1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. agata1980

    agata1980 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Risulto acquirente di una bella casa, come nuda proprietaria, in cui i miei genitori vivono ed hanno l'usufrutto. Ovviamente al tempo l'ho "comprata" con il loro denaro.
    Vorrei sapere come tutelarmi da eventuali future rivalse dei miei fratelli : possono avanzare pretese sulla casa? Se si, c'è qualcosa che posso fare adesso per tutelarmi, prima che essi avanzino pretese?
    Chiedere una loro rinuncia al bene o altro?
    Specifico che i miei fratelli hanno ricevuto entrambi una casa quando si sono sposati, sebbene di modesto valore rispetto a quella intestata a me.
    Grazie.
     
  2. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Fino all'apertura della successione nulla è possibile per evitare l'azione di riduzione.Dato che è solo una questione di differenza di valore,non penso smisurato,dovrai versare un conguaglio ai tuoi fratelli per la differenza.Altrimenti rinunciare ad un tot. di beni ereditari sino al ripristino delle quote di legittima.
    In ogni caso la Donazione diventa inimpugnabile dopo 20 anni dalla trascrizione,genitori in vita.Altrimenti dopo 10 dalla morte del donante.
     
    A m.barelli piace questo elemento.
  3. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Vorrei fare una precisazione: La donazione diventa inimpugnabile dopo 20 anni dalla trascrizione solo verso il terzo acquirente cioè da chi ha acquistato l'immobile dal donatario.
    In parole povere l'azione di riduzione promossa da un erede legittimo leso nei suoi diritti è ammessa fino a dieci anni dalla morte del donante.
    Si potrà quindi rivalere nei confronti del beneficiario della donazione senza limiti di tempo dalla donazione stessa. Non si potrà rivalere sul terzo acquirente che ha acquistato un immobile donato da più di 20 anni.
     
    A eldic, Bagudi e Bastimento piace questo elemento.
  4. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    una integrazione rispetto alle ottime risposte precedenti. Poichè i tuoi genitori hanno la possibilità di devolvere una quota disponibile della loro eredità a chi vogliono controlla se la quota disponibile è capiente rispetto alla differenze di valore e nel caso falla inserire nel loro testamento (sempre che sia possibile da un punto di vista dei vostri rapporti). Una ragione potrebbe essere proprio quella di chiarire in vita in modo evitare litigi tra i propri figli quando non c'è più la possibilità di rimediare.
    Ciao
    Kurt
     
  5. Sciarpa Bianca

    Sciarpa Bianca Membro Attivo

    Privato Cittadino

    Scusa Marcello....!
    Se la "donazione" è fatta con dispensa da collazione.....cosa succede ???
    Grazie
     
  6. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    La collazione è istituto peculiare alla divisione ereditaria ed è l’atto con il quale i discendenti e il coniuge che accettano l’eredità conferiscono all'asse ereditario (in natura o per imputazione) quanto ricevuto dal defunto in donazione. La collazione è obbligatoria per legge salvo che il donatario ne sia dispensato dal donante nei limiti della quota disponibile (art. 737, c 1., cod. civ.)
    Visto che la legittima è protetta per legge il donante può far quello che vuole solo con la quota disponibile
    Kurt
     
    A marcellogall piace questo elemento.
  7. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    La collazione è disciplinata per legge e, come ti ha ben risposto Kurt, il donante può fare ciò che vuole solo con la quota disponibile.
     
  8. Sciarpa Bianca

    Sciarpa Bianca Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Vorrei spiegarmi meglio.....!

    La donazione a mia Moglie dell'appartamento è stata fatta ed accettata in conto legittima e per l'eventuale supero gravante sulla disponibile del patrimonio ereditario con dispensa da collazione .
    Precisamente il 02 Aprile 2013, tale atto è stato trascritto, in data 02 Aprile 2013, uno dei donanti (mio suocero) è venuto a mancare .
    Abbiamo intenzione di vendere l'appartamento donato (....sono trascorsi 20 anni dalla trascrizione, senza alcuna opposizione da parte dei due fratelli ).

    Ci saranno problemi con la Banca che concederà il mutuo al compratore ???

    Nella Dichiarazione di successione, che faremo entro i 12 mesi dal decesso, andrà indicata la predetta "donazione con dispensa da collazione", visto che nel testamento del de cuius non ne è stata fatta menzione ???

    E' conveniente, procedere prima alla vendita del suddetto appartamento, e, successivamente alla Dichiarazione di Successione ???

    Grazie .
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina