1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. dario22

    dario22 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ciao,
    una informazione.
    Dovrei far istallare un condizionatore (con pompa di calore).

    Ho visto nei vari centri commerciali, ma non danno informazioni precise.
    Dicono:

    1) il pagamento va fatto anticipato, SOLO tramite bonifico bancario
    2) le spese di istallazione, più tuberie varie non si possono detrarre al 50 %, nemmeno
    se il lavoro viene fatto da loro 'installatori.
    3) ho letto da qualche parte "non ad alta efficienza", cioè ????
    E' vero ???

    Quindi se il condiz. costa 1000, e il lavoro degli installatori 600, potrò detrarre solo i 500 del condiz. (in 10 anni).

    Giusto ?
     
  2. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Puoi scegliere se detrarre con le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico oppure con quelle inerenti la ristrutturazione ma seguono iter burocratici distinti soprattuto nel caso di quella sul risparmio energetico quando si parla di alta efficienza si fa riferimento a specifiche tabelle individuate dall’Agenzia delle Entrate i cui valori minimi dipendono dal tipo di pompa di calore che viene scelta.


    Guida dell'Agenzia delle Entrate per il risparmio energetico
    http://www.agenziaentrate.gov.it/wp...&CACHEID=972de1004cb4440e8ce4adee74cdf8bd

    Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del Dl 63/2013) al 31 dicembre 2013, per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti, spetta una detrazione del 65%. Le spese sostenute precedentemente fruivano, invece, della detrazione del 55%. Dal 1° gennaio 2014 la detrazione sarà del 36%, cioè quella ordinariamente prevista per i lavori di ristrutturazione edilizia.

    Cosa cambia rispetto a quella sulla ristrutturazioni?
    (pag 24 sintesi degli adempimenti)
    Oltre a dover far riferimento alle specifiche tabelle individuate dall’Agenzia delle Entrate i cui valori minimi dipendono dal tipo di pompa di calore che viene scelta, l'iter burocratico con la presentazione entro 90 giorni dalla fine dei lavori all'ENA di:
    • copia attestato di certificazione energetica
    • scheda informativa relativa agli interventi effettuati
    La data di fine lavoro coincide con il collaudo; la trasmissione deve essere telematica tramite il sito dell'Enea, mentre la documentazione inviata al loro indirizzo (vedi pag 21… dove trovi anche cosa fare se i lavori proseguono oltre il periodo d'imposta)

    IVA agevolata 10%?
    Si, vedi sotto.

    -----------------------------

    Guida dell'Agenzia delle Entrate sulle ristrutturazioni

    http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Ristrutturazioni+edilizie+le+agevolazioni+fiscali/GUIDA+Ristrut_edilizie.pdf

    Cosa posso detrarre?

    Si può ottenere la detrazione del 36 (50% per i pagamenti effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) anche per l'installazione di condizionatori con pompa di calore, non ad alta efficienza. Le opere finalizzate al risparmio energetico possono essere realizzate in assenza di opere edilizie propriamente dette, come in genere avviene per l'installazione dei moderni condizionatori d'aria.

    Naturalmente, per parlare di intervento diretto al risparmio energetico, è necessario che il condizionatore sia utilizzabile anche ai fini del riscaldamento per la stagione invernale, ad integrazione o sostituzione dell'impianto di riscaldamento autonomo o centralizzato già esistente.
    Quindi deve avere anche la pompa di calore (come tu precisi)

    La detrazione
    La detrazione viene ripartita in 10 rate (10 anni).
    E' possibile detrarre la fattura dell'acquisto e della manutenzione.
    E' necessario presentare le fatture e i relativi bonifici di pagamento (in cui è rintracciabile codice fiscale di chi beneficia delle agevolazioni, c.f.o partita IVA di chi riceve il pagamento.), non bisogna + inviare, prima dell'inizio dei lavori, la comunicazione al Centro Operativo di Pescara dell'Agenzia delle Entrate, ma i dati che venivano richiesti nel modulo verranno indicati nella dichiarazione dei redditi come ad esempio i dati catastali dell'immobile….

    Mi serve SCIA/CIL...?
    No: Installazione condizionatori > attività libera.

    IVA Agevolata al 10%?
    Si, è possibile richiedere l’applicazione di un’aliquota IVA ridotta al 10% (anziché l’aliquota ordinaria del 21%) su una parte dei “beni significativi” utilizzati per la ristrutturazione.
    Si può richiedere all'installatore di applicare l'IVA del 10% alle prestazioni di servizi e sulla parte del valore del condizionatore (bene significativo) che non eccede il valore dell'installazione e delle materie prime e semilavorate.

    ESEMPIO: son stati spesi 10.000 euro di cui 4.000 per la prestazione lavorativa e 6.000 per l’acquisto di beni significativi (split e motore). Sui 6.000 euro di beni significativi, in questo caso, l’IVA agevolata al 10% si applica solo su 4.000 euro,cioè sulla differenza tra l’importo complessivo dell’intervento e quello dei beni significativi (10.000 – 6.000 = 4.000).

    Sul valore residuo degli split e motore (2.000 euro), dunque, si applica l’IVA nella misura ordinaria del 21%.

    Dovrai presentare all'installatore una dichiarazione di responsabilità tipo questa:


    ////////////////////----------------/////////////////////


    Il/la sottoscritto/a....

    consapevole delle sanzioni previste dall’art. 76 del Testo Unico, D.P.R. 28/12/2000 n. 445, e della decadenza dei benefici prevista dall’art. 75 del medesimo T.U. in caso di dichiarazioni false o mendaci, sotto la propria personale responsabilità,


    DICHIARA

    di aver diritto all'aliquota agevolata del 10%, con le limitazioni relative ai c.d. “beni significativi” di cui al Decreto del Ministero delle Finanze 29 Dicembre 1999 (circolare del 29 Dicembre 1999 n. 247/E), per lavori di manutenzione straordinaria definiti dall’art. 31, lett. b), della Legge 5 Agosto 1978 n. 457 e realizzati sull'immobile con destinazione prevalente di abitazione, ai sensi dell’art. 7, comma 1, lett. b) della Legge 23 Dicembre 1999 n. 488, come modificato dagli artt. 1, comma 18, della Legge 24 Dicembre 2007 n. 244 e 2, comma 15, della Legge 22 Dicembre 2008 n. 203.
    Il/la sottoscritto/a si impegna a comunicare tempestivamente ogni eventuale fatto o circostanza che faccia venir meno il diritto alla sopra indicata agevolazione, al fine di consentire l’emissione della fattura integrativa per la differenza di aliquota, secondo quanto previsto dall’art. 26, comma 1, del D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633 e successive modifiche ed integrazioni.

    Data........ Firma..........


    ////////////////////----------------/////////////////////​
     
    A Piero Leli, dario22 e Umberto Granducato piace questo elemento.
  3. dario22

    dario22 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Io non sto facendo ristrutturazioni.
    Voglio solo acquistare un condizionatore, quindi mi spetta il 50 o 65% di detrazione ??

    Altra domanda posso acquistare io il condizionat. (e detrarre),
    e poi fare istallare da un tecnico (e detrarre) ???

    O devo fare tutto assieme ?
     
  4. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    io non capisco quale energia si risparmia con l'installazione di un condizionatore :risata:
     
  5. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Ha la pompa di calore... praticamente considerano che quando fa meno freddo accendi la pompa di calore... risparmi quindi sull'accensione dell'intero impianto a gas... che risulta essere + economico quando a pieno regime... (cioè nei mesi + freddi)
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  6. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    non tutti hanno la pompa di calore. A me sembra che i clima producano solo sprechi. oltre a consumare energia (infatti negli anni scorsi si sono verificati black out a livello nazionale), surriscaldano le città. Trovo assurdo che si diamo incentivi per questo.
     
  7. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Perchè si parla di ristrutturazione anche quando devo installare un condizionatore?
    dalla Treccani...
    ristrutturazióne s. f. [der. di ristrutturare]. – L’azione di ristrutturare, il fatto di venire ristrutturato, spec. come complesso di interventi con cui si dà nuova struttura a organizzazioni, imprese economiche, fabbricati, ecc. in relazione a determinate esigenze: r. di un appartamento, di un albergo; r. di un complesso industriale, mediante nuovi impianti, nuovi metodi di lavorazione, o con altre innovazioni dirette a rendere il complesso più efficiente e i prodotti più competitivi o più rispondenti alle richieste del mercato (quando l’innovazione riguarda il tipo di produzione, si parla più propriam. di riconversione);....

    La scelta del 50%/65% da cosa dipende?
    Dalla tipologia di impianto se rispetta la tabelle inerenti il risparmio energetico avrai il 65%.
     
  8. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non ho letto la norma spero si tratti di almeno di clima in classe A+
     
  9. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Infatti l'incentivo non è su tutti ma su quelli con pompa di calore.
     
  10. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Classe A+?
     
  11. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Per farti un esempio concreto, in questa pagina vedi uno schema degli ecoincentivi (magari al supermercato li chiamano così) ma che sono legati sempre alla ristrutturazione
    http://climatizzazione.mitsubishielectric.it/it/informazioni-utili/ecoincentivi/

    Il produttore come vedi... nella colonna di destra identifica con un preciso documenti quali apparecchi possono usufruire della detrazione al 65%.

    Qui ti riassumono... in breve...
    http://climatizzazione.mitsubishiel...i/pdf/Tabella_riepilogativa_Eco_incentivi.pdf
     
  12. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Dell’ampio riepilogo della normativa già cortesemente riportato da @ludovica83 volevo sviluppare i seguenti particolari

    1. per quel che risulta a me, i permessi riguardano due aspetti

    a. ricorrente è la regola condominiale che consiste nel far disporre la motocondensante esterna non visibile dall’esterno cioè per esempio coperta dalla fascia dei parapetti di balconi o terrazzi o a livello terreno se c’è un giardino o in una chiostrina interna (se silenziosi) od altre posizioni equivalenti.
    La regola potrebbe essere contenuta nel regolamento di condominio, se abbastanza recente, o in una delibera oppure non essere specificata da nessuna parte. Poi vedi meglio tu il tuo caso particolare.
    b. Pur essendo frequente l’uso di non chiedere alcun permesso come è stato detto, non bisogna neanche dimenticare che la realizzazione di impianti tecnologici ex novo è manutenzione straordinaria (art. 3 comma 1 punto b) D.P.R. 380/01) quindi soggetta a C.I.L.A. (art. 6 comma 2 lettera a) e comma 4 del D.P.R. 380/01) ). Ciò anche perché mi risulta che, per la detrazione fiscale, sia necessaria una autocertificazione in tal senso, nel caso non ci sia bisogno di permessi. D’altra parte trattandosi di impianti di ridotta rilevanza i Comuni possono farla rientrare nella AEL attività edilizia libera con una disposizione delle NTA norma tecniche di attuazione del PRG piano regolatore generale. Per quel che è capitato a me veniva considerata AEL, se la motocondensante era di potenzialità non superiore a 5 KW di assorbimento elettrico.
    Se l’immobile è soggetto a vincolo in sé stesso o di zona occorrerebbe, comunque Cila o non Cila, la autorizzazione paesaggistica che può essere richiesta in forma semplificata con diritto ad una risposta entro, mi sembra ora, 45 gg.
    Meglio puoi accertare i tuoi adempimenti al riguardo informandoti anche direttamente presso l’Ufficio Edilizia privata del tuo Comune.

    2.Riguardo le due possibilità di detrazione che ti sono state già ampiamente chiarite rimane da aggiungere che

    a. le pompe di calore sono ammesse alla detrazione del 50% sia come intervento singolo sia se abbinato alla ristrutturazione dell’immobile: ciò diversamente da come mi sembra avvenga per i mobili, probabilmente perché già la installazione delle pompe di calore è di per sé stessa una manutenzione straordinaria, come sopra accennato. Quindi, come ti ha già chiarito @ludovica 83 sono entrambe applicabili sia quella del 50% sia quella del 65%. Se non ho capito male non devi ristrutturare il tuo immobile quindi, non dovendo fare la detrazione del 50% sul resto della ristrutturazione, potresti fare una sola pratica al 65% limitata alle pompe di calore, anche perché dal 2009 al riguardo l’APE attestato di prestazione energetica (primo riquadro a pag. 24 della guida), può essere sostituito da una certificazione della Ditta costruttrice sull’alta efficienza delle macchine (combinato disposto art. 31 L. 99/09, L. 244/07 finanziaria 2008 e L. 296 comma 347 finanziaria 2006). Devo ammettere però che ancora non mi sono avvalso di questa possibilità, quindi non ti so dire esattamente se è facile reperirla o meno.
    Poi vedi meglio tu quale è il tuo caso specifico.

    b. Tutte le spese connesse alla installazione possono essere detratte comprese le assistenze murarie, l’installazione del Frigorista, le parcelle dei professionisti, le spese per la eventuale Cila, eventuale autorizzazione paesaggistica ecc.

    3. Riguardo il requisito dell’alta efficienza mi regolerei così:

    a.anche se le macchine dovrebbero ormai essere tutte sufficientemente efficienti, darei comunque una bella controllata all’etichetta ed al catalogo, in particolare perché. almeno da quello che ho potuto capire io, la distribuzione commerciale dei condizionatori avviene in due canali distinti e separati. Tramite i Supermercati sono venduti modelli con prezzi e prestazioni ridotti e tramite gli Installatori macchine diverse con prezzi e prestazioni migliori
    b.La definizione di efficienza è cambiata dall’inizio del 2013 ed in etichetta dovrebbe ora comparire il Seer seasonal energy efficienty ratio per il reffrescamento e lo Scop seasonal coefficient of performance per il riscaldamento (che tengono conto della funzionalità inverter). Tuttavia, se non sull’etichetta, almeno in catalogo dovrebbe essere riportata l’efficienza dell’abbinamento motocondensante-unità split interne con il precedente criterio: gli analoghi Eer energy efficienty ratio e Cop coefficient of performance (che tenevano conto di una funzionalità solo on/off della macchina),che servono ora solo per confronto con i requisiti delle detrazioni fiscali, la cui normativa è rimasta impostata su questi ultimi citati.
    L’argomento sarebbe interessante, ma non mi dilungo oltre se non per aggiungere che per la stessa macchina l’efficienza in etichetta con i nuovi criteri Seer/Scop risulta maggiore di quella con il precedente criterio Eer/Cop cui fa riferimento la normativa. Quindi devi stare attento a confrontare l’efficienza energetica minore, quella con il vecchio criterio che potrebbe non essere in etichetta ma in altro documento, con i requisiti di cui al D.M.E.F (allora Ministero Economia e Finanze ora MISE) 06/08/09 allegato I
    I margini infatti mi risultano ristretti: per un caso che mi è capitato recentemente, costituito da un abbinamento, credo di qualità acquistato tramite Installatore, Daikin aria-aria 2MXS50H (motocondensante), FTXS25K ed FTXS35K (2 unità split interne),ho potuto fare il seguente confronto
    - Seer riportato in etichetta 6,52 classificato A++, mentre l’Eer riportato in catalogo, che qui ci interessa, è 3.73, di poco superiore il limite di 3,4 imposto per la detrazione dal D.M.E.F. 06/08/09 allegato I
    -Scop riportato in etichetta 4,00 classificato A+, mentre il Cop riportato in catalogo, che qui ci interessa, è 3,94, di pochissimo superiore il limite di 3,90 imposto per la detrazione dal D.M.E.F. 06/08/09 allegato I
    c. con la detrazione del 50% non devi fare questo confronto, ma hai spese di gestione maggiori ed una minore detrazione.
    Quindi vedi tu cosa si addice di più al tuo caso

    4. l’IVA può essere al 10% sull'acquisto delle pompe di calore se acquistate dall’Appaltatore (sempre con la ripartizione fra 10% e 21% che ti è stata già indicata), diversamente se la acquisti direttamente tu rimane l’aliquota ordinaria al 21% o quella che sarà. La relativa installazione ed opere connesse scontano sempre l'IVA al 10%, le parcelle dei Professionisti l'IVA al 21% od altra che sarà


    Un saluto a tutti
     
    A dario22 e ludovica83 piace questo messaggio.
  13. dario22

    dario22 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Verso le ultime righe dici:

    c.con la detrazione del 50% non devi fare questo confronto, ma hai spese di gestione maggiori ed una minore detrazione.

    Che intendi x spese di gestione ??

    Altra domanda, com è la procedura da seguire?
    Un professionista deve farmi delle pratiche ?
    E' da inviare qualcosa all'Enea ?
    Il bonifico va fatto PRIMA dei lavori ?
     
  14. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    http://www.immobilio.it/threads/ins...5-per-risparmio-energetico.28590/#post-333267
    Trovi tutto nel post... inclusa la spiegazione diretta dell'AdE nel documento in PDF di tutto quello che devi fare.

    Non confondere la detrazione del 50% della ristrutturazione con quella del risparmio energetico del 65% che segue procedure ben diverse... appunto la comunicazione all'Enea oltre a tutte le tabelle inerenti ai requisiti.

    Sulle spese maggiori non so a cosa si riferisca... semmai lo vedo + macchinoso dover fare comunicazione all'enea etc...
    Io ho fatto gli interventi lo scorso anno ed ho fatto rientrare tutto sotto la normale ristrutturazione. Se decido di mettere i condizionatori... dovendo fare solo quello come lavoro... faccio quella al 65%... perché mettere una pompa di calore non ad alta efficenza.. non lo vedo un ottimo investimento per la casa.
     
  15. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Al tuo posto mi regolerei così:

    1. per spese di gestione principalmente intendevo il consumo elettrico della macchina a parità di clima interno ottenuto.
    Poi, anche se non è detto che una Ditta che fabbrichi una valida macchina fornisca anche una buona assistenza post vendita, collateralmente c’è la questione della assistenza tecnica locale più meno valida nel senso che se la macchina ha qualche problema interno (e può succedere) l’Installatore che l’ha montata non mette le mani dentro la macchina, ma deve uscire il Tecnico della Ditta costruttrice.

    2. per quel che risulta a me, devi solo entro 90 gg. dal “collaudo dei lavori” mandare all’Enea la documentazione richiesta. Nel tuo caso di lavoro privato per collaudo si può intendere ai sensi del c.c. quando tu accetti l’opera, che non essendo immagino scritto da nessuna parte, potrebbe coincidere per semplicità con la data di quando tu paghi il saldo.
    La documentazione speciale da predisporre nel tuo caso potrebbe essere ridotta ai seguenti due documenti

    a.da conservare agli atti ed eventualmente consegnarne copia al Commercialista per convincerlo ad applicare la detrazione:
    certificazione della Ditta costruttrice che attesti che la pompa di calore abbia i requisiti Cop e Eer almeno pari a quelli fissati dal D.M. 06/08/09 con la riduzione del 5% se le macchine hanno l’inverter (ormai credo ce l’abbiano quasi tutte) ed inoltre che il sistema di distribuzione è equilibrato e messo a punto in relazione alla portata.
    Se per un qualche motivo non fosse possibile ottenere questa certificazione, devi allora per forza ricorrere ad un Certificatore abilitato che ti certifichi questa rispondenza delle macchine a quei requisiti minimi richiesti.
    Inoltre devono essere conservati (ed eventualmente consegnati al Commercialista) la seguente documentazione ordinaria: ricevuta dell’invio all’Enea (codice CPID),le fatture, i bonifici sempre obbligatori se il Committente è come te persona fisica contenenti l’indicazione di: riferimento alla legge finanziaria 2007, numero e data fattura pagata, c.f. tuo e c.f./p.IVA del beneficiario

    b.da inoltrare all’Enea:
    scheda informativa dell’intervento modello E allegato al D.M. 07/04/08, sulla compilazione del quale chiarisce la Guida alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico che nel caso delle pompe di calore deve essere effettuata da un Tecnico abilitato oltre che firmata dal Committente.

    Quindi almeno per la scheda informativa modello E serve il Tecnico. Tuttavia trattandosi solo di un modulo a scopi statistici, chiederei alla Ditta installatrice se pensa lui alla compilazione con un Tecnico di sua fiducia ed ad un costo contenuto.

    3. I bonifici, per quel che risulta a me, è preferibile farli prima dei lavori solo per acquisto materiali e macchinari, mentre quelli dell’installazione li farei durante od alla fine dei lavori preferibil-mente ad una sola Ditta al fine di evitare il discorso del coordinamento fra più Ditte per la sicurezza a carico del Committente.

    Mi scuso se per altri impegni non potessi aggiungere eventuali altri messaggi a questa discussione.

    Un altro saluto a tutti.
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  16. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Grazie @m.barelli per le precisazioni.
     
    A m.barelli piace questo elemento.
  17. dario22

    dario22 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Deciso faccio il 50 %.
    Ma Ipotesi
    - se compro condizionatori da solo e pago con bonifico, ho il 50 %.

    Per la manodopera come mi comporto ?
    Faccio fare il lavoro e POI pago con bonifico (e pure qui avrò il 50 %), o c'è un'altra prassi ?
     
  18. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Per la detrazione del 50% al posto tuo mi orienterei così, poi vedi meglio tu che conosci la situazione concreta

    Sono ammesse alla detrazione tutte le spese connesse all’installazione compreso:
    - l’acquisto delle macchine direttamente da te o tramite Installatore non fa differenza relativamente alla detrazione IRPEF. D’altra parte l’acquisto tuo sconta l’IVA al 21%, mentre tramite l’Installatore una parte andrebbe al 10% (pari alla mano d’opera, fermo restando che la mano d’opera di per sé va sempre al 10%) ed il resto dell’acquisto delle macchine andrebbe al 21% come ti ha già chiarito @ludovica83.
    - riguardo i bonifici comunque dovrai farne almeno due: uno all’inizio per l’acquisto delle macchine, comunque previo rilascio di fattura o del Supermercato o dell’Installatore, ed uno alla fine per l’installazione, entrambi detraibili allo stesso modo.
    - se acquisti da te i macchinari, possibilmente, mi orienterei su una funzionalità di raffrescamento estivo classificato A++ e di un riscaldamento invernale A+. La macchina può avere o meno opzioni interessanti come la regolazione della direzione del flusso con telecomando o manuale, il sensore di presenza, la funzione solo deumidificazione ecc. Poi devi decidere se mettere le canalizzazioni sotto traccia od in canalina esterna; per il condizionatore in genere è preferibile fare una linea elettrica dedicata con partenza dal quadro generale. Se invece ti colleghi in una scatola del circuito F.M. devi fare istallare un sezionatore nei pressi della motocondensante per poter togliere corrente per manutenzione, pulizie ed eventuali guasti.
    Poi mi informerei dell’assistenza della Casa costruttrice nella tua zona, di come registrare il prodotto, della garanzia e mi andrei a scaricare dal sito della Casa costruttrice il libretto di istruzioni ed il catalogo e me lo studierei in anticipo in modo da capire meglio cosa compri e poter chiedere eventuali chiarimenti all’Installatore od al Venditore.
    - nei bonifici dovranno essere indicati la tipologia dei lavori, preferibilmente anche l’ubicazione, il numero e la data della fattura che paghi, il c.f. tuo ed il c.f./p. IVA del beneficiario. I bonifici di ristrutturazione già da tempo si possono fare, volendo, anche on line.
    - se non devi chiedere permessi dovresti predisporre una autocertificazione che essi non sono previsti, redatta secondo le indicazioni del D.P.R. 445/00 come ti ha già chiarito @ludovica83. Ciò anche perché il Commercialista o Caf per attivare la detrazione in genere vuole vedere o una Scia o questa autocertificazione.
    - questa documentazione la devi conservare tu per eventuali controlli e solo darne copia al Commercialista o Caf per giustificare la detrazione.

    Un saluto a tutti
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  19. cucuro

    cucuro Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Salve,
    Siccome si tratta di un intervento per il risparmio energetico, può essere “agganciato” il bonus sui mobili?
     
  20. dragstar

    dragstar Membro Junior

    Privato Cittadino
    mi riallaccio al post, io sto per comprare sia caldaia a condensazione in sostituzione di una vecchia caldaia, sia i clima con pompa di calore.

    Se fossero separati potrei detrarre il 65% da entrambi, mentre essendo che cambio entrambi come funziona?

    Caldaia al 65%, clima al 50%, entrambi IVA al 10% per manodopera etc.

    O posso scalare il 65 da entrambi?

    Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina