidere sull'agibilità (anche se ribassassimo a 2,50m) quindi anche in caso di vendita non avrei nessun problema.

Secondo voi è così ?
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Ho parlato con una ditta che fa insonorizzazione per appartamenti, e mi hanno assicurato che gli interventi che fanno loro (in questo caso controsoffitto) sono per loro stessa natura "rimovibili", quindi non necessitano di nessun permesso etc, e non vanno a incidere sull'agibilità (anche se ribassassimo a 2,50m) quindi anche in caso di vendita non avrei nessun problema.

Secondo voi è così ?
Dipende molto dal Comune: alcuni superano le altezze inferiori dovute a controsoffitti non strutturali, altri no.
 

davideboschi

Membro Assiduo
Privato Cittadino
quindi immagino che dovrei procedere così ? (tiro ad indovinare):
Ti sei dimenticato che qualcuno dovrà verificare che la normativa (locale, non solo nazionale) ti permetta di fare quello che hai in mente.

La ditta che hai consultato ti dice che manterrai l'agibilità? Probabilmente è vero, ma non dimenticare che a loro interessa fare i lavori.

Io un tecnico indipendente lo sentirei. O al limite due: un termotecnico che ti confermi che i lavori che vai a fare rientrano nelle normative opportune, e un civile che ti confermi che con quel tipo di lavori il Comune non farà storie.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve... E' possibile fare delle tramezzature con la creazione di stanze in un C2 (locale ad uso deposito) lasciando sempre la stessa categoria catastale?
Formatore Agenti ha scritto sul profilo di aleph.
Buongiorno sig Aleph.
Se è interessato al mio corso di preparazione per il superamento dell'esame in camera di commercio mi chiami pure al 3393498848.
Sono tanti anni che preparo gli agenti immobiliari per il superamento di questo esame. Ho creato delle dispense specifiche con tutte le nozioni utili per superare l'esame e un corso di 10 lezioni da 3 ore tramite l'applicazione Zoom.
Alto