1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Gli Agenti Immobiliari, per il loro tipo di lavoro, devono far conoscere ad un numero elevato di persone, potenziali acquirenti, gli immobili acquisiti e che propongono in vendita. Pubblicizzare, comunicare, informare, illustrare , convincere, far comprare. Questa è l’ essenza del lavoro del mediatore immobiliare.
    Qual è la strategia comunicativa migliore nel tempo di internet, della connessione globale di tutti con tutti?

    Il “classico” cartello sull’ingresso del portone del palazzo ove si trova l’appartamento vendita?[​IMG]

    Lo striscione sul balcone dell’ appartamento da cedere?[​IMG]
    L’inserzione sul quotidiano della città?[​IMG]


    L’annuncio su i vari giornalini free che si stampano e rilasciano in distribuzione gratuita in edicole, bar e altri esercizi pubblici?

    Oppure l’inserzione sui corposi giornali di annunci delle varie città che si acquistano in edicola?

    Con costose pubblicità in riviste prestigiose e platinate?[​IMG]

    Con i cartelli fotografici nella vetrina dell’agenzia ?[​IMG]

    Con annunci ed inserzioni fotografiche nei tanti portali di annunci immobiliari che si trovano su internet?[​IMG]

    Con siti web personali?

    Anche se Internet ha rivoluzionato il mondo e le tecniche di comunicazione, si può correttamente affermare che, il buon vecchio cartello di una volta, attaccato al portone del palazzo, la fa ancora da padrone nel diffondere in giro la notizia di un appartamento in vendita?

    Un altra domanda:
    chi ha uno studio al settimo piano, oppure lavora da casa (come l'ottimo Maurizio Zucchetti[​IMG]), come riesce a sopperire in termini comunicativi alla mancanza di una “vetrina su strada”?

    Infine:in questi periodi di crisi, nei quali occorre abbattere le spese e i costi di gestione, quale potrebbe essere il giusto mix di strumenti media (media planning) per garantire all’immobile in vendita una comunicazione “mirata” e poco costosa, ma che assicuri, comunque, un ottimo rapporto costi - contatti?

    Ringrazio anticipatamente.
     
    A m.barelli piace questo elemento.
  2. spitaleri

    spitaleri Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    il cartello,per quanto mi riguarda,SPACCA.tira di piu' del web.
    Da precisare che io ne metto un numero sconsiderato:D
     
  3. Ivanhoe1986

    Ivanhoe1986 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    La presenza sul posto e sul territorio è sempre un punto fondamentale nelle promozione e pubblicizzazione di un immobile. Puro MARKETING, nelle forme più svariate, che permette di far conoscere l'agenzia e l'oggetto della vendita.
    TUTTAVIA oggi, a seconda della fetta di mercato cui ci si rivolge, diventa INDISPENSABILE essere presenti ATTIVAMENTE anche sul web, sui social media, dove la gente passa gran parte del suo tempo (Facebook e Youtube in primis).
    L'online fornisce una pubblicità gratuita di portata enorme, una visibilità che difficilmente si potrebbe avere senza.
    Professionisti a 360 gradi, capaci di seguire la clientela fisica e "virtuale".
    Consiglio per tutti: non dimenticare mai le basi del Marketing sul territorio, ma valorizzare tutte le tecniche di Social Media Marketing.

    Ivan Fiscarelli
     
    A Damiameda e m.barelli piace questo messaggio.
  4. enzo6

    enzo6 Ospite

    Premesso che il cartello ha sempre rappresentato un mezzo di vendita affidabile ritengo che in questo momento di mercato rappresenti uno strumento superato e talvolta dannoso.
    In una fase in cui esiste una incredibile mole di invenduto la presenza di tantissimi cartelli sugli stabili tende ad accentuare la sensazione di crisi del mercato contribuendo a deprimerne il valore. Inoltre la presenza per mesi dei medesimi cartelli conferma alla clientela l'attuale situazione e la incoraggia a presentare proposte tanto al ribasso da non essere accettate.
    Peraltro ormai la clientela si è abituata a vedere descrizione, prezzo, foto su web ove si rivolgono i clienti maggiormente interessati poichè esso da loro una visione completa con facoltà di paragone tra le diverse proposte immobiliari.
    Credo oggi il cartello sia utile durante il primo mese di vendita e che oggi sia ancora utilizzato poichè è un mezzo di promozione gratuito.
    A conferma di quanto sopra vorrei rimarcare la forte riduzione di incisività che hanno subito i cartelli sulla vetrina delle agenzie, tanto da indurre molte operatori a lavorare in uffici non piu' su strada.
     
    A Bagudi, Graf e pensoperme piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina